• Google+
  • Commenta
26 aprile 2012

Il “sogno” di Montezemolo alla Stanford University

In visita alla Silicon Valley in California, area in cui si trovano alcune tra le aziende leader a livello mondiale nei settori dell’elettronica e dell’informatica, Luca Cordero di Montezemolo ha tenuto ieri una lezione nell’auditorium della Stanford University, davanti ad oltre 600 studenti.

Nel corso della lezione, il Presidente della Ferrari ha spinto i giovani uditori, che ha poi definito “potenziali clienti”, a perseguire nei loro sogni, esordendo così: “Non sono qui a vendere macchine, ma a comunicare un sogno“. Montezemolo ha continuato: “Siate creativi, seguite i vostri obiettivi, usate le tecnologie, dominate l’innovazione, ma non dipendete mai dalle macchine, siate piloti della vostra vita, non smarrite mai per strada la curiosità per ciò che vi circonda“.

Montezemolo ha poi sottolineato l’efficacia del lavoro di squadra e l’importanza di una buona  leadership: “La visione è qualcosa di cruciale per le persone che lavorano con voi. Date loro obiettivi chiari, priorità chiare e date a tutti la possibilità di far carriera internamente”. Il Presidente della Ferrari ha concluso tra gli applausi dei giovani universitari: “Intelligenza e idee innovative possono contribuire a cambiare il mondo e disegnare il futuro. La passione e l’attenzione per i dettagli sono ciò che rende le nostre auto, quelli che le creano e che le guidano così  speciali: vivere in un entusiasmo continuo” .

Il discorso di Montezemolo richiama alla mente la lezione tenuta presso la stessa università da Steve Jobs, l’indimenticato fondatore della Apple, il 12 giugno 2005 in occasione della consegna delle lauree. Il suo messaggio: “Siate affamati, siate folli” è rimasto scolpito nelle menti di tutti coloro che hanno avuto modo di udirlo grazie ad i numerosi media che l’hanno ripreso, entrando così nella storia.

Nel corso della visita, come previsto dal programma, Montezemolo ha anche incontrato Tim Cook, amministratore delegato di Apple, ed i fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin, con cui ha avuto modo di parlare dell’industria del Cavallino. Il Presidente ha così raccontato l’incontro con Cook: “Sono rimasto colpito dalla sua disponibilità e apertura. Noi costruiamo macchine, loro costruiscono i computer.. Ma Apple e Ferrari sono legati dalla stessa passione, lo stesso amore per il prodotto, una attenzione maniacale alla tecnologia, ma anche al design”.

Non si può certo non sottolineare che la visita di Montezemolo alla Silicon Valley, il suo discorso tenuto a Stanford e l’industria Ferrari stessa contribuiscono a rendere onore alla nostra nazione nel mondo.

 

Google+
© Riproduzione Riservata