• Meoli
  • Quaglia
  • Santaniello
  • Ferrante
  • Bruzzone
  • Chelini
  • Valorzi
  • Falco
  • Cacciatore
  • Napolitani
  • Romano
  • Boschetti
  • De Luca
  • Quarta
  • Alemanno
  • Bonetti
  • di Geso
  • De Leo
  • Buzzatti
  • Miraglia
  • Califano
  • Barnaba
  • Catizone
  • Pasquino
  • Coniglio
  • Casciello
  • Algeri
  • Crepet
  • Cocchi
  • Gnudi
  • Dalia
  • Grassotti
  • Gelisio
  • Andreotti
  • Mazzone
  • Liguori
  • Romano
  • Scorza
  • Bonanni
  • Baietti
  • Rossetto
  • Ward
  • Tassone
  • Rinaldi
  • Leone
  • Paleari
  • Carfagna

Chi è Luciana Lamorgese: curriculum, età, famiglia e partito politico

Antonella Acernese 22 Febbraio 2021
A. A.
30/07/2021

Da Prefetto a Ministro dell'Interno, chi è Luciana Lamorgese: biografia, età, altezza, curriculum, titolo di studio, famiglia, marito, figli e partito politico di appartenenza.

Dirigente pubblico, prefetto e politica, viene nominata Ministro dell’Interno il 5 Settembre 2019 nel governo Conte.

Laureata in Giurisprudenza con lode all’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Ha ricoperto diversi incarichi di prestigio. Nel 2010 viene nominata prefetto di Venezia, nel 2013 Capo di Gabinetto del Ministero dell’Interno con Angelino Alfano e poi Marco Minniti.

Viene promossa a prefetto di Milano nel 2017. Nel 2019 ricopre la carica di Ministro dell’Interno, nel secondo governo di Conte. E’ la terza donna a ricoprire tale ruolo nella storia.

Ha mantenuto la guida del Ministero anche nell’esecutivo di Mario Draghi, nel Febbraio 2021.

Recentemente ha fatto parlare di sé per la positività al tampone covid-19, durante il Consiglio dei Ministri, rivelatasi poi falsa.

Ma a parlarci di lei non sarà solo il suo partito politico, Luciana Lamorgese, chi è, anni, vita privata, marito, figli, carriera e stipendio, saranno la sua biografia e curriculum a dircelo.

Chi è Luciana Lamorgese: curriculum, famiglia, titolo di studio, stipendio e partito politico di appartenenza

Per scrivere una biografia e sapere chi è Luciana Lamorgese, Instagram e Facebook del ministro non ci saranno d’aiuto, piuttosto, età, altezza, famiglia, marito, figli e vita privata cercheremo di scoprirlo dalle sue interviste.

Nata a Potenza in Basilicata l’11 Settembre 1953, sotto il segno zodiacale della Vergine. Cresce ad Avellino, dove il padre, Italo, ricopre il ruolo di prefetto. Ha anche una sorella, con la quale condivide la passione per il cinema.

Non si conosce né il suo peso né la sua altezza. Capelli scuri e di media lunghezza, occhi piccoli e labbra sottili. Compostezza e sobrietà caratterizzano lo stile della donna. Il suo outfit d’ordinanza è un tailler dai colori scuri, blu, grigio o nero ed un sotto-giacca chiaro. Per dare un tocco di colore spesso aggiunge un foulard e degli orecchini.

Frequenta il liceo classico Pietro Colletta di Avellino. In seguto si iscrive all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Circa il il titolo di studio di Luciana Lamorgese, sappiamo che ha una laurea con lode in Giurisprudenza. Successivamente si abilita alla professione di Avvocato.

Tra i suoi hobbies ci sono le lunghe camminate per rilassarsi, ma anche il cinema. E’ difatti spesso presente alla Mostra del cinema di Venezia. Preferisce i film che affrontano la quotidianità, ma in generale cerca di vederne molti, ad esclusione di quelli violenti e di guerra.

Non ama apparire, ma fa della riservatezza e moderazione il suo tratto distintivo. Ciò spiega la sua assenza totale sui social. La donna non ha né un account Facebook, nè Twitter né Instagram.

Della sua vita privata sappiamo che è sposata, il marito di Luciana Lamorgese è l’infettivologo Orlando Armignacco, con il quale ha due figli.

Da dirigente pubblica Lamorgese ministro dell’Interno

Molti la conoscono per la carica di Ministro dell’Interno, ma non tutti conoscono il suo partito, Luciana Lamorgese, chi è, qual è il suo gruppo politico di appartenenza in realtà resta non del tutto chiaro. Potremmo definirla una figura tecnica, non iscritta a nessun partito e che ha fatto discutere non poco PD e M5s sulla sua scelta nel Governo. Ma cerchiamo di percorrere le sue tappe principali.

Grazie al padre prefetto capisce sin da giovane cosa vuole fare nella sua vita: aiutare gli altri, contribuire a dare un segnale alle istituzioni con la propria presenza.

Subito dopo aver conseguito il titolo di studio in Giurisprudenza, vince un concorso per il Ministero dell’Interno, ritrovandosi nell’amministrazione nel 1979. Diviene membro della direzione generale per l’Amministrazione generale e per gli Affari del Personale fino al 1985.

Nel 1989 viene nominata viceprefetta ispettrice di Varese e poi viceprefetta nel 1994.

Dal 1996 al 2003 ricopre il ruolo di direttrice dell’ufficio Ordinamento della Pubblica Amministrazione. Nel 2003 inoltre viene nominata prefetto. Dal 2003 al 2008 è anche direttrice delle Risorse umane presso il Dipartimento per gli affari interni e territoriali.

Nel 2010 diviene prefetto di Venezia, incarico che mantiene fino al 2013. A partire dal 2012 diventa capo del Dipartimento per le politiche del personale dell’Amministrazione civile.

Dal 19 luglio 2013 al 12 febbraio 2017 svolge le funzioni di Capo di Gabinetto dell’allora Ministro dell’Interno Angelino Alfano, incarico poi confermato da Marco Minniti.

Viene promossa nel 2017 a prefetto di Milano. Nel 2018, subito dopo essere andata in pensione viene nominata consigliere di Stato, dal Consiglio dei Ministri, presieduto da Giuseppe Conte.

Lo stipendio di Luciana Lamorgese pare essere di 106.356,00 € all’anno.

Cosa ha fatto in politica, chi è Luciana Lamorgese e partito politico di appartenenza

Chi ha sentito parlare di lei, sicuramente l’associa al suo ruolo di ministro dell’interno, Luciana Lamorgese chi è oggi lo sappiamo quindi soprattutto per la sua attività politica.

Il 5 Settembre 2019 Giuseppe Conte la nomina Ministro dell’Interno, nel suo secondo governo, succedendo a Matteo Salvini. L’incarico le viene confermato anche nel nuovo esecutivo di Mario Draghi.

Prima di ricoprire tale ruolo non ha mai fatto parte di alcun partito politico, né ha ricoperto cariche. Essendo difficile da inquadrare politicamente, da molti è stata definita “alfaniana”, in virtù del ruolo di Capo di Gabinetto del Ministro dell’Interno.

La sua nomina a Ministro è stata fortemente voluta dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Difatti più che “politica”, la donna è considerata un abile tecnico, conoscitrice dell’amministrazione in cui per anni ha lavorato.

Come Ministro, la donna è promotrice dell’accordo di Malta, firmato nel 2019, basato sul principio di solidarietà fra gli Stati membri dell’Ue in merito all’accoglienza e alla redistribuzione in Europa dei migranti.

La donna è anche molto attiva nella gestione degli incentivi per le strutture che ospitano richiedenti asilo, contribuendo a creare i primi hotspot di prima accoglienza e identificazione durante il periodo dell’emergenza sbarchi, nel 2015- 2017.

Durante il suo mandato di prefettura a Milano, nel 2017 il Ministro opera una serie di sgomberi di immigrati irregolati e tossicodipendenti, da palazzi occupati abusivamente. Matteo Salvini le ha regalato una targa di ringraziamento il giorno del suo pensionamento per il suo operato, vista la riduzione notevole di reati dell’8,7% nella Prefettura di Milano.

Anagrafica Principale
Nasce a Potenza l'11 Settembre 1953, sotto il segno zodiacale della Vergine. Cresce ad Avellino, dove il padre, Italo Lamorgese, ricopre il ruolo di prefetto. Si iscrive all'Università degli Studi di Napoli Federico II, dove si laurea con lode in Giurisprudenza e si abilita alla professione di Avvocato. Ha ricoperto diversi incarichi di prestigio. Nel 2010 viene nominata prefetto di Venezia, nel 2013 Capo di Gabinetto del Ministero dell'Interno con Angelino Alfano e poi Marco Minniti. Viene promossa a prefetto di Milano nel 2017. Nel 2019 ricopre la carica di Ministro dell'Interno, nel secondo governo di Conte, ruolo mantenuto anche nell'esecutivo di Mario Draghi, nel 2021.
Nome e CognomeLuciana Lamorghese
Data di nascita11/09/1953
Luogo di nascitaPotenza
ProfessioneDirigente pubblico, Ministro dell'Interno
Anagrafica Principale
Nasce a Potenza l'11 Settembre 1953, sotto il segno zodiacale della Vergine. Cresce ad Avellino, dove il padre, Italo Lamorgese, ricopre il ruolo di prefetto. Si iscrive all'Università degli Studi di Napoli Federico II, dove si laurea con lode in Giurisprudenza e si abilita alla professione di Avvocato. Ha ricoperto diversi incarichi di prestigio. Nel 2010 viene nominata prefetto di Venezia, nel 2013 Capo di Gabinetto del Ministero dell'Interno con Angelino Alfano e poi Marco Minniti. Viene promossa a prefetto di Milano nel 2017. Nel 2019 ricopre la carica di Ministro dell'Interno, nel secondo governo di Conte, ruolo mantenuto anche nell'esecutivo di Mario Draghi, nel 2021.
Nome e CognomeLuciana Lamorghese
Data di nascita11/09/1953
Luogo di nascitaPotenza
ProfessioneDirigente pubblico, Ministro dell'Interno
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Antonella Acernese Studentessa di Lettere Moderne alla Federico II di Napoli. Sono cresciuta a contatto con libri d'ogni genere, sviluppando amore verso le lettere e il potere della loro combinazione. Ho iniziato a collaborare con testate giornalistiche e scrivendo su blog, sin da giovanissima,. L'obiettivo di affermarmi nel mondo lavorativo, in qualità di giornalista, è la mia più grande motivazione . Fortemente affascinata dall'essere attiva sul campo e vigile nello sguardo nei confronti della realtà. Mi appassionano i dettagli, i retroscena, la possibilità di scoprire antefatti e di non arrestarsi mai, in tale ricerca. La dedizione nella ricerca costante dei dettagli è alla base della rubrica di Attualità che curo: "Le biografie dei personaggi". Curiosità, fatti e i loro mondi da scoprire, mi affascinano e mi stimolano nell'addentrarmi in essi e narrarli. Dico da sempre e senza remore, di essere nata per scrivere, per fondere insieme questa mia passione alla volontà di contribuire ad un servizio pubblico, ad informare e far conoscere. Scrittura pulita, chiara e rispettosa, un plain language, è ciò a cui miro nella stesura degli articoli, affinché cronaca e notizie possano essere consumate da tutti, senza alcun ostacolo di chiarezza. Leggi tutto