• Google+
  • Commenta
1 Aprile 2020

Focolaio epidemico: significato, cos’è, come nasce e si manifesta

Focolaio epidemico
Focolaio epidemico

Focolaio epidemico

Ecco cosa significa focolaio epidemico: etimologia e significato del termine, cosa è, quando nasce e come si sviluppa.

Virus e batteri sono presenti ovunque e danno origine alle malattie infettive.

Ma quando si parla di  focolai epidemici? Qual è la differenza tra epidemia e pandemia?

Il focolaio epidemico si verifica quando una malattia infettiva provoca un grande contagio. Dunque, il numero di casi infetti  colpisce intere comunità o regioni in maniera sproporzionata rispetto a quanto atteso. L’aumento del numero dei contagi potrebbe però essere individuato e previsto anche quando un singolo caso di una malattia trasmissibile, che per lungo tempo non è insorta o non è mai stata riscontrata.

Nel dettaglio, sono delle differenze tra il significato di focolaio autoctono e confermato.

Solitamente, con l’aiuto di un‘indagine epidemiologica, è possibile scoprire la fonte d’infezione studiando  le persone colpite o  il virus stesso. Ma capita spesso, però, che i soggetti affetti da malattie infettive non presentano sintomi. Questo perché esiste un periodo chiamato incubazione, in cui la malattia è già presente ma senza mostrarne i suoi segni. Ecco perché alcune malattie infettive iniziano a diffondersi velocemente, tanto da sviluppare le epidemie o le pandemie. Ma quale è il significato e quali sono le differenze epidemia e pandemia? Vediamolo nel dettaglio.

Cosa significa focolaio epidemico: significato e differenze, pandemia, epidemia e quarantena

Il termine focolaio significa centro di diffusione di un fenomeno negativo. La sua etimologia deriva da una forma di latino parlato focularius, da foculus, diminutivo di focus. In medicina è indicato come la sede del corpo in cui ha luogo un processo patologico. Si può riferire a infezioni piuttosto che di fratture. Epidemico, invece, proviene dal francese e significa che ha natura di epidemia  diffusa in una zona o in un ambiente. Ne esistono diverse tipologie, e nello specifico, distinguiamo:

  • focolaio presunto: due o più casi di infezione da virus Chikungunya, Dengue, Coronavirus o Zika di cui: un caso probabile o confermato, e uno o più casi (possibili/probabili/confermati) che non abbiano viaggiato fuori dall’Italia nei 15 giorni prima dell’insorgenza dei sintomi che siano insorti nell’arco temporale di 30 giorni in un’area territorialmente ristretta.
  • focolaio confermato: due o più casi di infezione da virus Chikungunya, Dengue, Covid-19 o Zika di cui almeno due casi confermati, e uno o più casi (possibili/probabili/confermati) che non abbiano viaggiato fuori dall’Italia nei 15 giorni prima dell’insorgenza dei sintomi, e che siano insorti nell’arco temporale di 30 giorni in un’area territorialmente ristretta.

Epidemia significa, invece, che c’è la manifestazione localizzata e di durata limitata nel tempo di una malattia infettiva. Si verifica, infatti, quando un soggetto ammalato contagia più di una persona e il numero dei casi di malattia aumenta rapidamente in breve tempo. È stata questa la situazione iniziale del coronavirus per  Wuhan e Hubei in Cina;

Mentre il termine pandemia significa che la diffusione di una malattia infettiva coinvolge molti paesi o continenti che  può minacciare gran parte della popolazione mondiale. In entrambi i casi, per limitare la diffusione delle malattie infettive, le persone esposte al contagio sono messe in quarantena. La quarantena è un periodo di isolamento al quale vengono sottoposte persone che potrebbero portare con sé germi infettivi. Per il coronavirus è stata fissata a 14 giorni.

Come nascono i focolai epidemici, come si manifestano e diffondono

I focolai epidemici nascono quando una malattia infettiva colpisce vari individui e determina la diffusione del contagio. Il periodo di tempo tra l’infezione da germi e la comparsa di sintomi di una malattia è detto incubazione. L’incubazione è di diversa durata, a seconda della malattia infettiva. L’infezione può decorrere anche senza sintomi.

Il rischio di contagio, e dunque di creare nuove fonti, si riduce con la quarantena, con vaccini e profilassi. Le malattie infettive hanno caratteristiche diverse di diffusione. Ci sono malattie molto contagiose e altre che lo sono meno. In base alla circolazione del germe, una malattia infettiva può manifestarsi in una popolazione in forma epidemica o pandemica. I virologi analizzano i casi e valutano i rischi. Studiano, inoltre, vaccini e programmi di prevenzione per diminuire la diffusione del contagio.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy