• Google+
  • Commenta
21 settembre 2012

Ma ‘ndò vai se lo stacchetto non ce l’hai?

Ci siamo! Anche quest’avventura è arrivata alla fine. Dopo una lunga estate caldissima finalmente Ezio Greggio e la “giuria tecnica” hanno deciso. Lo storico tg satirico, Striscia la notizia, oltre a rinnovarsi nella conduzione (al posto di Enzo Iacchetti vedremo già a partire da lunedì prossimo Michelle Hunziker) avrà anche due nuove reclute.

Stiamo parlando di Alessia Reato e Giulia Calcaterra che prenderanno il posto delle ormai veterane Costanza e Federica.

Le due new entry hanno dovuto superare migliaia di aspiranti veline. Uno scontro tra titani a colpi di stacchetti, mise più corta e tacchi vertiginosi, lacrime facili e urlo sempre a portata di mano, perché si sa: non c’è vittoria senza urlo. Quell’acuto finale quando ti dichiarano velina è importante! Devi esternare la tua contentezza e quale modo migliore se non un bell’urlo? E se proprio vuoi dare sfoggio di tutte le tue potenzialità corri da mammà e papà e abbracciali ringraziandoli che ti hanno fatto bella, mora o bionda e velina.

Ma si sa non c’è spettacolo che tenga. Le critiche sono sempre lì, dietro l’angolo, pronte a colpire quando meno te lo aspetti. Fin dall’inizio c’era aria di tempesta: Veline è un flop! Ascolti bassissimi. Gli italiani si stanno rivoltando, si pensava. Basta gambe e cervello di gallina? Ovviamente no!

Quello che serviva era uno scossone: perché non fare un pò di gossip sulle aspiranti “ragazze da bancone”? Ed in men che non si dica ecco la nuova fiamma di Balotelli ma non finisce qui. Dopo il famoso “vaffa…” di Miss Puglia durante le fasi finali di Miss Italia, Veline viene accusata di “razzismo”. Come dimenticare il caso dell’aspirante velina Jessica Rizzo esclusa solo per un caso di omonimia? I giurati si sono giustificati dicendo che non se la sentivano di mandare in finale una ragazza che aveva lo stesso nome di una pornostar.

“Veline è un gioco e bisogna prenderlo come tale” dichiarava Rosa Perrotta nell’intervista rilasciata al nostro giornale qualche tempo fa. Ed è proprio per questo motivo che non dobbiamo vedere sempre e solo il lato negativo delle cose. Le nuove veline hanno un sogno in comune: laurearsi! C’era chi voleva fare l’ostetrica, chi l’avvocato e non mancava chi voleva diventare giornalista.

Chi l’avrebbe mai detto, lo studio prima di tutto! Ma ne siamo sicuri?

La prima a dimenticarsi di questa “regola” è stata la velina mora che poco dopo essere stata proclamata velina, in un’intervista, ai microfoni di Studio Aperto, dichiara: “Essere velina è il punto di partenza migliore che una si possa immaginare”. Dal sogno tanto osannato di laurearsi in Scienze Politiche a dichiarare di aspirare a diventare una show girl o conduttrice televisiva è facile confondersi. Su non siamo così cinici! Può capitare.

D’altronde nel corso della serata finale Ezio Greggio continuava a ripetere che per le finaliste non elette non c’era da preoccuparsi: “Mediaset ha già in mente qualcosa per voi! Ma non solo per voi: infatti dovete sapere che durante quest’estate Mediaset vi ha osservato…”. Ed ecco che in quattro e quattr’otto, Veline è pronto a trasformarsi in ufficio di collocamento.

Ed è qui che l’interrogativo è d’obbligo: “Perchè? Perché imbottirsi di triennali, specialistiche, master in giornalismo o conduzione televisiva se poi basta sgambettare un po’ di qua e un po’ di là per realizzare il sogno di una vita intera?”.

Perché parlare di “fuga di cervelli” o condannare l’Italia perché non investe nella ricerca se poi sfondare nello spettacolo come velina, letterina, miss o altro è quello che conta realmente nel nostro Paese?

E nel frattempo nella mia mente risuonano le parole di Adriano Celentano nello spot di promozione del suo Tour “Voi giovani avete abbandonato la terra e l’avete tradita trasformandola in un cimitero di cemento dove l’unica vostra finestra è la televisione”. È davvero questo quello che vogliamo?

 Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy