• Google+
  • Commenta
11 Ottobre 2019

Sondaggio elettorale di oggi 11 ottobre 2019 di PiazzaPulita

Sondaggio elettorale di oggi 11 ottobre 2019 di PiazzaPulita
Sondaggio elettorale di oggi 11 ottobre 2019 di PiazzaPulita

Sondaggio elettorale di oggi 11 ottobre 2019 di PiazzaPulita

Ecco l’ultimo sondaggio elettorale di Piazzapulita di Corrado Formigli su La7, da parte di Index Research quali sono le intenzioni di voto degli italiani.

Quest’ultimo sondaggio elettorale attesta la Lega Nord al 32,5%, Partito Democratico al 20,1%, il Movimento 5 Stelle al 18,8%

Italia Viva, rispetto a tre giorni fa, perde terreno contro Fratelli d’Italia e Forza Italia, attestandosi dietro i due partiti della coalizione di centrodestra con il 4,7%. Nonostante questa flessione, il partito di Renzi resta componente fondamentale della compagine di governo, con la parola dell’ex segretario del Partito Democratico che è importante tra gli alleati. Il partito di Matteo Salvini resta saldamente in cima ai sondaggi con oltre 12 punti percentuali di distacco rispetto al Partito Democratico, al secondo posto nelle preferenze degli italiani, con il Movimento 5 Stelle che segue a stretto giro.

Sondaggio elettorale oggi 11 ottobre 2019 Index Research: chi vincerebbe se si votasse oggi?

Intenzioni di voto - partiti minori

Intenzioni di voto – partiti minori

Se si andasse al voto oggi 11 ottobre 2019, secondo il sondaggio elettorale, la Lega Nord di Matteo Salvini vincerebbe con ampio margine rispetto ai concorrenti a conferma dei sondaggi politici.

E’ ormai prassi vedere il partito di Salvini essere distaccato di molto dalla coalizione di governo, con il leader del Carroccio che fa convergere su di sé consensi tra coloro che sono insoddisfatti con gli ultimi sviluppi politici.

La presenza mediatica di Salvini, certamente motivo principale di questa improvvisa ascesa della Lega, ha contribuito a trasformare il partito da un minore protagonista della scena politica italiana al primo posto nelle preferenze di molti, anche nel Sud, da sempre avverso ad un partito che, prima di tempi recenti, aveva fatto del secessionismo la propria bandiera.

Certamente l’improvviso salto di popolarità avuto dalla Lega è dovuto al fatto che, ancora, i partiti di opposizione non riescono ad opporre una figura carismatica capace di opporsi e di attirare consenso da ogni parte.

Il fatto che la Sinistra sia, come tradizione consolidata, divisa al proprio interno in più partiti minori dalle idee anche radicalmente differenti, non aiuta a fare fronte unito e accumulare voti nel sondaggio elettorale.

Gli altri partiti di centrodestra, Fratelli d’Italia e Forza Italia, premono affinché vi sia coalizione unita contro il governo attuale, nonostante siano entrambi molto lontani dalle percentuali ottenute dall’alleato Leghista.

Di seguito l’elenco di tutti i partiti e le preferenze espresse nell’ultimo sondaggio politico.

  • Lega: 32,3%
  • Partito Democratico: 20,1%
  • Movimento 5 Stelle: 18,8%
  • Fratelli d’Italia: 7,4%
  • Forza Italia: 6%
  • Italia Viva: 4,7%
  • Più Europa: 2,1%
  • Verdi: 2,0%
  • Altri partiti di Sinistra: 2,0%
  • Altri: 4,6%

Volpi eletto presidente Copasir, governo prende distanze dal Russiagate

Intenzioni di voto - partiti minori a oggi

Intenzioni di voto – partiti minori a oggi

Come riportato dall’agenzia di stampa Ansa Leghista Pavese Raffaele Volpi è il nuovo presidente del Copasir. Ma conosciamo nel dettaglio le ultime news dalla politica di governo.

Il primo impegno sarà mettere in calendario l’audizione del Premier Conte, che ha dato la propria disponibilità per riferire al riguardo dell’ormai celebre scandalo Russiagate.

Volpi è stato eletto con voto non unanime, infatti, nonostante 6 voti a favore, altre 3 schede erano bianche.

Il neo presidente, 60 anni, ha cominciato la propria carriera come consigliere nel bresciano, poi nel 2008 è stato eletto alla Camera ed è sempre stato in parlamento da allora.

Contestualmente il Colle prende le distanze dallo scandalo Russiagate. Smentendo la ricostruzione letta su alcuni giornali come “fantasiose ricostruzioni”, che vogliono il Premier Conte informato sulle richieste avanzate dall’amministrazione Trump. Il Presidente del Consiglio si è dichiarato serenamente disponibile per riferire al Copasir, negando nel contempo con forza ogni coinvolgimento, personale o istituzionale, riguardo allo scandalo.

Da Palazzo Chigi si riferisce che ogni giorno la Presidenza del Consiglio sarebbe costretta a smentire numerosi articoli. Che attraverso ricostruzioni fantasiose e spesso non verificate veicolano notizie infondate”. Che “il Presidente del Consiglio ha già espresso in più occasioni la propria disponibilità a riferire al Copasir. Nei tempi che lo stesso Comitato riterrà opportuni. In quella occasione il Presidente del Consiglio, nella massima trasparenza, informerà il Copasir, e solo successivamente gli organi di informazione”

Google+
© Riproduzione Riservata