Punteggio minimo per superare il test medicina 2020 ed entrare

Carmela Sansone 25 Agosto 2020

Ecco quale deve essere il punteggio minimo per superare il test d'ingresso nella facoltà di Medicina e Chirurgia ad entrare nel numero programmato Miur 2020.

Qual è e come si calcola il voto della prova d’accesso, come funziona e simulazione calcolo.

Novità su punteggi di Medicina e Chirurgia per il test del prossimo anno accademico, ormai alle porte: come si calcola il voto della propria prova? Qual è il punteggio minimo per entrare a Medicina? Vediamo insieme come funziona la prova d’accesso e la simulazione del calcolo.

Anche quest’anno, nonostante le proteste costanti, la facoltà di Medicina è stata riconfermata tra quelle a numero programmato dal Miur. Si tratta di un limite necessario, secondo il Ministero, imposto proprio per evitare un sovrannumero di professionisti (se di sovrannumero si possa mai parlare, in merito a questa categoria). Come funziona, allora, per entrare e diventare medico? Esattamente come gli altri anni, occorre superare lo scoglio del test d’ingresso, innanzitutto. La prova prevede 60 quesiti e un tempo limitato di 100 minuti per risolverli. A chi si chiedere cosa studiare per la prova di Medicina 2020, la risposta è semplice e cinque sono i campi di interesse: logica, fisica, biologia, cultura generale, chimica.

La prova, poi, ha un punteggio minimo da ottenere per poter essere inserito nelle graduatorie, locali e nazionali. Esistono tre categorie di risultati all’interno delle graduatorie stilate: idoneo, prenotato e assegnato. Qual è la differenza?Vediamolo in questa breve guida sul punteggio minimo da fare per superare il test d’ingresso di Medicina e Chirurgia: ecco tutte le novità sulla facoltà, quanti punti bisogna fare e come si calcola il voto della prova d’accesso, come funziona e simulazione calcolo.

Qual è il punteggio minimo per superare il test d’ingresso ed entrare a medicina e chirurgia

Vediamo, innanzitutto, qual è il punteggio minimo per entrare a Medicina 2020, e come viene stilata la graduatoria, fino all’ultimo scorrimento. Innanzitutto, la graduatoria dei test di medicina è nazionale e sarà pubblicata il 29 settembre 2020. Il 17 settembre, però, all’interno della propria area personale di Universitaly sarà possibile prendere già visione del risultato ottenuto. Il punteggio minimo per superare il test ed essere ammessi in graduatoria è di 20 punti: questo risultato ti permette quantomeno di essere idoneo e di essere oggetto di eventuali scorrimenti.

Chiunque superi il test ingresso e rientra nel numero di candidati messi a disposizione può avere due profili. Può essere, infatti, “assegnato”, se rientrato nel posto di prima preferenza indicato. A quel punto, il candidato ha quattro giorni per immatricolarsi (festivi esclusi), pena l’esclusione. Se, invece, l’aspirante risultasse “prenotato”, vorrà dire che non è rientrato nei posti di prima preferenza, ma è, appunto, prenotato, per la scelta successiva. Egli, quindi, può scegliere se procedere comunque all’immatricolazione o aspettare lo scorrimento ed eventuale rientrare.

Il primo scorrimento, infatti, sarà reso noto già il 7 ottobre 2020 e i seguenti avranno cadenza settimanale. Va precisato che, a parità di punteggio, supera il test il candidato più giovane di età.

Calcolo voto test ingresso medicina e chirurgia, simulazione

Vediamo, allora, come funziona il calcolo punteggio del test d’ingresso in Medicina e Chirurgia con esempi e simulazioni. Innanzitutto, vale la pena ricordare che il giorno della prova al candidato vengono dati: i plichi con il test, una scheda anagrafica, due moduli per le risposte, un foglio con il codice identificativo, le chiavi personali per il portale del Miur e una busta vuota. Proprio in questa busta vuota, al termine dei 100 minuti, andrà inserito il modulo delle risposte. Solo quello, insomma. Il plico con le domande può essere conservato e portato a casa, per calcolare poi il punteggio ottenuto.

Di solito, il MIUR provvede a pubblicare le risposte corrette e le domande in giornata, sul portale di riferimento. Da lì, i candidati possono già fare un primo calcolo. I criteri per il calcolo sono i seguenti: +1,5 per le risposte corrette, -0,4 per quelle errate, 0 per le omesse. Facciamo un esempio. Avendo controllato il test, risultano esserci 45 risposte esatte, 10 sbagliate e 5 non date. L’operazione è semplice: (45 x 1,5) – (10 x 0,4). Il risultato è 63,5 punti. Ottimo, insomma. Facciamo un’altra simulazione. Il test risulta avere 30 risposte esatte, 20 non date e 10 sbagliate. L’operazione è: (30 x 1,5) – (10 x 0,4). Il risultato è 41 punti. In attesa della tanto agognata riapertura, buona fortuna a tutti i candidati!

© Riproduzione Riservata
avatar Carmela Sansone Laureata con lode in Lettere moderne e Filologia moderna presso l'Università degli studi di Salerno. Sono appassionata di letteratura, storia e giornalismo e molto dedita alla lettura. Mi piacciono le opere tradizionali della letteratura italiana, ma non rifuggo dai grandi classici (e non) del canone straniero. Sono un'aspirante docente, ma protendo anche verso il mondo delle Risorse Umane, da cui sono molto affascinata e in cui mi piacerebbe fare qualche esperienza. Sono molto creativa, ottimista e ligia ai miei doveri, ma non sopporto la slealtà e le omissioni. Tra le mie passioni, sicuramente rientra la tecnologia, ecco perché amo trattare di questa tematica all'interno dei miei articoli: tutto ciò che è progresso e avanguardia ben fatta mi attira. Allo stesso modo, sono appassionata di cucina ed è perciò che, nei miei scritti, amo affrontare le sfumature del settore, gli abbinamenti possibili e quelli più insoliti, ma anche vini, dessert e golosità di ogni genere. Ultima nota: amo i bambini, l'essenza sana di questo mondo, cui sono molto legata. Leggi tutto