• Google+
  • Commenta
11 febbraio 2011

Università: E’ tempo di classifiche

Si parla di “Classifica delle classifiche” delle università italiane quella pubblicata di recente dalla rivista Campus, che vede sul podio in ordine l’Università di Bologna, Roma con la Sapienza e Padova.

L’Università di Parma si posiziona al ventesimo posto sbaragliando la concorrenza agguerrita di settantacinque Atenei tra pubblici e privati. A seguire, troviamo Modena, Reggio Emilia e Trento, la quale solo lo scorso anno era collocata al primo posto della classifica stilata dal Ministero. Ottimo risultato tenendo in considerazione che la classifica ha preso in esame le più riconosciute graduatorie internazionali.

Tenuto conto dei diversi criteri di valutazione da un punto di vista metodologico delle varie classifiche, Campus ha riportato tutti i risultati e una volta normalizzati, ha prodotto una nuova graduatoria che assegna un punteggio massimo di mille al valore medio più alto.

I ranking presi in esame per la classifica sono tre italiani e ben sette stranieri, tra i quali : l’Academic Ranking of World Universities (ARWU) prodotto dall’Università di Shangai, il Ranking delle eccellenze del quotidiano tedesco Die Zeit del centro di ricerche Che, il Ranking del Centre for Sciences and Technology Studies dell’Università olandese di Leiden, la classifica della Higher Education Evaluation and Accreditation Council di Taiwan, quella del Politecnico francese Mines Paris Tech, la Webometrics prodotta dal Consiglio superiore delle ricerche scientifiche spagnolo ed infine la classifica britannica QS.

In molte classifiche come criterio di valutazione rientrano le dimensioni degli atenei in questione, altro motivo per il quale il risultato di Parma, non avendo un ateneo grande, è da ammirare. In più, Atenei che hanno tra i diecimila e quindicimila studenti premiati dalle classifiche italiane sono penalizzati in quelle internazionali; al contrario l’Ateneo di Parma raggiunge anche in queste ottimi risultati.

Classifiche come la prestigiosa Arwu Shangai che valuta la qualità dell’istruzione e il livello qualitativo del docente, vede solo ventuno dei settantacinque Atenei considerati nella classifica di Campus e l’Ateneo di Parma è tra i primi cinquecento internazionali. La classifica Cwts Leiden invece, si basa sulla produttività della ricerca in rapporto alle dimensioni di Ateneo e secondo tale valutazione Parma si colloca intorno alla decima posizione a livello Nazionale tra i trentadue Atenei italiani presenti e addirittura precedendo le prestigiose Università di Bologna, Padova e Pisa. A livello Europeo quindi, Parma si colloca al centotrentaduesimo posto su duecentocinquanta università europee.

In queste classifiche di solito faticano i Politecnici che si vedono penalizzati nelle dimensioni di Ateneo bensì in Italia troviamo Milano al nono posto e Torino al tredicesimo, anche in questo caso quindi si sono raggiunti degli ottimi risultati.

Serena Valeriani

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy