• Cocchi
  • Falco
  • Gnudi
  • Romano
  • Baietti
  • Califano
  • Ward
  • Leone
  • Liguori
  • Paleari
  • Gelisio
  • Meoli
  • Alemanno
  • Tassone
  • Rossetto
  • Casciello
  • Valorzi
  • Romano
  • De Leo
  • Algeri
  • Pasquino
  • Boschetti
  • Buzzatti
  • Napolitani
  • Crepet
  • di Geso
  • Bruzzone
  • Santaniello
  • Rinaldi
  • Barnaba
  • Scorza
  • Miraglia
  • Catizone
  • Quarta
  • Bonanni
  • Bonetti
  • Quaglia
  • Chelini
  • Coniglio
  • Mazzone
  • Dalia
  • Cacciatore
  • De Luca
  • Grassotti
  • Andreotti

Innamorarsi del professore, docente, maestro a scuola o università

Antonella Acernese 8 Aprile 2021

Cosa succede ad innamorarsi del professore, docente, maestro a scuola o università: dalla sindrome al come capire se piaci ad un professore e viceversa.

Capita di sentirsi particolarmente affascinati dal docente o supplente, oppure di trovare negli insegnati punti di riferimento fondamentali, in assenza di altre figure cardine.

Non è raro che una studentessa di liceo o di università provi attrazione nei confronti del docente, soprattutto se quest’ultimo, oltre ad avere autorevolezza e carisma, è anche di bell’aspetto.

Cosa fare? Di certo, un consiglio su tutti è quello di evitare scelte impulsive, che possono provocare effetti incontrollabili. Altro passo è quello di fare una riflessione su se stessi, capire se si tratta di un’infatuazione passeggera o un interesse serio e ricambiato.

“Mi sono innamorata del mio professore dell’università o del docente a scuola”, è un’espressione che spesso abbiamo sentito da parte di amiche e amici, ma perché succede?

Ci sono diverse motivazioni alla base, come autostima vacillante, timore di intraprendere una relazione ver. Ma altra causa dell’innamoramento del prof è il distacco dalla realtà che porta a rifugiarsi nella fantasia e in rapporti impossibili. Non per ultimo anche la mancanza di un’affettività solida durante l’infanzia, è da annoverare tra possibili concause.

Spesso accade perché tale figura risponde ad un bisogno di cura personale che viene a mancare nella vita e si idealizza nelle aule scolastiche.

Dunque, non è sempre e solo una questione di attrazione fisica, anzi. I motivi psicologici alla base di questo evento possono essere tanti.

Lo abbiamo chiesto al professionista in psicologia, se innamorarsi del professore, docente, maestro a scuola o università è una cosa normale, come accade e perché. Lo psicologo Carlo Romano. Come pure il docente Rocco De Leo ci aiuterà a capire perché una studentessa è attratta dal suo professore di liceo, sull’ente universitario o altra figura di riferimento per la propria formazione.

Innamorarsi del professore, docente, maestro a scuola o università: sindrome, perché succede, cause e cosa fare

Fra i giovani, e soprattutto per il genere femminile l’infatuazione nei confronti del docente di turno è frequente. Quando capita a scuola di innamorarsi del professore, sindrome del maestro è la prima spiegazione che ci offre la psicologia. Ma è sufficiente questa teoria a spiegare perché una ragazza si innamora del suo insegnante?

Sulla questione, il punto dello psicologo Carlo Romano.

“Non si può parlare in tutti i casi di “sindrome del maestro”, perché spesso si tratta di un fenomeno naturale che non ha motivazioni patologiche”. – Fa sapere l’esperto, e continua -. “Si parla più precisamente di “sindrome”, quando anche dalla parte del docente c’è una collusione, un desiderio esplicito verso la studentessa.

“Il discorso diventa più grave quando subentrano minorenni. Ovviamente anche in campo universitario, benché siano coinvolti maggiorenni, non è un fenomeno positivo. Soprattutto è disfunzionale quando, anche dalla parte del docente, c’è consenso.” 

Diverse sono le cause per lo più psicologiche che sono alla base di un’affettività esplicita nei confronti del proprio docente.

“Da un secolo si studia il fenomeno del “transfert”. Cioè l’investimento di un sentimento su di una persona, inizialmente indirizzato ad altri. Una ragazza può trasferire lo stesso affetto che aveva nei confronti di un genitore, nei confronti del docente. Ci possono essere delle variabili soggettive, che rientrano nella storia personale di ognuno. Per esempio, una ragazza che ha vissuto un padre molto sessualizzato, può tendere ad investire molto di più i suoi sentimenti con altre persone.” – Conclude lo psicologo -.

Costituisce un pericolo innamorarsi del professore all’università o a scuola? E cosa fare se succede al docente di innamorarsi di una studentessa?

