• Google+
  • Commenta
12 gennaio 2012

Universal Pictures compie cent’anni

In realtà la data esatta dell’anniversario è quella del 30 Aprile, giorno in cui, nel 1912, il businessman Carl Laemmle incorporò, a New York, la Independent Moving Pictures Company nella neonata Universal Film Manufacturing Company: dato il rilievo della ricorrenza, però, la Universal ha deciso di dedicare l’intero 2012 alle celebrazioni, mirate a rimarcare la grande storia dello studio oltre che ad avvicinare le generazioni più giovani ad alcuni dei più notevoli prodotti di questa attività centenaria.

Il primo effetto deciso in questa occasione è riscontrabile nell’aggiornamento del logo animato Universal: si è mantenuto il globo, da sempre simbolo della società, rinnovando musica ed aspetto generale. Il nuovo logo debutterà nell’incipit del film d’animazione Dr. Seuss’ The Lorax, la cui uscita è prevista per Febbraio.

La parte più rilevante dell’iniziativa è comunque relativa all’estensivo programma di restauri di famosi lungometraggi che Universal ha deciso di intaprendere: una commissione definita ad-hoc è infatti stata incaricata di selezionare cento pellicole (dallo sterminato archivio Universal, che conta 5000 film e 50000 produzioni televisive) notevoli per “valore artistico e successo commerciale”; da qui si è ulteriormente ristretta la selezione ad un gruppo di tredici pellicole, che saranno oggetto di restauro completo e poi rimesse in commercio, presumibilmente anche in versione Blu-ray.

La lista dei film selezionati è compresa tra All Quiet on the Western Front (Niente di Nuovo sul Fronte Occidentale, 1930) e Schindler’s List (1993): si parte con i grandi horror classici dello studio come le due versioni di Dracula (1931) Frankenstein (1931) e The Bride of Frankenstein (La Moglie di Frankenstein, 1935). E poi Buck Privates (1941), della coppia Abbott & Costello (“Gianni e Pinotto” in Italia, il titolo italiano del film è infatti Gianni e Pinotto reclute), Pillow Talk (Il Letto Racconta 1959), To Kill a Mockingbird (Il Buio Oltre La Siepe, 1959), ed il grande Hitchcock di The Birds (Gli Uccelli, 1963). Gli anni ’70 saranno rappresentati da The Sting (La Stangata, 1973) e Jaws (Lo Squalo, 1975); gli ’80 dai sette premi Oscar di Out of Africa (La Mia Africa, 1985).

Si comincia il 31 Gennaio, quando sarà messa in commercio l’edizione Blu-Ray di To Kill a Mockingbird: tutti gli aggiornamenti sul sito del centenario.

Pasquale Parisi

Google+
© Riproduzione Riservata