• Google+
  • Commenta
17 novembre 2014

Femen a Roma, atti osceni in piazza San Pietro: scandalo delle Femen

Femen

Non passano mai inosservate: sono il movimento delle Femen che continuano a far sentire la propria voce e non solo

Femen

Femen

E’ infatti difficile non venire la corrente dei gesti compiuti da questo movimento. Come è già spesso accaduto, anche stavolta la battaglia in questione è contro la Chiesa, in particolare contro la figura del Papa.

Già il 19 dicembre scorso una Femen aveva provato a recarsi al Vaticano mostrandosi a seno nudo e con una sola parola dipinta in rosso sul proprio corpo: abortion. In quel caso, la protesta non andò totalmente a buon fine in quanto venne fermata dalla polizia ancor prima di riuscire a recarsi in piazza. Tuttavia, riuscì comunque a creare una certa agitazione e a far sì che i media parlassero dell’avvenimento.

Le Femen e i crocefissi in piazza San Pietro

Femen a Roma Femen a Roma

Il 14 novembre 2014, presso la basilica di San Pietro, il movimento delle Femen torna a manifestare al fine di ribadire il loro pensiero, ove mai non fosse risultato ancora abbastanza chiaro. Per esprimere la loro volontà di vivere in uno Stato realmente laico – dove gli abitanti siano realmente tutti uguali tra loro e dove non vi siano gerarchie o uguaglianze imposte dalla Chiesa.

Tre Femen hanno deciso di recarsi in piazza San Pietro, denudarsi e mostrare innanzitutto le scritte nere dipinte sui propri corpi.

Davanti, era possibile leggere la scritta Pope is not a politician – il Papa non è un politico – mentre sulla schiena Keep it inside: tienilo dentro, anteprima del gesto compiuto successivamente che ha generato ulteriore senso di indignazione e lo scandalo vero e proprio. Infatti a quel punto le Femen hanno iniziato a mimare autoerotismo e rapporti sessuali servendosi dei suddetti crocifissi.

Immediato è stato l’intervento delle forze dell’ordine che hanno provveduto a portare le tre Femen in commissariato di Borgo di Roma.

Ancora una volta l’opinione pubblica è divisa tra chi sostiene il pensiero delle Femen, chi contrario a priori e chi, pur condividendo le loro idee creda che siano stati superati certi limiti.

Google+
© Riproduzione Riservata