• Google+
  • Commenta
6 luglio 2012

Profumo: “Orientamento universitario già in quarta superiore”

Già più volte l’aveva affermato ed oggi l’ha tornato a ribadire: l’orientamento universitario deve partire un anno prima, in quarta superiore. Il Ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, in occasione della visita alla redazione del Corriere dell’Università Job a Roma, è tornato oggi sulla questione dell’orientamento alla scelta della facoltà nel corso di un intervista al Direttore Mariano Berriola (qui il link dell’intervista). “Penso che si dovrebbe iniziare a pensarci già dal quarto anno di scuola” ha affermato il Ministro, confermando quanto già dichiarato lo scorso Marzo all’Università di Tor Vergata, mentre presenziava al convegno sull’orientamento universitario “Oggi scelgo io”.

Il Ministro ha poi aggiunto: “Sto pensando a un sistema di orientamento che coinvolga gli studenti più grandi e gli operatori del mondo del lavoro, ad esempio con visite nelle aziende, oltre ovviamente alle istituzioni, che devono fare la loro parte. Anticipare questo aspetto al quarto anno permetterebbe agli studenti una scelta più consapevole”. L’obiettivo è scongiurare il pericolo di scelte frettolose e decisioni prese superficialmente che rischiano di portare le giovani matricole ad abbandonare l’università dopo i primi mesi di frequenza.

In tutti i paesi normali ci si prepara un anno prima per i test d’ammissione all’università … iniziare a luglio o agosto e’ sbagliato” ha ribadito il Ministro, sottolineando che una scelta maturata nel tempo consente ai giovani di prepararsi meglio ai difficili test d’ingresso che richiedono le università: “Nei paesi stranieri, sottolinea il ministro, i ragazzi iniziano con un anno di anticipo l’orientamento all’università e la preparazione pre-quiz. Questo significa avere idee chiare già durante gli anni scolastici”.

In merito ai discussi test d’ingresso, al centro delle polemiche qualche giorno fa dopo che il Consiglio di Stato aveva rinviato alla Consulta la legge del 1999 che regolamenta l’ingresso alle facoltà a numero chiuso, in quanto lesiva degli articoli 3 (uguaglianza sociale), 34 (diritto allo studio) e 97 (organizzazione uffici della Pubblica Amministrazione) della Costituzione (leggi l’articolo), Profumo ha dichiarato: “Serve equità nei test per quelle facoltà che già le hanno sperimentato a livello nazionale. Le università sono comunque autonome e nel bene e nel male bisogna rispettare l’autonomia”. Il Ministro ha infine aggiunto che per l’anno accademico 2012-13 sono previste aggregazioni di sedi universitarie con graduatorie comuni.

Nel progetto di Profumo volto a migliorare l’orientamento universitario non rientra solo l’anticipo dei tempi, ma anche Facebook. Come aveva detto lo scorso 19 Marzo davanti agli studenti di Tor Vergata: “Sarebbe meglio cominciare a fare orientamento dal quarto anno utilizzando anche strumenti come Facebook in modo che i ragazzi possano farsi un’idea anche attraverso l’esperienza e i racconti dei compagni più grandi”. Se tra qualche anno gli abbandoni o i cambi di facoltà saranno un fenomeno in progressiva diminuzione, allora potremo dire che il metodo Profumo sull’orientamento universitario ha dato i suoi frutti.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy