• Google+
  • Commenta
27 novembre 2012

Dante Alighieri di Castiglion Fiorentino: alunni non torneranno a casa soli

Dante Alighieri di Castiglion Fiorentino
Dante Alighieri di Castiglion Fiorentino

Dante Alighieri di Castiglion Fiorentino

Laura Cascianini, Preside dell’istituto scolastico Dante Alighieri di Castiglion Fiorentino ha preso una decisione che sicuramente farà discutere e forse farà arrabbiare le famiglie degli studenti: nessun alunno potrà abbandonare l’edificio scolastico se non è preso personalmente da uno dei suoi familiari o da una persona delegata.

Una decisione sicuramente bizzarra, che metterà sicuramente in crisi la vita organizzativa di molti genitori, i quali, tra il lavoro e altri impegni, non hanno il tempo materiale per andare a prendere i propri figli personalmente a scuola, e quindi dovranno trovare una persona delegata a eseguire questo compito.

Ma cerchiamo di capire meglio il senso di questa decisione, chiedendolo direttamente alla Preside, Laura Cascianini.

Le dichiarazioni del preside dell’istituto Dante Alighieri di Castiglion Fiorentino

Preside , può spiegare il senso di tale sua decisione?

Siamo una scuola di circa 400 alunni ed io ho emanato un provvedimento che obbliga ogni studente a poter uscire dall’edificio scolastico solamente se a prenderlo sia un familiare o una persona delegata a farlo. Io non ho fatto nient’altro che applicare il codice penale e rispettare dei dispositivi giuridici dell’Avvocatura dello Stato, che nei confronti della nostra scuola si è espressa in tal senso sin dai primi giorni del mese di ottobre. Un parere di ottobre dell’Avvocatura dello Stato, infatti, sospende la liberatoria delle famiglie, fermando la possibilità degli studenti di uscire autonomamente dalla scuola”.

Il rapporto con le famiglie degli studenti è stato di collaborazione reciproca oppure no?

Io so che molte famiglie stanno avendo e avranno dei disagi per questa decisione, ma io avevo informato tutti già dai primi giorni di ottobre, dando quindi molto tempo a disposizione a ogni famiglia per organizzarsi e per trovare delle persone delegate a prendere i loro ragazzi all’uscita di scuola. Mi dispiace che molte famiglie non si siano organizzate”.

Qualora ci fossero dei casi particolari, nei quali per seri motivi una famiglia non può prendere lo studente a scuola e non è riuscita a trovare una persona delegata, quale sarà la soluzione?

Ovviamente tutti gli studenti devono sempre venire a scuola. Ho già incontrato alcune famiglie che mi hanno dimostrato seriamente la loro impossibilità a prendere gli alunni a scuola e la loro grande difficoltà a trovare una persona delegata a fare questo al posto loro. Stiamo valutando insieme la situazione e sono sicura che con ogni famiglia riuscirò a trovare una soluzione che soddisfi tutti”.

Spesso, è il caso di dirlo, la legge è veramente bizzarra. E questo caso è significativo: studenti che non possono tornare soli a casa da scuola con i loro amichetti. E tra l’altro ci troviamo in un piccolo paese della Toscana, dove si conoscono tutti.

Sicuramente la Preside riuscirà a trovare una soluzione con ogni famiglia coinvolta in questa decisione, anche perché altrimenti l’unica soluzione è non far andare lo studente a scuola! E questo è ovviamente inconcepibile!

Google+
© Riproduzione Riservata