Bonus baby sitter in decreto ristori bis: come funziona

Alessandra Cristofaro 11 Novembre 2020

Nuovo bonus baby sitter in decreto ristori bis: come funziona il pagamento che al prestatore avviene rispettando una scadenza stingente, quando e termini.

Conoscerne tutti i dettagli, quindi a chi spetta (anche nonni pensionati?), se fa reddito, o se la baby sitter deve essere assunta per il pagamento, assicura il buon esito della domanda Inps.

Con le scuole chiuse per coronavirus, il governo Conte ha promosso due tipi di aiuti alle famiglie: un nuovo congedo retribuito per i dipendenti e bonus baby sitting per Partite IVA. Un contributo di 1.000 euro per le famiglie nel Decreto Ristori bis: ecco a quanto ammonta il sussidio che aiuta i genitori che lavorano ed hanno bambini piccoli a casa. Ma ci sono novità rispetto al precedente contributo, che si è trasformato in bonus nonni 2020 o zii.

Il testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 9 novembre 2020 stabilisce il divieto di usarlo per pagare le prestazioni rese da familiari. Niente bonus baby sitter a nonni: Inps non accetta domanda che indichi come prestatore nonna, nonno, zia o zio. quindi. I voucher da 1000 euro per le famiglie del Decreto Ristori bis, ha requisiti diversi dal precedente. Ma quanto dura il sussidio baby sitter? Quando scade la domanda e come usare il contributo per chi ha i figli a casa? Ecco una pratica guida che aiuta a capire chi sono i destinatari e cosa cambia rispetto al precedente.

Nuovo bonus baby sitter di 1000 euro in Decreto Ristori bis: chi ne ha diritto e come funziona

Nel decreto Ristori bis in Gazzetta Ufficiale del 9 novembre 2020 sono indicati i requisiti dei beneficiari bonus baby sitting. Si tratta di lavoratori autonomi iscritti alla Gestione Separata INPS e alle sezioni speciali dell’AGO. Ma attenzione: è destinato solo a chi si trova nelle zone rosse, e quindi con massimo rischio di contagio da coronavirus, e scuole chiuse per Covid. Per le zone arancione e zona gialla, invece, non ci sono indicazioni. Ai lavoratori dipendenti è previsto il congedo straordinario, qualora suscitano condizioni e requisiti

  • la sospensione dell’attivita’ didattica in presenza delle scuole secondarie di primo grado
  • la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità’ agile

Entrambi i genitori di alunni delle suddette scuole, lavoratori dipendenti, possono astenersi dal lavoro per l’intera durata della sospensione dell’attività didattica in presenza.

La fruizione del bonus è riconosciuta alternativamente ad entrambi i genitori, nelle sole ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità’ agile

Il bonus viene erogato mediante il libretto famiglia. La fruizione del bonus e’ incompatibile con la fruizione del bonus asilo nido. L’articolo 14, al comma 4, prevede il divieto di usarlo per pagare le prestazioni rese da familiari. Non si potrà usare il bonus baby sitter per pagare i nonni, gli zii o altri parenti.

Infine, il bonus baby sitter, nel caso di figli affetti da disabilità grave è valido per le scuole di ogni ordine e grado. Per i centri diurni a carattere assistenziale, chiusi ai sensi del nuovo DPCM del 24 ottobre 2020 e del 3 novembre 2020.

Ma vediamo insieme quali sono le modalità per usufruire del bonus, quali sono le scadenze e come funziona.

Istruzioni Inps bonus babysitter del nuovo decreto ristori

La domanda per poter usufruire del bonus baby sitter è sempre la stessa, tramite l’accesso al sito dell’INPS.

Una vola che si è sulla home page del sito, bisogna compilare una domanda. Si inoltra in via telematica, accedendo al servizio online tramite le credenziali PIN, SPID, CIE o CNS. Qualora gli interessati non siano in possesso di queste credenziali, è possibile accedere al servizio in modalità semplificata.

Compilare e inviare la domanda online, previo inserimento della sola prima parte del PIN, ricevuto via SMS o email subito dopo la relativa richiesta.

Può anche essere inoltrata tramite modalità semplificata. Per la successiva fase dei pagamenti tramite Libretto Famiglia bisogna essere in possesso del PIN dispositivo.
Inoltre, può essere effettuata tramite i patronati o il Contact center dell’Istituto.

Scadenza domanda bonus baby sitting

E’ possibile presentare la domanda all’INPS, a partire dal 9 novembre 2020. Cioè dalla data di entrata in vigore del decreto, fino a tutta la durata di sospensione delle attività didattiche in presenza. (contenuta del DPCM 3 novembre 2020).

Termine massimo è il 3 dicembre 2020. Ma, la richiesta del bonus, potrà essere fatta fino ad esaurimento dei fondi disponibili stanziati.

© Riproduzione Riservata
avatar Alessandra Cristofaro Sono laureata in Giurisprudenza e svolgo la pratica forense presso uno studio di diritto civile e diritto del lavoro.Sin da piccola ho sempre avuto una forte passione per la scrittura; credo che le parole, unite al potere della vera informazione, hanno un valore molto importante.Sono sempre stata una persona molto curiosa, con voglia di conoscere ciò mi circonda. Proprio per questo, con Controcampus mi occupo della rubrica attualità; con i miei articoli, cerco di comunicare ai lettori ciò che accade quotidianamente in modo chiaro, semplice ed originale, sperando di lasciare un messaggio ben preciso.Le caratteristiche che più mi rappresentano sono determinazione, semplicità e correttezza. Leggi tutto