Ultimi sondaggi politici oggi 17 giugno 2020, Ixè per Cartabianca

Gabriella De Rosa 17 Giugno 2020

Gli ultimi sondaggi di oggi 17 giugno 2020 di Ixè per Cartabianca di Bianca Berlinguer ci mostrano la situazione dei singoli partiti politici.

La Lega perde lo 0.7% scendendo al 24,3%. Questa tendenza negativa alimenta le ansie di Salvini che si vede avvicinare dai democratici e perdere di consensi a beneficio della sua alleata Meloni, e non della sinistra.
Il Partito Democratico sembra in leggero aumento con +0,6% altalenando il suo indice al di sopra e al di sotto del 20%.

In perdita anche gli alleati di governo del Movimento 5 Stelle che lasciano per strada l’1,1% causati anche dalla diatriba Di Battista-Grillo degli ultimi giorni.

Una leggera flessione anche per Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni che passano dal 14,4% al 14,2%. Positivi invece gli ultimi sondaggi politici per Forza Italia di Silvio Berlusconi che guadagna lo 0,3% portandosi a 7,9%.

Anche Renzi in rialzo dello 0,8% che però non supera il 3%, Italia Viva rimane al 2,7%, Verdi e +Europa ottengono il 2,2% e un 2% per la Sinistra. Cala Calenda dopo settimane positive, perdendo quota e arrivando sotto l’1%

Sembrano essere in diminuzione gli astenuti rispetto ai precedenti sondaggi. Oggi gli indecisi e gli astenuti rappresenterebbero il 38,8% degli italiani ma è un dato ancora pericoloso e significativo poichè ancora vicino al 40% dell’elettorato.

Ultimi sondaggi politici oggi 17 giugno 2020: la fiducia nei leader: Conte, Salvini, Meloni

Ultimi sondaggi politici oggi 17 giugno 2020

Ultimi sondaggi politici oggi 17 giugno 2020

Il sondaggio Ixè realizzato per Cartabianca andato in onda ieri sera, invece, si sofferma sull’indice di fiducia che gli italiani nutrono nei leader politici.

Ancora una volta a conquistare il primo posto è il presidente del Consiglio Giuseppe Conte con il 56% delle preferenze. Al 51% troviamo il governatore del Veneto, il leghista  Luca Zaia

La fiducia nel premier è tanto forte che, come abbiamo visto dai precedenti sondaggi, se fosse lui a guidare il Movimento 5 Stelle i numeri di gradimento sarebbero di granlunga superiori – il 58% lo vorrebbe a capo del movimento. Mentre Luca Zaia si professa non interessato a queste scalate interne. 

A conferma della sua ascesa, non solo del suo partito, al terzo posto con il 33% dei consensi vi è Giorgia Meloni preferita al suo alleato Matteo Salvini che ottiene il 29% della fiducia. Seguono Nicola Zingaretti al 25%, Silvio Berlusconi e Luigi Di Maio al 23% e in coda Matteo Renzi con l’11%.

Tornando ai leader del M5S il sondaggio ha chiesto le posizioni dell’elettorato sullo scontro Di Battista-Grillo e vede il 44% con Grillo e il 33% con Di Battista ma 1 su 4 non prende posizione.

Quali sono le intenzioni di voto degli italiani oggi 17 giugno 2020: Lega arranca in prima posizione, cresce Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni

Gli ultimi sondaggi politici di oggi 17 giugno 2020 dell‘istituto demoscopico Euromedia Researchci evidenziano le nette differenze tra la forza di allora e quella di ora dei principali partiti.

Tra tutti spicca il confronto tra il gradimento della Lega alle Elezioni Europee di maggio 2019 e quello di cui gode ora. La Lega subisce una riduzione del 9,6% scivolando dal 34,3% ottenuto alle Europee e il 24,7% circa di oggi. Il Carroccio di Salvini quindi perde quota di quasi 10 punti rispetto all’ultima consultazione su scala nazionale.

Molto meno indicativa è la flessione del PD che perde 3 punti netti stazionandosi al 19,7% dei consensi. Per gli alleati di governo dei democratici il gap è ancora meno ampio,  i grillini infatti perdono solo 1,3% portandosi a casa 15,5% del gradimento nazionale.

Viaggia su livelli bassi Forza Italia che perde poco, 0,9 in meno rispetto alle Europee e rimane in quella fascia, oggi è stabile al 7,9%.

A crescere significativamente da maggio 2019 è il partito di Giorgia Meloni. Unica nota di crescita è Fratelli d’Italia con un margine di differenza positiva di 6,6.

Raccogliendo i dati dei partiti Euromedia si sofferma anche sul gradimento delle coalizioni. L’alleanza che rappresenta l’attuale esecutivo composta da Pd, M5S, Italia Viva e Sinistra raggiunge il 41,4%. L’attuale governo oggi non raggiungerebbe la maggioranza se andassimo alle elezioni. Dall’altra parte, la coalizione centrodestra di Lega, FdI, e Forza Italia sale al 46,8%.

La situazione a distanza di un anno è decisamente cambiata. La Lega incassa un duro colpo da questi numeri che lo vedono perdere quasi 10 punti rispetto al gradimento che aveva conquistato prima che cadesse il governo gialloverde. Questo scivolone, incluso gli intrighi e complotti di palazzo, ha stravolto completamente il Carroccio e il suo leader. Ciò ha influito anche sulla sua comunicazione e forza politica mediatica, ovvero il suo punto di forza.

Questa regressione sulla scena politica ha fatto defluire l’elettorato leghista nelle urne di Fratelli d’Italia.

Come abbiamo visto, infatti, l’unico partito a crescere in questo anno è stato quello della Meloni che ha saputo rimanere coerente e approfittare di questo periodo buio del suo alleato per assorbire il gregge sperso di Salvini, facendo balzare in avanti il suo consenso ai fianchi dei pentastellati.

© Riproduzione Riservata
avatar Gabriella De Rosa Sono una linguista specializzata in ambito giuridico. Sono appassionata di comunicazione e informazione. Ho unito i miei studi in lingue applicate alla comunicazione internazionale e la mia passione per l'ambito giuridico e politico, poiché credo fortemente in una partecipazione attiva del cittadino alla politica attraverso una comprensione del diritto e del linguaggio istituzionale. Rendere il linguaggio giuridico più chiaro è un dovere democratico. La mia formazione post-lauream mi ha portato ad uno stage negli uffici di Legal drafting e Affari Internazionali del Senato della Repubblica. Da lì ho approfondito i miei studi sul linguaggio politico e il fondamentale rapporto tra politica e comunicazione. Leggi tutto