Dogman: trama, recensione, scheda tecnica, cast e trailer del film

Mario Ragone 3 Marzo 2020

Ecco di cosa parla il film Dogman, diretto da Matteo Garrone, con Edoardo Pesce: trama, recensione, scheda tecnica, cast completo e trailer.

Tale pellicola trae ispirazione da fatti realmente accaduti riguardanti il caso di delito del Canaro, omicidio avvenuto nel 1988 a Roma. La storia è incentrata sulla figura di Marcello, un toelettatore della capitale, che come seconda attività traffica cocaina con l’amico Simone. I due ben presto a causa delle loro azioni criminali si mettono nei guai compromettendo inevitabilmente la reciproca amicizia.

Il cast completo del film Dogman è composto da attori quali Marcello Fonte, Edoardo Pesce, Alida Baldari Calabria, Nunzia Schiano, Adamo Dionisi, Francesco Acquaroli, Gianluca Gobbi, Aniello Arena. La tematica principale che fa da sfondo alla narrativa filmica è quella della rivincita dei deboli.

Il protagonista incarna tale sete di rivalsa ed affermazione sociale dove il fine giustifica mezzi più che discutibili.

Trama e recensione del film Dogman did Matteo Garrone, con Marcello Fonte: di cosa parla

Avendo analizzato cast completo e tematiche del prodotto cinematografico di Matteo Garrone, passiamo ora in rassegna trama e recensione del film Dogman. Il racconto traendo ispirazione da un caso di omicidio realmente accaduto, si discosta col passare dei minuti da esso per assumere una deriva originale.

Al centro dei fatti vi è la figura di Marcello, un uomo della capitale, che svolge la doppia attività di toelettatore e trafficante di droga. Ad accompagnarlo negli affari legati alla cocaina è l’amico Simone. I due intrattengono un rapporto particolare di amore ed odio dove il secondo prevarica il primo degenerando in soprusi e atteggiamenti di superiorità. Tuttavia la loro strana amicizia li porta ben presto a cacciarsi in guai abbastanza seri.

Un giorno, infatti, Simone scopre che il negozio di tolettatura dell’amico è adiacente a quello di un’oreficeria. A separare le due attività vi è unicamente un muro di cartongesso, facile da abbattere. Mettendo Marcello a conoscenza di tale fatto, il malvivente lo coinvolge nel piano di scasso e furto per accaparrarsi il bottino. Dopo aver compiuto l’atto criminoso, Simone fa ricadere la colpa su Marcello, il quale anzichè denunciare l’amico, decide di andare in galera.

Il finale del dramma del regista Matteo Garrone

Scontato un anno di reclusione, Marcello ritorna alla vita di prima ma con un piglio diverso. Il carattere remissivo lascia spazio ad un atteggiamento più convinto e pugnace. A rendersi conto di tale cambiamento è soprattutto l’amico/nemico Simone.

Quest ultimo, infatti, dopo aver lasciato andare in prigione Marcello, sperpera completamente la sua parte di bottino investendola in una motocicletta. La cosa infastidisce e non poco il protagonista, che riversa la sua ira sul nuovo acquisto del complice. Con una spranga di ferro danneggia la moto di Simone che reagisce picchiandolo davanti ad una folla di passanti. A questo punto inizia a prendere corpo nella mente di Marcello un piano di vendetta nei confronti dell’ormai ex amico. Astutamente, il toelettatore finge di volersi rimettere in affari con Simone suggerendogli di trafficare con un gruppo di spacciatori al solo scopo di rapinarli.

Messo in pratico il doppio gioco, Marcello incastra il suo complice proprio come quest ultimo aveva fatto con lui in precedenza. Nell’intento di fargli confessare il motivo del suo agire da vigliacco in passato, il protagonista si fa prendere la mano. Colpendo alla testa Simone, che resta privo di sensi, il protagonista capisce di aver esagerato e tenta di rimediare medicando la sua vittima. Risvegliatosi dal colpo tremendo, tuttavia, Simone cerca di strangolare Marcello che riesce però a liberarsi e ad ucciderlo. L’epilogo del film di Garrone vede il protagonista trascinare in spalla per tutto il quartiere il cadavere di Simone per offrire una dimostrazione di forza. Successivamente, lasciato il morto per strada, si siede in un parco in compagnia del suo cane a riflettere su ciò che è successo.

Scheda tecnica del film Dogman e trailer ufficiale HD

Scheda tecnica
Un toelettatore della capitale di giorno e trafficante di cocaina di notte, si ritrova coinvolto in una rapina finita male dall'amico nonchè complice, il quale fa ricadere le colpe del crimine su di lui. Uscito di galera, il protagonista non sarà più lo stesso.
TitoloDogman
Durata102'
Generedrammatico
CastMarcello Fonte, Edoardo Pesce, Nunzia Schiano, Adamo Dionisi, Francesco Acquaroli, Gianluca Gobbi, Aniello Arena
RegiaMatteo Garrone
Anno di prod.2018
Scheda tecnica
Un toelettatore della capitale di giorno e trafficante di cocaina di notte, si ritrova coinvolto in una rapina finita male dall'amico nonchè complice, il quale fa ricadere le colpe del crimine su di lui. Uscito di galera, il protagonista non sarà più lo stesso.
TitoloDogman
Durata102'
Generedrammatico
CastMarcello Fonte, Edoardo Pesce, Nunzia Schiano, Adamo Dionisi, Francesco Acquaroli, Gianluca Gobbi, Aniello Arena
RegiaMatteo Garrone
Anno di prod.2018
© Riproduzione Riservata
avatar Mario Ragone Sono Mario Ragone, redattore web con formazione in Comunicazione Audiovisiva e Mediale. Ho grande passione per il Social Marketing e l'informazione a 360°. Mi occupo, infatti, di argomenti di vario tipo che spaziano dalla Cultura come Cinema e Televisione all'Economia, dalla Medicina allo Sport fino al mondo di motori. Penso che avere un'idea su molteplici tematiche della nostra vita, ci permette di passare dall'una all'altra con grande versatilità mentale, una condizione questa che rende una persona libera nell'esprimersi, senza farsi fuorviare o condizionare. Capacità critica di discernimento ed autonomia di pensiero sono per me gli unici due elementi che ci rendono realmente liberi dalla schiavitù dell'ignoranza. Approfondisco le mie rubriche con intervento di esperti e professionisti del settore di cui scrivo. Leggi tutto