“Il docente dovrebbe essere a conoscenza che queste dinamiche si possono verificare e che, non sempre si tratta di eventi patologici o disfunzionali. Quest’ultimo deve sicuramente aver  consapevolezza della propria sessualità. Dunque non dovrebbe contemplare la possibilità di aver relazioni con persone molto più piccole. E’ spesso fondamentale parlarne con i propri colleghi, per avere anche un supporto dal consiglio.” -Consiglia l’esperto in psicologia Carlo Romano-.

“Lo studente deve prender consapevolezza che, quando la situazione valica il confine della “semplice cotta”, deve chiedere supporto. Un aiuto, alla famiglia, docenti o anche ad uno psicologo serve sempre. Lo studente avrà così modo di giungere ad una chiara comprensione delle motivazioni che sottendono tale evento. Dunque una maggiore comprensione di se stesso.” – Conclude lo psicologo.-

Cosa succede ad innamorarsi del professore di scuola, del maestro o del docente all’università: sindrome e cause

I docenti spesso si trovano nella scomoda posizione di rispondere a manifestazioni di affetto esplicite. E conoscere le cause dell’innamorarsi del professore e conseguenze, può essere d’aiuto per studenti e docenti. Nella maggior parte dei casi si tratta di una idealizzazione dell’uomo/insegnante. E chi riceve le avance da una studentessa, deve essere consapevole dei rischi e della reale motivazione di questo interesse.

La “sindrome del maestro” è in realtà un evento che non riguarda solamente la sfera scolastica o universitaria. Difatti, più che di un’aura di fascino intorno alla figura del docente, si tratta di una selezione naturale “preventiva” nella scelta del partner, con lo scopo di scegliere “il migliore” – Ci fa sapere il professore Rocco De Leo e continua -.

“Quando infatti si conosce un uomo di successo, che sia il maestro di sci, l’animatore turistico, il personal trainer o il manager, è facilissimo cadere nella trappola dell’esemplare di “maschio vincente”. Determinato, forte e di certo ottimo padre nell’eventualità.” 

Lo studente o studentessa innamorata del professore, relazione da nascondere o da vivere?

Ci raccontano le esperienze e testimonianze che innamorarsi del professore tra i banchi di scuola o di università può spesso creare scandalo. La ragione è da trovare nei pregiudizi della società, ma anche nella nascita di una storia che potrebbe nascondere forti squilibri. Le conseguenze più rischiose di una storia tra professore e alunna può averle il docente, anche se la studentessa è maggiorenne.

Tantissimi sono i casi di cronaca noti per relazioni dichiarate “illegali” anche a causa della minore età dello studente, ma non sempre è così. Spesso si tratta di relazioni consenzienti, tra persone adulte, che tuttavia generano forti pregiudizi nella società.

“Non è una scelta “innamorarsi” del docente. Dopotutto l’amore forse non è mai una vera e propria “scelta”. Semplicemente ne restano affascinate forse più grazie al ruolo ricoperto e all’esperienza/al carattere riconosciuto. Un’infatuazione, quindi, che non può né deve assolutamente viversi tra i banchi di scuola. Ma probabilmente nemmeno all’esterno, come i recenti fatti di cronaca e le successive sentenze dimostrano.” – Asserisce il docente De Leo.-

Quando lo si vive fuori, come andrebbe vissuto? È giusto che il professore si nasconda e non lo viva alla luce del sole?

“Portarlo avanti, di nascosto o alla luce del sole, significherebbe per entrambi rischiare di diventare oggetto di scandalo e di gossip. Questo avviene più a causa dei limiti di una società non ancora pronta a riconoscere ciò che è “altro” o “diverso” dal sentire comune. In questo campo così come in tanti altri.” – Conclude il professore Rocco De Leo -.

© Riproduzione Riservata
Antonella Acernese Studentessa di Lettere Moderne alla Federico II di Napoli. Sono cresciuta a contatto con libri d'ogni genere, sviluppando amore verso le lettere e il potere della loro combinazione. Ho iniziato a collaborare con testate giornalistiche e scrivendo su blog, sin da giovanissima,. L'obiettivo di affermarmi nel mondo lavorativo, in qualità di giornalista, è la mia più grande motivazione . Fortemente affascinata dall'essere attiva sul campo e vigile nello sguardo nei confronti della realtà. Mi appassionano i dettagli, i retroscena, la possibilità di scoprire antefatti e di non arrestarsi mai, in tale ricerca. La dedizione nella ricerca costante dei dettagli è alla base della rubrica di Attualità che curo: "Le biografie dei personaggi". Curiosità, fatti e i loro mondi da scoprire, mi affascinano e mi stimolano nell'addentrarmi in essi e narrarli. Dico da sempre e senza remore, di essere nata per scrivere, per fondere insieme questa mia passione alla volontà di contribuire ad un servizio pubblico, ad informare e far conoscere. Scrittura pulita, chiara e rispettosa, un plain language, è ciò a cui miro nella stesura degli articoli, affinché cronaca e notizie possano essere consumate da tutti, senza alcun ostacolo di chiarezza. Leggi tutto