Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio: frasi e citazioni

Carolina Campanile 10 Settembre 2020

Il 10 settembre, quando si celebra la Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio, frasi, citazioni, aforismi e immagini servono a far capire le origini e il significato del World day for suicide prevention.

Definito il gesto autolesionistico più estremo, esso è tipico nelle condizioni di grave disagio o di malessere psichico. Esso può essere determinato anche da cause o motivazioni strettamente personali. Gravi condizioni economiche e sociali, abusi fisici e psichici, condizioni di salute. Ma anche mobbing, bullismo, cyber-bullismo. Informarsi ed informare è veramente necessario, soprattutto in ambiti così delicati: ecco un altro obiettivo del World day for suicide prevention. Sociologicamente esso è analizzato approfonditamente da Emile Durkheim, che ha individuato quattro tipi diversi del fenomeno. Egoistico, altruistico, fatalista e anomico (ossia causato da un rifiuto). Il fenomeno era già noto nell’Ottocento come effetto Werther, derivate dal romanzo I dolori del giovane Werther di Goethe. In seguito alla pubblicazione del romanzo, infatti, vi fu un incremento del fenomeno. Inoltre dal 1960 al 2012 vi è stato un ulteriore aumento del 60%. Ed ecco che è stata resa necessaria l’istituzione della Giornata mondiale prevenzione suicidio, per diffondere maggiore consapevolezza su questo fenomeno.

Secondo una statistica, per ogni suicidio portato al termine se ne calcolano tra i dieci e i quaranta tentati. Questa cosa è senza dubbio il più grande fattore predittivo di un ulteriore tentativo. Tuttavia l’autolesionismo ancora non è visto come un vero e proprio tentativo di suicidio. Così l’OMS ha diramato delle linee guida per dirigere il comportamento degli operatori dell’informazione. Ma anche dei mezzi di comunicazione di massa, ai quali è richiesto un comportamento responsabile. Ogni membro della comunità può avere un ruolo fondamentale, dai medici ai ricercatori, ai volontari e le associazioni. L’OMS raccomanda soprattutto il controllo nell’accesso ai pesticidi, troppo spesso facilmente accessibili. Obiettivo principale del World day for suicide prevetion, Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio, è aumentare la consapevolezza che il suicidio è un fenomeno che si può prevenire. 

Origini Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio: perché si celebra il giorno 10 settembre

Istituita a Stoccolma nel 2003, ogni anno il 10 settembre si celebra la Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio. Essa è promossa dall’AISP, l’Associazione Internazionale in materia, e successivamente riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Quest’ultima già nel 1999 aveva lanciato la prima campagna di prevenzione, con il programma SUPRE. Ad esso era associato uno studio internazionale, chiamato SUPRE-MISS. Tale studio era stato in grado di coinvolgere Paesi del mondo nei quali questa problematica non era nemmeno stata riscontrata. Non a quei tempi, almeno. Tra questi Paesi troviamo ad esempio la Cina, il Vietnam, il Brasile. E Paesi con già un alto tasso di suicidi, come l’Estonia, la Svezia e l’Austria. AISP e OMS sono da sempre i principali promotori della giornata mondiale contro il suicidio, affrontando tematiche anche per la prevenzione e le cause del fenomeno. Ogni anno è proposto un tema diverso, tutto indirizzato verso l’informazione e nuove prospettive della prevenzione.

Le campagne svolte nell’ultimo decennio si concentravano spesso sui vari fattori che possono indurre ad un simile atto. C’è un grande bisogno di affrontare il problema, spiega il Direttore del Servizio Prevenzione Maurizio Pompili. A volte si dice che il suicidio è un fenomeno raro, ma la popolazione che pensa e si confronta col problema è molto più grande di quella che giunge ad un esito letale. Molti sono quelli che fanno tentativi, scommettono con la morte, vengono salvati in pronto soccorso e poi tornano alla loro realtà. Tra i fattori studiati da Pompili vi è anche il ruolo della famiglia, ad esempio gli sposati risulterebbero più protetti rispetto ai single/separati/divorziati. Tuttavia è difficile fare un quadro completo delle cause. Dietro al voler morire c’è una sofferenza estrema che spesso non riusciamo ad intendere, e che è sbagliato comprenderla dal punto di vista meramente clinico. 

World Day for Suicide Prevention: storia e significato

Ogni anno ben 800.000 persone nel mondo si tolgono la vita, e circa 20 milioni tentano di farlo. Ogni minuto, nel mondo, avvengono almeno due morti per suicidio. Si tratta di un fenomeno senza distinzione di età, anche se esso è più frequente tra i giovani e le persone di età superiore ai 65. Il tasso più alto si registra nei Paesi ad alto reddito, e con una percentuale più alta negli uomini. Questo perché sembrerebbe che utilizzino dei metodi molto più efficaci e, a volte, brutali. Tra i adolescenti esso è la seconda principale causa di morte, dopo gli incidenti stradali. I metodi più comuni? Impiccagione, avvelenamento da pesticidi e armi da fuoco. Sebbene siano state promosse iniziative anche sulla promozione della salute mentale, essa non sempre incide sul fenomeno. La persona in questione vive spesso in solitudine, ne sono un esempio gli Hikikomori.

Non possiamo dare la colpa alla sola depressione chiudendo il capitolo, perché non necessariamente è determinante. – afferma sempre Pompili. Spesso sono le vicissitudini personali, le sconfitte, la vergogna, gli abbandoni. Tutti fattori che portano a creare uno stato perturbato dove il soggetto perde tutti i punti di riferimento e si sente inondato in una sofferenza, nella quale sprofonda. Risulta così fondamentale tener conto dei segnali d’allarme, soprattutto nei casi in cui si sia verificato un primo tentativo. Con la Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio si vuol far capire che, spesso, tendere una mano può salvare una vita. Ecco perché sono nate anche organizzazioni di volontariato, come ad esempio il Telefono Amico che offre supporto e ascolto in maniera anonima. Nonostante i progressi il numero è ancora alto, con una media di 10 persone al giorno che decidono di togliersi la vita.

Citazioni per la Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio: frasi

Le migliori frasi per la Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio, citazioni famose e aforismi da condividere il 10 settembre per il World day for suicide prevention.

  • Vi è solamente un problema filosofico veramente serio: quello del suicidio. Giudicare se la vita valga o non valga la pena di essere vissuta, è rispondere al quesito fondamentale della filosofia. – Albert Camus
  • E’ la forza di quelli che non hanno più forza, è la speranza di quelli che non credono più. – Guy de Maupassant
  • La depressione è un’epidemia di portata mondiale. Nel 2020 secondo le stime dell’OMS la depressione sarà la più diffusa malattia del pianeta. Personalmente credo che la maggior parte delle depressioni abbiano le sue radici nella solitudine, ma la comunità medica preferisce parlare di depressione piuttosto che di solitudine. È più facile liberarci del problema dando una diagnosi e una scatola di farmaci. Perché se cominciassimo a parlare di solitudine, sapremmo, per certo, che non ci sono farmaci. Non c’è industria medica che tenga, basta l’amore umano. – Patch Adams
  • La gente pensa che la depressione è la tristezza, il pianto o il vestirsi in nero. Ma la gente non sa che la depressione è la costante sensazione di essere intorpidito. Ti svegli la mattina solo per tornare a letto. – Anonimo
  • Da alcuni studi è emerso che l’ottanta per cento della popolazione soffre di depressione, e che l’altro venti per cento di voi ne è la causa. – Dana Eagle
  • La depressione indica che in te, da qualche parte, c’è rabbia in uno stato negativo. La depressione è lo stato negativo della rabbia. Il termine stesso è eloquente: dice che c’è qualcosa di compresso, è questo il significato di depresso. – Osho
Evento del giorno: Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio
Ogni membro della comunità può avere un ruolo fondamentale, dai medici ai ricercatori, ai volontari e le associazioni. L'OMS raccomanda soprattutto il controllo nell'accesso ai pesticidi, troppo spesso facilmente accessibili. Obiettivo principale del World day for suicide prevetion è aumentare la consapevolezza nella comunità scientifica e nella popolazione che il suicidio è un fenomeno che si può prevenire. Ma anche che è una delle cause di morte principali, e che la prevenzione può avvenire attraverso strategie mirate. Diffondere poi informazione riguardo dati e risultati di ricerche e attività legate al fenomeno.
Nome EventoGiornata mondiale per la prevenzione del suicidio
Data istituzione10/09/2003
Data ricorrenza10/09/2020
Origine e significatoLa giornata è istituita dall'Associazione Internazionale per la Prevenzione del Suicidio e l'Organizzazione Mondiale della Sanità.
ScopoInformare e sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della prevenzione e le cause che scatenano il suicidio.
Evento del giorno: Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio
Ogni membro della comunità può avere un ruolo fondamentale, dai medici ai ricercatori, ai volontari e le associazioni. L'OMS raccomanda soprattutto il controllo nell'accesso ai pesticidi, troppo spesso facilmente accessibili. Obiettivo principale del World day for suicide prevetion è aumentare la consapevolezza nella comunità scientifica e nella popolazione che il suicidio è un fenomeno che si può prevenire. Ma anche che è una delle cause di morte principali, e che la prevenzione può avvenire attraverso strategie mirate. Diffondere poi informazione riguardo dati e risultati di ricerche e attività legate al fenomeno.
Nome EventoGiornata mondiale per la prevenzione del suicidio
Data istituzione10/09/2003
Data ricorrenza10/09/2020
Origine e significatoLa giornata è istituita dall'Associazione Internazionale per la Prevenzione del Suicidio e l'Organizzazione Mondiale della Sanità.
ScopoInformare e sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della prevenzione e le cause che scatenano il suicidio.
© Riproduzione Riservata
avatar Carolina Campanile Diplomata in Scienze del Turismo, sono iscritta alla Facoltà di Lettere Moderne alla Federico II. La passione per la scrittura nasce sin da piccola, quando nella mia stanzetta inventavo fiabe che ancora oggi custodisco gelosamente. Appassionata di letteratura e di arte, con gli anni ho iniziato ad interessarmi anche a ciò che è successo e succede nel mondo. Sensibile ai problemi che il pianeta (e l'uomo) affronta quotidianamente, per ControCampus scrivo prettamente per la rubrica Giornate e festività. L'idea nasce dalla volontà di raccogliere tutte le ricorrenze il cui obiettivo è sensibilizzare gli animi. Gli articoli trattano vari temi, dal problema dell'inquinamento alle malattie per le quali non ancora esiste una cura specifica. In passato ho scritto per la rubrica Il Personaggio e Frasi, dove ogni tanto mi ritroverete. Leggi tutto