• Google+
  • Commenta
26 marzo 2012

Corso per una nuova Protezione Civile Europea

Un corso per favorire la nascita di una Protezione Civile Europea e per formare dirigenti in grado di comunicare e gestire le situazioni difficili, anche missioni internazionali.

Il corso, “Media and security strategy”, avrà luogo presso la Scuola Superiore Sant’Anna tra domenica 25 e venerdì 30 marzo, con la partecipazione di dodici dirigenti delle Protezioni Civili Nazionali di Stati Europei in veste di allievi, selezionati dall’Unione Europea.

Le lezioni, si inquadrano nel progetto di “European Civil Protection Training Programme, DG Humanitarian Aid & Civil Protection” promosso dalla Commissione Europea. Esse saranno lezioni teoriche alternate ad esercitazioni sul campo, quest’ultime saranno molto importanti per la buona riuscita del corso e costituiranno un’autentica vittoria per il “sistema Italia”, come spiega Andrea de Guttry, responsabile del progetto e docente di Diritto Internazionale.

Al termine del corso i dodici dirigenti saranno capaci di ricoprire i ruoli di “security officer” e di “media officer” nell’ambito di Missioni Europee di Protezione Civile, con particolare occhio di riguardo alle missioni internazionali a cui parteciperà anche l’Unione Europea.

Egli sostiene: «Nella realizzazione dei corsi il coinvolgimento di tutte le strutture operative del “sistema Italia”, coordinate dal Dipartimento Protezione Civile, dalla Scuola Superiore Sant’Anna e dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, hanno rappresentato e rappresentano a livello Europeo un’eccellenza nel settore della formazione di cui possiamo andare fieri».

Le esercitazioni vedono il coinvolgimento attivo delle istituzioni che ricoprono il Sistema di Protezione Civile italiano, il Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Livorno, il Centro Croce Rossa Italiana di Ospedaletto (Pisa) ed il Comando della Polizia Provinciale di Pisa.

Ed è proprio grazie al supporto attivo di esse, coordinate dal Dipartimento della Protezione Civile e dalla Scuola Superiore Sant’Anna, che le esercitazioni, non risultano soltanto possibili, ma anche veritiere e realistiche.

Il Ten.Col. Italo Spalvieri, Comandante del Reparto Operativo Aeronavale delle Fiamme Gialle di Livorno riferisce: «Dopo la positiva esperienza del 2011, anche quest’anno la Guardia di Finanza prenderà parte all’esercitazione di Protezione Civile che, oltre a rappresentare un validissimo strumento in grado di far interagire Enti ed organismi strutturalmente diversi tra loro, costituisce al contempo un reale ed utile banco di prova per il Corpo che da diversi anni opera costantemente nell’ambito di importanti missioni internazionali. Per l’occasione verrà impiegato un guardacoste d’altura, nello specifico il G. 104 Apruzzi, la prima unità navale ad arrivare sul luogo del naufragio della ‘Concordia’ la tragica notte del 13 gennaio 2012».

Google+
© Riproduzione Riservata