• Google+
  • Commenta
12 aprile 2012

Dior: dopo Galliano arriva Simons

Habemus papam!!!!! Questa è stata probabilmente la frase che ieri risuonava nei corridoi della maison francese di Dior. Dopo quasi un anno, è stato eletto il nuovo Art Director, della linea haute couture, pret à porter e accessori donna,  Raf Simons.                             44enne belga, stilista maschile, si è approcciato nel mondo della moda femminile solo nel 2005; ex stilista per Jil Sander, che  nell’ultima sfilata parigina Autumn/Winner 2012/2013, ha ricevuto una miriade di applausi accompagnati da una lunghissima standing ovation.

Il suo stile è lineare, minimalista, con dettagli futuristici, dai colori pieni e mai eclatanti, abiti sobri, come sobria è la sua personalità: l’emblema della pacatezza e della razionalità; quella mezza passerella per salutare il pubblico che lo acclama, un timido saluto, con i suoi pull over scuri, agli antipodi con il vecchio art director, il re della scena, l’egocentrismo puro, l’esagerazione dal sapore orientale con riferimenti sempre retrò espressa su tessuti, sulle scenografie e sulle sue apparizioni, l’irriverenza e la follia,  John Galliano.

Galliano venne licenziato in tronco, per le sue frasi di stampo razzista e per acclamazioni a Hitler, per i suoi colpi di testa e per i suoi vizi, che sicuramente non facevano onore all’azienda, dopo aver lavorato quattordici anni per la maison, fondata da Christian Dior negli anni 50, dove sicuramente ha lasciato una notevole impronta di stile, e probabilmente  ha segnato l’era Dior By John Galliano, mettendo in ombra il nome dell’azienda con il proprio; sicuramente ci si pone il dubbio che a casa Dior bisognasse rinnovare l’aria, e probabilmente è stato un buon pretesto per farlo. La maison ha visto l’alternarsi di tanti celebri nomi, dallo stesso fondatore, Christian Dior, che segnò notevolmente gli anni 50, con  l’invenzione del new look, con il corpetto e la gonna a corolla, passando da Yves Saint Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferrè.

Raf Simons esordirà  in passerella con il nuovo incarico, a luglio al Paris Fashion Week, con la collezione spring/summer 2013; tutto il mondo della moda, i media, gli appassionati avranno gli occhi puntati su di lui, per cogliere le differenze sostanziali con il suo predecessore e le affinità stilistiche con lo storico brand. Che con Simons ci sia un ritorno alla sofisticata femminilità del “new look“?

 

 

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy