Riapertura scuola graduale, Miur e Azzolina da quando e come

Aniello Ianniello 24 Novembre 2020

Nuove dichiarazioni del ministro MIUR Azzolina, riapertura scuola graduale: ecco da quando, come avverrà e cosa ne pensa il ministro dell'istruzione.

La riapertura graduale delle scuole è uno degli argomenti scottanti dell’agenda politica. Dopo aver superato il picco della seconda ondata della pandemia di Covid-19, si pensa al futuro.

Per il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, le attuali disposizioni sono solo temporanee e legate all’andamento della curva dei contagi.

L’obiettivo del ministro è quello di riaprire le scuole in modo graduale. Lo scopo è di salvaguardare in primis la sicurezza degli studenti e dei docenti, ma anche delle famiglie. Il Ministero della Salute ricorda che i bambini rappresentano uno dei vettori principale del virus, in quanto meno esposti a sintomi.

Miur, riapertura scuola graduale secondo il ministro Azzolina: da quando e con quali modalità

Secondo il ministro dell’Istruzione Azzolina è necessaria riapertura della scuola graduale, una volta che sarà calata la diffusione del contagio nel paese.

Gli sforzi del Miur e degli istituti scolastici durante il periodo estivo, necessari per trascorrere un anno scolastico in sicurezza, si sono rivelati insufficienti. C’è da chiedersi come mai in tutta Europa il diritto all’istruzione è sempre stato garantito sia durante la prima che la seconda ondata e in Italia no? In molti di questi paesi, come Germania e Francia, si sceglie di tenere il più possibile gli studenti in aula, agevolando la crescita di quest’ultimi. Legata a questa scelta è la limitata efficacia della didattica a distanza, soprattutto per i bambini delle scuole elementari.

In un’intervista ai microfoni di RTL 102.5, il Ministro Azzolina afferma: “Spero che con tutte le chiusure si possa rallentare la curva e pensare ad un ritorno graduale a scuola, ma non mi sento di dare una data, sono settimane delicate. Sarò veramente soddisfatta quando tutti i ragazzi, soprattutto quelli delle superiori, potranno tornare in classe, ma dobbiamo osservare la curva dei contagi e attendere che questa si stabilizzi”.

Da quando riaprirà la scuola regione per regione

Il ministro dell’Istruzione quindi conferma che non è stata ancora programmata nessuna data di apertura. Le prime indiscrezioni parlano del 4 Dicembre o del 7 Gennaio, ma è tutto da decidere.

Domani, 25 Novembre, il ministro Azzolina incontrerà i sindaci delle città metropolitane per ricevere proposte in via della futura riapertura.

Per ora rimangono in vigore le regole contenute nel DPCM del 3 Novembre. Lo ricordiamo nelle zone rosse è prevista la didattica a distanza a partire dalla seconda media. Nelle zone arancioni e gialle l’ingresso a scuola è consentito agli studenti della scuola dell’infanzia, delle scuole elementari e medie, invece per le scuole superiori è prevista la DAD.

Ecco una panoramica della situazione delle scuole in Italia:

  • in Alto Adige, riprendono le lezioni i bambini delle scuole elementari. Riprendono i servizi di assistenza alla prima infanzia e le scuole materne. Per i ragazzi delle scuole  medie e dei licei rimane in vigore la didattica a distanza;
  • in Campania, sulla base dei risultati dello screening volontario da mercoledì 25 novembre riprendono le attività in presenza della scuola dell’infanzia, nonché per la prima classe della primaria
  • in Puglia, fino al 3 dicembre si lascia ai genitori la scelta sulla didattica in presenza o a distanza nelle elementari e medie;
  • nelle zone rosse (Valle D’Aosta, Lombardia, Piemonte e Toscana) le scuole seguono le regole del DPCM. Essendo zone rosse la dad parte dalla seconda media. Per la Campania la dad parte dalla seconda elementare .In Calabria, le scuole di tutti gli ordini e gradi rimarranno chiuse fino al 28 Novembre;
  • in Liguria, Emilia Romagna, Abruzzo, Marche, Umbria, Basilicata, Molise, Lazio, Sardegna, Friuli, Veneto e Sicilia è prevista la didattica a distanza per i soli studenti delle scuole superiori, fermo restando ordini di chiusura da parte dei sindaci locali.

Modalità riapertura scuole per Azzolina: come avverrà

Il ministro dell’Istruzione Azzolina ha affermato che il ritorno a scuola sarà graduale. Lo scopo è quello di evitare assembramenti intorno agli istituti scolastici e sui mezzi di trasporto pubblici.

Azzolina ha chiarito che è al lavoro per limitare altre chiusure a livello locale. La stoccata è contro il governatore della regione Campania, Vincenzo De Luca, reo di aver chiuso le scuole di ogni ordine e grado da fine Ottobre.

© Riproduzione Riservata
avatar Aniello Ianniello Ha 24 anni ed è neolaureato in Consulenza e Management Aziendale con il massimo dei voti. Ha passioni contrapposte, ma conciliabili: da una parte arde il fuoco verso i temi politici e l'economia, dall'altra parte è evidente un crescente interesse verso la musica e lo spettacolo. Ama definirsi un cittadino del mondo globalizzato e tecnologico, dove non esistono barriere culturali e sociali. Leggi tutto