• Google+
  • Commenta
21 agosto 2017

Crediti formativi professionali per la laurea: quali sono e come funzionano

Crediti formativi professionali per la laurea
Crediti formativi professionali per la laurea

Crediti formativi professionali per la laurea

Ecco quali sono e come ottenere crediti formativi professionali Cfp per la laurea triennale.

Laurearsi in anticipo, senza dover sostenere tutti gli esami previsti dal corso di studi, è il sogno di molte aspiranti corone d’alloro. Un sogno che può diventare realtà, grazie al sistema di validazione degli apprendimenti esperienziali.

Ma come e quali sono i requisiti per laurearsi prima per chi è in possesso di un’esperienza lavorativa certificata? Come e cosa fare per avere crediti forativi professionali? Oggi è possibile tramutare l’esperienza lavorativa e curricolare in crediti formativi professionali. La possibilità è offerta dal sistema VAE (validazione degli apprendimenti esperienziali) che tramuta esperienza lavorativa in Cfu ovvero in Cfp. Il sistema VAE di convalida dell’esperienza acquisita mira ad agevolare il percorso universitario degli studenti lavoratori.

Il VAE si rivolge a persone che praticano attività professionale retribuita o volontaria da almeno tre anni. E’ necessario possedere esperienza professionale certificata, da documentare in Curriculum Vitae in formato europeo. Il CV unito ad un’apposita richiesta di riconoscimento dei Cfp, dovrà poi essere vagliata dal singolo ateneo di riferimento, come in questo caso.

I crediti formativi sono l’unità di misura in base alla quale vengono certificate le competenze dello studente o del lavoratore. I crediti formativi possono essere universitari (Cfu) o professionali (Cfp).

In Italia, il riconoscimento dei crediti formativi professionali è principalmente attivo nelle università telematiche.

Crediti formativi professionali – Cfp: quali sono e come laurearsi in anticipo con sistema VAE

Il riconoscimento può riguardare la convalida di vecchi esami già sostenuti durante carriere universitarie pregresse o esperienza lavorativa. Nel primo  caso lo studente avrà la possibilità di ottenere la convalida di esami già sostenuti e un numero di cfu utile per laurearsi. In questo modo non si dovrà conseguire la totalità dei 180 cfu richiesti per l’ottenimento di una laurea triennale. Nel secondo caso è necessaria una trattazione del pregresso lavorativo in Cfp.

Il meccanismo della tramutazione dell’esperienza formativa pregressa in Cfu non è tutto automatica. Varia a seconda dei singoli atenei e corsi di studio prescelti dal candidato.

Ma quali sono i Cfu e nello specifico i Cfp riconosciuti? Come ottenere Cfp? Il meccanismo cambia se si è già stati studenti universitari. Nel qual caso, la futura immatricolazione potrebbe risultare ancor più vantaggiosa. Nello specifico è necessario che si presenti:

  • documentazione attestante l’esperienza lavorativa;
  • storico esami sostenuti;
  • Cfu conseguiti;
  • Curriculum vitae aggiornato.

Sarà un’apposita commissione a valutare:

  • carriere universitarie pregresse:
  • riconoscimento delle esperienze lavorative;
  • abilità professionali certificate.

La convalida è una facoltà è non un’obbligo per l’esaminante.

Sistema VAE e riconoscimento dei crediti formativi professionali

Il sistema della validazione degli apprendimenti esperienziali (VAE) ha origini europee. Le prime Direttive VAE introdussero il sistema della convalida dell’esperienza acquisita. Incoraggiarono le università a riconoscere crediti formativi professionali. Si  riconobbe importanza alle conoscenze, competenze ed abilità maturate in ambito lavorativo.

La normativa italiana di riferimento trae origine dall’art. 5, comma 7, del D.M n. 509 del 1999. “Le università possono riconoscere come crediti formativi universitari, secondo criteri predeterminati, le conoscenze e abilità professionali certificate ai sensi della normativa vigente in materia, nonché altre conoscenze e abilità maturità in attività formative di livello post secondario alla cui progettazione e realizzazione l’università abbia concorso”.

Dal 2010, la conversione è scesa da 60 a 12 cfu. Gli studenti lavoratori possono avvalersi sia delle esperienze universitarie pregresse che delle esperienze lavorative e professionali, così da vedersi abbreviare un corso di studi universitario, grazie al riconoscimento di Cfp.

Il Decreto n. 509 del 1999 consentì agli atenei la possibilità di riconoscere fino ad un massimo di 120 Cfu, sui 180 previsti per la laurea triennale. Successivamente nel 2006, il Miur ridusse i Cfu a 60. Con la Legge n. 240 del 2010 (riforma universitaria), la soglia limite della convalida dei Cfp scese da 60 a 12 cfu.

Requisiti per il riconoscimento dei crediti formativi professionali

La tramutazione in crediti formativi universitari riguarda certificati e attestati di esperienze lavorative ma non solo. Sono ammesse conoscenze informatiche, linguistiche, ad attività culturali e ad iscrizioni ad albi professionali.

Le categorie lavorative interessate al sistema VAE sono molteplici. Dai Geometri ai ragionieri, dagli impiegati pubblici ai privati. Infine anche giornalisti, imprenditori, bancari e dirigenti.

I requisiti generici per il riconoscimento dei crediti formativi professionali sono i seguenti.

  • Il candidato deve essere in possesso di un diploma di scuola superiore.
  • Deve praticare un’attività professionale, retribuita o non salariata, da almeno tre anni.
  • Deve depositare presso l’Università prescelta, una domanda di ammissione alla VAE, necessaria per la convalida delle competenze maturate, insieme a curriculum vitae.
  • Spetterà al nucleo di valutazione dell’ateneo contattato, esaminare il tenore delle competenze dichiarate e documentate. Eventualmente tramutarli in crediti formativi universitari.
  • Se la domanda verrà ammessa, lo studente ottiene un numero di cfu proporzionale alla quantità e qualità di esperienze lavorative riconosciute. In tal modo, dunque, il futuro percorso universitario risulterà di gran lunga più vantaggioso.

Antonio Migliorino

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy