• Google+
  • Commenta
4 Novembre 2018

Come diventare medico del lavoro: quale laurea serve e guadagno

Come diventare medico del lavoro
Come diventare medico del lavoro

Come diventare medico del lavoro

Ecco come diventare medico del lavoro: dalla Laurea in Medicina e Chirurgia alla nomina del medico competente per la valorizzazione di programmi di “promozione della salute”.

Chi è, cosa fa, da chi è nominato, quali competenze, quanto guadagna, chi ha l’obbligo del medico del lavoro? La visita del medico del lavoro in cosa consiste? Chi paga il medico del lavoro? Queste le domande a cui risponderemo oggi.

Il medico del lavoro collabora con il datore di lavoro. Si occupa della valutazione dei rischi ed è una figura presente in tutte le aziende. È nominato da chi è a capo di un’azienda e soprattutto da chi ha l’obbligo di sottoporre a sorveglianza sanitaria i propri lavoratori. Il medico del lavoro può essere un libero professionista. Un dipendente del datore di lavoro. Un collaboratore esterno che presta servizio presso strutture esterne, convenzionate con l’imprenditore.

Ma quali sono compiti il medico del lavoro o medico competente?

  • visitare il lavoratore;
  • accertare lo stato di salute del lavoratore;
  • verificare l’idoneità a poter svolgere un determinato lavoro;
  • assegnazione dell’idoneità lavorativa;
  • monitorare lo stato di salute del lavoratore anche dopo aver elaborato l’idoneità.

Queste mansioni che il medico del lavoro svolge vengono generalmente ripetute ogni anno o ogni due anni. I lavoratori maggiormente sottoposti a questo tipo di controlli sono i falegnami, i fabbri, i muratori, i disegnatori, i trasportatori, i magazzinieri, gli operai, i muratori e gli impiegati nelle aziende con muletto.

Come diventare medico del lavoro: percorso di formazione, laurea e specializzazione

Abbiamo visto quali sono i compiti del medico competente e chi ha l’obbligo di sottoporre il proprio personale a controlli. Ma come diventare medico del lavoro? Quale percorso di formazione? Quale specializzazione bisogna avere?

Per poter avviare una qualunque carriera medica bisogna superare i test di accesso programmato MIUR, iscriversi alla facoltà di Medicina e Chirurgia e conseguire il diploma di laurea. Bisogna poi superare un esame di idoneità ed iscriversi all’Albo dei Medici. Solo dopo quest’ultima iscrizione si è abilitati all’esercizio della professione. 

Acquisiti tutti i titoli necessari bisogna iscriversi poi ad una scuola di specializzazione in Medicina del Lavoro. Questa scuola forma specialisti per far maturare in loro conoscenze teoriche, scientifiche e professionali in:

  • impiantistica;
  • chimica industriale e tecnologica;
  • statistica e metodologia epidemiologica;
  • fisiologia e psicologia del lavoro;
  • ergonomia;
  • tossicologia;
  • radiobiologia;
  • igiene del lavoro;
  • clinica delle malattie da lavoro;
  • clinica medica e branche specialistiche;
  • terapia ed organizzazione del primo soccorso;
  • terapia d’urgenza;
  • medicina legale;
  • scienze giuridiche del lavoro e della comunicazione;
  • economia e gestione delle imprese.

Questa figura professionale che si è sviluppata intorno agli anni ’60 e che si occupa di valutare i rischi sul lavoro è prevista dal Decreto Legislativo, 81/08 nel cosiddetto Testo Unico sulla Salute e Sicurezza del Lavoro.

Quanto guadagna un medico del lavoro: stipendio medio e retribuzione

Il medico del lavoro o medico competente svolgendo un lavoro molto importante e soprattutto di grande responsabilità percepisce stipendi medi alti.

Questa figura professionale oltre a svolgere visite, esami clinici e biologici e indagini diagnostiche ritenute necessarie, ha obblighi di informazione. Deve informare per iscritto il datore di lavoro, il lavoratore e gli altri soggetti coinvolti nella sicurezza. Dall’esito del suo esame l’azienda saprà se il proprio lavoratore può o meno iniziare o continuare il proprio lavoro.

Per queste forti responsabilità, i compensi medi di un medico dipendente con contratto indeterminato ammontano a 4000 € netti/mese. Un medico con esperienza 5000 € netti / mese. Molti medici del lavoro però lavorano anche come liberi professionisti ed i compensi, in questo caso, variano da professionista a professionista.

Il percorso formativo e professionale per come diventare medico del lavoro, come per altre branche della medicina non è semplice, ma per chi ha passione, attitudine e grande competenza possono presentarsi occasioni importanti. Anche in termini economici.

Google+
© Riproduzione Riservata