• Google+
  • Commenta
28 agosto 2012

Un indice per la moda sostenibile

La Sustainable Apparel Coalition è un gruppo di oltre 60 marchi leader di abbigliamento e calzature, distribuzione, fornitura, organizzazioni no-profit e non-governative che lavora per ridurre l’impatto ambientale e sociale dei prodotti vestimentari nel mondo.
Ne fanno parte aziende come Adidas, Asics, Coca Cola, H&M, e altri giganti del settore.
SAC ha sviluppato uno strumento per valutare la performance ambientale dei prodotti di abbigliamento, che si chiama Higg Index.
L’indice valuta un complesso ambito di variabili, divise in diversi capitoli, che coprono l’intero Ciclo di Vita di del prodotto (Life Cycle Management: LCM): materiali, packaging, manifattura, trasporto, assistenza e riparazioni, fine vita del prodotto.
I parametri sono molti: si va dalla lista del fornitori alla responsabilità per le sostanze chimiche, dal design inteso a ridurre il packaging al rapporto detersivi/acqua per i lavaggi.
Certo la moda al momento non pare disposta a sacrificare i rutilanti shopper di carta e plastica o a controllare la quasi infinita serie di terzisti che compongono la filiera, per verificare che ognuno di essi adotti determinate pratiche di sostenibilità.
È evidente però che la tendenza è questa: i big del mondo ci sono forse anche per poter dire la loro su questo delicato argomento e difendere i loro interessi, ma se ci sono significa che sentono la necessità di prendere posizione sulle tematiche ambientali.

Fonte Immagine: www.csrandthelaw.com

Google+
© Riproduzione Riservata