• Google+
  • Commenta
11 Aprile 2019

Ultimi sondaggi politici oggi 11 aprile 2019: intenzioni voto Tecne

Ultimi sondaggi politici oggi 11 aprile 2019
Ultimi sondaggi politici oggi 11 aprile 2019

Ultimi sondaggi politici oggi 11 aprile 2019

Ecco quali sono gli ultimi sondaggi politici oggi 11 aprile 2019: scopriamo le intenzione di voto e chi vince le elezioni se si votasse oggi. Lega 31,9% mentre il M5S allunga sul Pd. 

Gli ultimi sondaggi elettorali e le intenzioni al voto di oggi forniti da TECNE non si distanziano molto da quelli effettuati la settimana scorsa.

I dati sono forniti da TECNE per Quarta Repubblica fanno riferimento alla prima settimana di aprile.

Negli ultimi giorni l’inserimento nel Def della Flat Tax è stato oggetto di scontro tra i due leader di governo.

Le due parti erano abbastanza distanti sull’ipotesi dell’aliquota fissa al 15% sui redditi fino ai cinquantamila euro, sostenuta al leader leghista, e la richiesta di progressività voluta dal ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio.

Ovviamente una esclude l’altra e si è deciso di non inserire la Flat Tax nel documento di economia e finanza approvato ieri dal consiglio dei ministri.

Nella bozza uscita dal consiglio dei ministri non risultano le due aliquote (15% e 20%) in riferimento alla Flat Tax.

Dopo l’approvazione di quota 100 e reddito di cittadinanza la maggioranza giallo-verde trova un ostacolo sulla Flat Tax. 

Il ministro dell’interno Matteo Salvini ha assicurato che la Flat Tax si farà entro l’anno.

Gli fa subito eco l’altro leader di governo, Luigi Di Maio, che promette il proprio sostegno alla Flat Tax  a condizione che non ci sia un aumento dell’Iva.

Ultimi sondaggi politici oggi 11 aprile 2019: chi vincerebbe se si andasse al voto oggi

Se si andasse al voto oggi avremmo una situazione simile a quella attuale. 

I sondaggi politici di oggi confermano che per avere la maggioranza in Italia occorre un patto tra due o più forze politiche.

Occorrerebbe ovviamente un patto tra i partiti che hanno avuto più consensi. Le uniche alleanze possibili, al momento, sono: M5S e Lega o Lega e Pd, alleanza quest’ultima improbabile.

La Lega resta il primo partito con il 31,9% mentre si continuano ad inseguire M5S Pd.

Il movimento di Beppe Grillo sarebbe attualmente il secondo partito. Il M5S recupera consensi e, nell’ultima settimana, si assesta al 21,4% (+1,4% rispetto alla scorsa settimana) staccando il Pd .

Il Pd , oggi terzo, si ferma al 20%, praticamente come la settimana scorsa.

Gli altri partiti di centrodestra aumentano leggermente i propri consensi:

Fi è al 12,3%( + 0,2 rispetto alla scorsa settimana ) mentre Fdi è al 4,7% (+ 0,1% rispetto alla scorsa settimana)

Infine gli altri partiti perdono lo 0,5% dei consensi in una sola settimana passando dal 10,3% al 9,7%.

Previsioni elettorali di oggi: Lega costante, insieme al M5S sale al 53,3%

Dando uno sguardo ai sondaggi politici Tecne, per la trasmissione quarta repubblica su rete 4, c’è un dato che salta all’occhio: delle mille persone intervistate il 58,4% ha dichiarato le proprie intenzioni di voto mentre c’è un 41,6% di intervistati che o si astiene o è indeciso.

Quattro persone su dieci non hanno ancora una idea precisa su chi sostenere alle prossime elezioni o peggio ancora si asterranno.

C’è sicuramente una parte di italiani stanca delle solite promesse che ha deciso di restare a guardare senza partecipare scegliendo quindi l’astensione.

Esiste poi la questione indecisi che è frutto probabilmente della gran confusione che sono tenuti a sopportare ogni settimana con continui attacchi e dietro front da tutti i fronti politici.

Tale confusione incrementa altra confusione e, nel seggio, si vota il “meno peggio”.

L’area di governo giallo-verde composto da Lega e M5S arriva al 53,3% dei consensi. A seguire i movimento c’è il Pd fermo al 20% che continua la sua lenta ripresa.

Gli altri partiti di centrodestra (FiFdi) recuperano qualche punto percentuale ma restano distanti dal tandem PD e M5S.

Gli altri schieramenti di centrodestra e centrosinistra perdono mezzo punto percentuale in una sola settimana.

Google+
© Riproduzione Riservata