• Google+
  • Commenta
25 aprile 2012

Lavoro a tempo indeterminato? Diventa prete

In questo periodo di crisi, la Chiesa spagnola lancia un messaggio davvero originale per tutti i giovani in cerca di lavoro, diventare prete! Certo la tentazione è assai forte ma non tutti condividono la scelta di essere “testimoni del Signore”, anche se in gioco c’è una posta molto alta.

Dopo il video che ormai sta girando il web “Te prometo una vida apasionante”, il concetto di vocazione passa in secondo piano, infatti la Chiesa vuole puntare sul lavoro fisso, sulla retribuzione assicurata che permetterebbe a molti giovani di vivere felicemente in un momento di recessione che la Spagna (e non solo) sta vivendo. Secondi gli ultimi dati, la metà dei giovani spagnoli al di sotto dei 25 anni è disoccupato, un dato davvero raccapricciante che trova sollievo solo nelle moderne strategie di marketing dei sacerdoti spagnoli.

 La campagna, promossa dalla Conferenza episcopale spagnola, è costata 7 mila euro ed è stata diffusa su tutti i social network, siti tanto cliccati ogni giorno dai giovani, che sta suscitando polemiche e forte reazioni. La nuova campagna ha come obiettivo proprio quello di “reclutare” giovani nella chiesa, non solo spinti dal lavoro fisso ma anche di far emergere quella vocazione nascosta.

Perché no, una buona ricetta per ridurre la disoccupazione giovanile e in compenso far diventare i giovani membri della chiesa, dato che l’età media dei sacerdoti nella penisola iberica oscilla dai 63 ai 72 anni. Quella che un tempo era la cattolicissima Spagna, ora si è ridotta a pochi fedeli praticanti e pochi sacerdoti giovani. L’abito nero farà gola a molti giovani? Secondo i nove sacerdoti presenti nel video, i quali manifestano tutte le buone occasioni che i ragazzi di oggi stanno accantonando, la chiesa è davvero una scelta di cui nessuno si pentirà mai. Invece la reazione di Mario Monti è tutt’altro che comprensibile “Una vita appassionate con il posto fisso? La solita pubblicità ingannevole”.

Per visualizzare il video: http://www.youtube.com/watch?v=k1pY_IugQfY

Google+
© Riproduzione Riservata