• Google+
  • Commenta
29 Maggio 2012

start Cup

Hanno ideato un macchinario capace di rigenerare i liquidi di penetrazione usati in campo industriale, trasformando un rifiuto in un prodotto riutilizzabile. Con questo progetto il gruppo “The Recovers” dell’Istituto Malignani di Udine, composto da Alessia Russo, Giovanni Sistarelli, Marco Francaviglia e Simone Macorigh, si è aggiudicato il primo premio alla finale di Start Cup Young 2012, ovvero l’iscrizione gratuita per un anno all’Università di Udine per tutti i componenti del gruppo. Nel corso della cerimonia svoltasi all’auditorium Zanon di Udine sono state premiate le idee più innovative della gara tra scuole secondarie di secondo grado promossa dall’Università di Udine e dalla Fondazione Crup con il supporto della Provincia di Udine e della Regione Fvg. Per l’edizione 2012 il focus era incentrato in particolare su progetti legati alla valorizzazione del patrimonio culturale e alla salvaguardia dell’ambiente.

 

A condurre l’evento il presentatore e autore radiotelevisivo Federico Taddia e l’ideatrice di Start Cup Young Manuela Croatto, un tandem affiatato e consolidato, accompagnati dalle brillanti performances della Banda Osiris. Sul palco sono saliti per premiare i vincitori il rettore dell’Università di Udine, Cristiana Compagno, il presidente della Fondazione Crup Lionello D’Agostini, l’assessore regionale all’Università Roberto Molinaro, il presidente del consiglio provinciale Marco Quai, Edgarda Fiorini e Fabrizio Peresson di Confartigianato Udine, Roberto Pizzutti, presidente Wwf Fvg, Marino Visintini, presidente del circolo Legambiente di Udine, Andrea Volpe dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Udine.

 

«In un mondo sempre più competitivo – ha ricordato Compagno – essere creativi e innovativi saranno caratteristiche imprescindibili e strategiche per costruire il proprio futuro. In quest’ottica Start Cup Young vuole stimolare i giovani più attenti e curiosi, avvicinando il mondo della ricerca universitaria e dell’impresa a quello della scuola».  «Sono molto soddisfatta per i risultati raggiunti – ha proseguito Manuela Croatto -. È stata un’esperienza faticosa ma entusiasmante, ho incontrato ragazzi svegli e capaci, desiderosi di mettersi in gioco». Molto contento anche il presidente della Fondazione Crup D’Agostini che ha sottolineato l’importanza della sinergia tra Università e Fondazione a sostegno dell’innovazione.

 

Al secondo posto si è classificato il gruppo “Toeletta a domicilio” dell’Istituto Deganutti di Udine con un progetto per realizzare, con furgoni attrezzati, servizi di toelettatura a domicilio per animali. Grazie al sostegno di Confartigianato Udine è stato inoltre possibile far salire sul terzo gradino del podio due gruppi ex-aequo che hanno sviluppato idee imprenditoriali dedicate, rispettivamente, al recupero dell’immobile ex Dormisch di Udine per la creazione di un centro giovanile integrato (gruppo “Ex Dormisch” dell’Istituto Deganutti) e allo sviluppo di un agriturismo coordinato con la rete dell’albergo diffuso, dei farmer’s market e del piacere di una vita slow, strutturato sul modello della realtà contadina novecentesca con cucina tipica friulana (gruppo “La Turga” dell’Istituto Zanon). Ai primi classificati andrà un bonus per l’iscrizione gratuita per un anno all’Università di Udine (1.525 ciascuno), i secondi si sono aggiudicati un bonus pari alla seconda rata di iscrizione (935 euro) mentre i dieci componenti dei due gruppi arrivarti al terzo posto riceveranno un bonus pari alla prima rata di iscrizione (590 euro per ciascun componente). Queste le scuole coinvolte nel progetto: Istituto tecnico “G. Bearzi” (Udine), Isis “R. D’Aronco”  (Gemona), Itsse “C. Deganutti” (Udine), Isis “A. Malignani” (Udine), Ite “A. Zanon” (Udine), Ipsia “G. Ceconi” (Udine), Itc “Einaudi/Malignani 2000” (Palmanova), Itis Kennedy (Pordenone), Liceo classico Leopardi-Majorana (Pordenone), Liceo scientifico “M. Grigoletti” (Pordenone), Liceo scientifico “G. Orberdan” (Trieste).

 

Tre menzioni speciali sono state assegnate al gruppo “Smart Touch” (Istituto Bearzi di Udine) per l’orientamento all’imprenditorialità, al gruppo “Learnplanet.com” (Liceo scientifico Grigoletti di Pordenone) per la qualità del lavoro svolto e al gruppo “4 Air Cleaners” (Istituto Malignani di Udine) per l’attenzione alla sostenibilità ambientale. Il riconoscimento di “Scuola più innovativa” è andato al Malignani di Udine.  Per il gruppo “Smart Touch” nel caso di avvio di una nuova azienda a carattere artigianale Confartigianato Udine metterà a disposizione l’iscrizione gratuita per il primo anno di attività con la possibilità di accedere senza costi aggiuntivi alle prestazioni ed alle agevolazioni previste. I membri di “4 Air Cleaners” avranno per un anno la tessera di iscrizione a Legambiente e la possibilità di effettuare visite guidate all’area marina protetta di Miramare grazie al Wwf. Il gruppo “Learnplanet.com”, invece, grazie all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Udine, frequenterà uno stage formativo personalizzato in materia di organizzazione e comunicazione per le impresi di servizi.

 

A valutare i migliori business plan è stato un comitato scientifico composto da Manuela Croatto, responsabile di Start Cup Young, Gianluca Gortani, direttore di Confartigianato Udine, Guido Nassimbeni, docente di Economia aziendale e Strategia aziendale alla facoltà di Ingegneria dell’Ateneo friulano, Marco Pezzetta, consigliere della Fondazione Crup e presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Udine. L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il patrocinio del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca-Ufficio scolastico regionale del Fvg. È sostenuto da PNI Cube, associazione degli incubatori e delle business plan competition italiane, da Netval, network per la valorizzazione della ricerca universitaria e dal Festival della Scienza di Genova.

 

 

 

 

 

 

Google+
© Riproduzione Riservata