• Google+
  • Commenta
6 ottobre 2011

Elezioni politiche in Polonia: i partiti rincorrono i giovani elettori

Il voto dei giovani polacchi sembra essere determinante per l’esito della competizione elettoraleIl 9 ottobre, i cittadini polacchi sono chiamati a scegliere i loro rappresentanti al Sejm, la Camera bassa, e al Senato. Questa tornata elettorale assume una particolare importanza per il governo polacco che, dallo scorso luglio, ha assunto il mandato di Presidenza del Consiglio Europeo.

Le ultime elezioni politiche del 2007 avevano visto prevalere il partito di centro Platforma Obywatelska (PO), Piattaforma Civica, con un buon margine di vantaggio; il successo di Piattaforma Civica si è ripetuto anche alle elezioni presidenziali del 2010, con la vittoria di Bronisław Komorowski su Jarosław Kaczyński, ex premier e candidato del partito di destra Prawo i Sprawiedliwość (PiS), Diritto e Giustizia.

Negli ultimi sondaggi, il partito di governo è dato ancora in vantaggio ma il margine è così ristretto che non sembra garantire la certezza della vittoria elettorale. Per molti analisti politici, l’esito delle elezioni sarà determinato dal voto dei giovani che, già nel 2007, erano stati fondamentali per il successo di Piattaforma Civica.

Ad oggi, tuttavia, il partito di governo sembra aver perso il sostegno di gran parte dell’elettorato giovanile. Nelle città, infatti, il PO subisce la concorrenza di un nuovo partito, il Movimento Palikot che, invocando la “modernizzazione” della Polonia, ha attirato a sé molti giovani: il programma politico di Palikot, anti-clericale e anti-conservatore, prevede la liberalizzazione delle droghe leggere, la riduzione delle restrizioni all’aborto e la fine dell’educazione cattolica nelle scuole pubbliche. Su queste tematiche, Piattaforma Civica risulta adottare posizioni più conservatrici, in considerazione della sua tradizione cattolico – laburista e dell’elettorato moderato che rappresenta.

Nelle campagne, invece, nonostante la crescita economica degli ultimi anni, molti giovani non sono riusciti a trovare un posto di lavoro fisso e soddisfacente: per questo motivo, l’elettorato giovanile sembra rispondere al richiamo degli slogan populisti e anti-establishment del PiS di Kaczyński, che ha assunto forti toni di difesa nazionale.

Per ora, Piattaforma Civica sembra riuscire a conservare il vantaggio sulle altre forze politiche: Alleanza Democratica della Sinistra (Sojusz Lewicy Demokratycznej) contende il terzo posto al Partito Agrario (Polskie Stronnictwo Ludowe) ma i voti di entrambi potrebbero essere utili in vista di una coalizione di governo con il PO. Jędrzej Wijas, un giovane candidato dell’Alleanza Democratica della Sinistra ha voluto “risvegliare le coscienze” dei suoi concittadini a suon di heavy metal: il suo spot elettorale ha sicuramente animato una campagna elettorale poco originale nei temi e nelle forme.

Se Piattaforma Civica riuscirà a mobilitare gli elettori indecisi e a riconquistare il voto dei giovani negli ultimi giorni di campagna elettorale, è possibile, dunque, che il risultato delle elezioni possa garantire un buon successo per la formazione di governo.

Pasqualino Guidotti

Google+
© Riproduzione Riservata