• Google+
  • Commenta
18 febbraio 2012

Città a misura di studente: l’Europa batte tutti!

Nonostante la crisi economica, l’indebitamento pubblico, la disoccupazione ad alti livelli e il forte senso di smarrimento politico, l’Europa vanta ancora una volta un importante primato nella classifica mondiale delle migliori città per gli studenti universitari. Parigi e Londra, infatti, occupano il primo e il secondo posto di una graduatoria di 700 città universitarie, ordinate per qualità/costo della vita e reputazione accademica.

La classifica è stata stilata dagli specialisti della Quacquarelli Symonds (QS), un centro di ricerca internazionale specializzato nell’analisi di informazioni sul mondo universitario e dell’istruzione superiore. “Andare all’università non significa solo scegliere l’istituzione più prestigiosa” – ha affermato Nunzio Quacquarelli, direttore del centro – “per questo abbiamo deciso di valutare anche il luogo più accogliente e a misura degli studenti”.

Scorrendo la classifica, dunque, si trovano ben sei città europee nella top ten: oltre a Parigi e Londra, ci sono Vienna (5° posto), Zurigo (7° posto), Berlino e Dublino (8° posto, pari merito). La prima città italiana in graduatoria è Milano (21° posto), mentre l’Australia è l’unico Paese a vantare due città tra le prime dieci (Melbourne 4° posto e Sidney 6°). A sorpresa, l’unica città americana nella top ten è Boston (3° posto).

La ricerca scientifica, alla base di questa classifica, ha misurato diversi parametri di ciascuna città universitaria: in particolare, gli studiosi della Quacquarelli Symonds hanno valutato non solo la presenza di atenei prestigiosi ma anche il numero di scambi internazionali e il rapporto tra costo e qualità della vita. Inoltre, lo studio ha tenuto conto di una serie di fattori che permettono di misurare lo standard di vita dei cittadini, quali la presenza di criminalità, la stabilità politica, il rispetto dei diritti civili, il clima e il traffico.

In conclusione, dunque, i risultati della classifica della QS hanno premiato le città europee che, a differenza di altre località, riescono ancora a coniugare l’eccellenza delle proprie università con la qualità di servizi offerti ai cittadini e, in questo caso, agli studenti.

Google+
© Riproduzione Riservata