• Google+
  • Commenta
3 giugno 2012

Indonesia: la lotta alla corruzione si impara all’università

In Indonesia, la corruzione rappresenta un fenomeno estremamente diffuso sia nella vita pubblica che in quella privata: fin dagli anni cinquanta, le autorità governative hanno avviato numerose indagini ed operazioni di controllo per prevenire i comportamenti illeciti e il clientelismo dilagante, ottenendo però scarsi risultati.

La svolta, tuttavia, è avvenuta in tempi recentissimi: una nuova collaborazione tra un centinaio di università dell’arcipelago indonesiano ha permesso, infatti, la creazione di un Network per l’Educazione alla Legalità (IEN), che ha come obbiettivo quello di educare gli studenti alla legalità e di monitorare i fenomeni di corruzione. Nel lungo periodo, l’IEN si propone di formare una nuova generazione di individui integri e rispettosi della moralità pubblica.

Fahmy Badoh, manager del progetto, ha affermato che l’organizzazione intende creare una società finalmente libera dalla corruzione utilizzando le università come “agenti di cambiamento”. Il metodo utilizzato è molto semplice: le università appartenenti al network offriranno una serie di lezioni sull’integrità e sulla lotta alla corruzione, in particolare durante i corsi di amministrazione pubblica, giurisprudenza, studi islamici e comunicazione politica.

Noi cerchiamo di instillare nei giovani il valore della legalità e della correttezza – ha dichiarato Fahmy Badoh al giornale Jakarta Globecon l’obiettivo di fare di loro dei cittadini onesti e impegnati nel rispetto della giustizia”. I giovani coinvolti non sono solo studenti universitari: grazie al sostegno del Ministero dell’Istruzione indonesiano, infatti, l’IEN ha avviato una serie di corsi anche nelle scuole superiori.

L’iniziativa ha già riscosso un notevole successo tra gli studenti, che hanno partecipato numerosi alle lezioni. “Gli studenti sono molto preoccupati per la situazione del loro Paese – ha dichiarato Fahmy Badoh perché conoscono bene il clientelismo e la corruzione: per questo hanno deciso di partecipare al cambiamento di cui tutti abbiamo bisogno”.

Google+
© Riproduzione Riservata