• Google+
  • Commenta
7 settembre 2015

Riforma pensioni 2015: stop uscita anticipata, ultimissime della Cgil

Ultime notizie riforma pensioni 2015: stop uscita anticipata, Cgil “Le coperture ci sono”, ecco le ultimissime notizie sulla riforma delle pensioni, opzione donna e quota 100 oggi

Riforma pensioni: lavoratori precoci infuriati per lo stop alla pensione anticipata.Non ci sono le coperture” ma le aspettative sulla proroga Opzione Donna restano alte.

Procedono gli interventi del Governo Renzi a favore degli esodati: la settima salvaguardia della riforma pensioni riparerà i danni attuali della Legge Fornero.

Dalla Cgil Lamonica interviene “Se si vuole le coperture si trovano

Attesa per il confronto di mercoledì 9 settembre in Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati sul tema della riforma pensioni 2015.

Ultime notizie riportano aggiornamenti sulla pensione anticipata, di cui si erano occupati Damiano e Baretta. Stando alle ultime news il Governo Renzi e il ministro dell’economia Padoan al recente incontro che si è tenuto a Cernobbio hanno affrontato temi presenti all’interno della Legge di Stabilità 2016, ma di pensione anticipata neanche l’ombra. A confermare le preoccupazioni dei lavoratori precoci è stato il messaggio da Palazzo Chigi “Non ci sono le coperture. Dovremmo aprire un negoziato con la Commissione di Bruxelles ma quello lo faremo per strappare più flessibilità sui parametri legati agli investimenti, non per la spesa pensionistica”.

Ma Vera Lamonica, segretaria confederale della Cgil, interviene nel dibattito sulla previdenza, ribadendo che la Legge Fornero ha prodotto “risparmi colossali”, “tali da consentire interventi di attenuazione della rigidità e dell’iniquità che la caratterizzano“.

Continuano ed essere alte le aspettative per Opzione Donna, mentre si continua a lavorare per la settima salvaguardia.

Riforma Pensioni 2015: pensione anticipata rimandata all’anno prossimo?

Il tema caldo delle pensioni ogni giorno alimenta accese discussioni e dibattiti e trovare una soluzione che riesca a salvaguardare gli interessi di tutti sembra una soluzione impossibile. Nonostante le numerose proteste e gli animati appelli da parte dai lavoratori precoci agli esponenti della politica, la riforma pensioni 2015 prevista nella prossima Legge di Stabilità non sembra prevedere delle manovre circa l’introduzione dell’uscita anticipata dal mondo del lavoro.

Niente flessibilità in uscita, come prospettato da Damiano, almeno per il momento. Tito Boeri, presidente dell’Inps aveva già minacciato che sarebbe stato difficile trovare le coperture, è così è stato. E se l’ultimo messaggio da Palazzo Chigi lascia intendere che per il momento le proteste devono essere placate a favore di altri interventi fiscali, non sembra pensarla allo stesso modo Vera Lamonica, segretaria confederale della Cgil: “È indispensabile che la legge di stabilità affronti il tema delle pensioni, introducendo quella flessibilità necessaria da un lato a dare risposte più eque a chi è in procinto di uscire dal mondo del lavoro e dall’altro in grado di consentire l’accesso allo stesso per i giovani. Le risorse, quando vi è l’intenzione, si cercano e si trovano“.

Riforma pensioni 2015: interventi anche per Opzione Donna ed Esodati

Le recenti dichiarazioni del dirigente sindacalista alimentano speranze in un intervento dell’ultima ora da parte del Governo Renzi: “La flessibilità in uscita – spiega Lamonica – è necessaria per dare risposte ai lavoratori e alle lavoratrici che non possono rimanere al lavoro perché svolgono mansioni improponibili alle età previste, perché precoci o perché non hanno più un’occupazione”. L’intervento urgente sulla riforma pensioni 2015 è necessario anche perché altrimenti, se non si consentissero uscite graduali e flessibili, si continuerebbe a bloccare l’accesso dei giovani al lavoro. Per quanto riguarda la relativa copertura finanziaria “le scelte di politica economica annunciate dal governo dimostrano che, quando lo si vuole, le risorse si cercano e si trovano“.

Cresce la sensibilizzazione circa la riforma delle pensioni, sia Lega Nord che Movimento 5 Stelle non hanno mai nascosto la volontà di votare a favore sia della proroga dell’Opzione Donna che della settima salvaguardia degli esodati.

Si attendono conferme che garantiscano che il lavoro a favore dei cittadini sul tema previdenziale sia stato portato avanti con la giusta attenzione.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy