• Google+
  • Commenta
26 ottobre 2013

V Edizione del Festival Città delle 100 Scale

Con la produzione Fanoi – La festa laica degli alberi in fuoco, prenderà il via domenica 20 ottobre la V Edizione del Festival Città delle 100 Scale. L’omaggio a Paolo Rosa, fondatore di Studio Azzurro, scomparso alcuni mesi fa, aprirà il festival ideato dall’Associazione Basilicata 1799.

Come sempre, la rassegna di danza urbana e arti performative Festival Città delle 100 Scale attraverserà la città di Potenza, con un cartellone itinerante, cercando di valorizzarne l’architettura urbana, gli spazi meno conosciuti, i contenitori sociali.

Il primo appuntamento di Festival Città delle 100 Scale, un’autentica festa, avrà come inedito palcoscenico lo spazio ex Vivalat, dove prenderà forma un’installazione di Silvio Giordano, Osa e Wop.

Lunedì 21 ottobre, invece, Alessandro Sciarroni sarà al Teatro Stabile con lo spettacolo Folk-s.

Da ottobre a gennaio 2014 il Festival Città delle 100 Scale ospiterà in città artisti e autori della scena internazionale come Sciarroni, il direttore della Biennale Danza Virgilio Sieni, Antonio Latella e Ricci/Forte, Roger Bernat, Riccardo Buscarini. Forte la presenza delle donne con Simona Bertozzi, Chiara Frigo,Cristina Rizzo.

«Anche quest’anno, nonostante la ristrettezza economica – anticipa Peppe Biscaglia, tra i fondatori della rassegna – il Festival Città delle 100 Scale vuole raggiungere livelli di alta qualità nelle sue proposte e vuole dare una rappresentazione significativa dell’attuale panorama della danza urbana e delle arti performativo in Italia e in Europa, secondo una modalità che coniuga punte più affermate e giovani proposte  emergenti di grande interesse della produzione contemporanea.»

Tre gli ambienti concettuali attraverso cui sarà sviluppato quest’anno il cartellone.

  • La prima sezioneFanoi  – Aberi in fuoco, si richiama a un’antica festa popolare della città di Potenza. Con questa sezione sarà ripreso il lavoro iniziato con il gruppo d’arte Studio Azzurro con l’installazione Fanoi sulla gradinata del Popolo nell’estate 2009 a Potenza.
  • La seconda sezioneRito, fa riferimento alla danza e al teatro che sorgono dalle primitive forme rituali, profondamente connessi con la comunità.
  • La terza sezionePetrolio, inaugura una sezione che resterà fissa nel festival anche nelle prossime edizioni.

«In una Regione nella quale diventa estremamente difficile programmare nel settore dello spettacolo dal vivo per le poche risorse ad esso destinate da parte degli attori istituzionali, il festival – spiega Francesco Scaringi, ideatore della rassegna – intende porsi come uno spazio creativo aperto alla contemporaneità, alla danza e alle arti performative, ma anche alla valorizzazione di quel tessuto giovanile fatto di stazioni creative che abita il territorio. Da questo punto di vista, il Festival rappresenta una carta della città possibile.»

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy