• Tassone
  • Bruzzone
  • Santaniello
  • Buzzatti
  • Rossetto
  • Chelini
  • di Geso
  • Catizone
  • Quarta
  • Bonanni
  • Coniglio
  • Quaglia
  • Bonetti
  • Meoli
  • Grassotti
  • Romano
  • Falco
  • Miraglia
  • Baietti
  • Scorza
  • Valorzi
  • Carfagna
  • Leone
  • Ferrante
  • Califano
  • Crepet
  • Gnudi
  • Algeri
  • Andreotti
  • Mazzone
  • Dalia
  • Napolitani
  • Romano
  • Barnaba
  • Gelisio
  • Paleari
  • Ward
  • Boschetti
  • Pasquino
  • Rinaldi
  • Cacciatore
  • Alemanno
  • De Leo
  • Liguori
  • Casciello
  • De Luca
  • Cocchi

Rientro a scuola 2021: ipotesi possibili, nuove modalità e regole

Flavia de Durante 5 Luglio 2021
F. d. D.
17/09/2021

Ecco come potrebbe essere il rientro a scuola 2021/22, quando iniziano le lezioni e con che modalità si tornerà in classe: calendario regione per regione e nuove regole.



L’inizio della scuola, a settembre 2021, è ancora avvolto il una nube di dubbi ed incertezze. Non è ancora stato emanato alcun Dpcm o comunicazione che indichi come sarà il rientro a scuola 2021/22, ma già sappiamo quando inizia per ogni regioni italiana come Veneto, Lombardia e Piemonte.

Quello che però si domandano i professori, gli studenti e il personale scolastico riguarda specialmente le modalità di rientro. Ma, al momento, le nuove regole e disposizioni restano un’incognita. Così come, nostro malgrado, l’evoluzione dello stato pandemico. Strettamente collegata alle decisioni in merito alle nuove norme da seguire in classe, dunque, sarà proprio la situazione covid-19 verso la fine dell’estate.

Già l’anno scorso, a settembre 2020, il ritorno tra i banchi era stato accompagnato da una serie di regole e comportamenti anti-covid da attuare. Nel 2021/22, come sarà il rientro a scuola, novità e regole?

Rientro a scuola 2021: come potrebbe essere, ipotesi possibili e nuove regole da rispettare

Per quanto l’anno scolastico 2020/21 sia terminato da poco, già ci si domanda come sarà respirare nuovamente gli ambienti scolastici a settembre 2021, quando si tornerà in classe a scuola.

Sembra quasi confermata la necessità di continuare a mantenere il distanziamento. Al centro delle discussioni più numerose, comunque, c’è sicuramente l’uso della mascherina. Resterà obbligatoria? Quest’anno, infatti, tanti sono stati i ragazzi -specialmente i più piccoli- e docenti che hanno lamentato grandi difficoltà a trascorrere cinque o sei ore al giorno con la mascherina costantemente indossata.

Tuttavia, nel rispetto delle norme anti-covid, tutti hanno riconosciuto quanto questo dispositivo si sia rivelato indispensabile e fondamentale nella lotta contro il contagio. Specialmente nei luoghi più affollati, proprio come la scuola. Il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, parlando di questo tema, ipotizza e si augura un rientro senza mascherine obbligatorie per gli studenti.

Certamente, mascherina o no, la priorità di tutti è tornare in aula in totale sicurezza. A questo proposito, nel decreto Sostegni Bis del Governo è previsto un fondo da 500 milioni per i supporti necessari alla sicurezza anti-covid19 nelle scuole. E, più in generale, per la riapertura.

Altro tasto dolente e al centro del dibattito pubblico e politico è, senza dubbio, la scelta fra il ritorno in presenza e la ormai famosa DAD. Ossia la didattica a distanza, che ha spesso accompagnato polemiche e dubbi.

“Dovremo monitorare l’evoluzione delle varianti, che sono l’unico punto che può offrire un elemento di preoccupazione.” – Ha detto Roberto Speranza, Ministro della salute, pronunciandosi sulle ipotesi su come sarà il rientro a scuola 2021. – “Se non ci sono stravolgimenti sul piano delle varianti, che sono un’incognita, sono fiducioso che le scuole possano ripartire a settembre in presenza.

Anche il Ministro dell’Istruzione è dello stesso parere. Bianchi, infatti, spera in un rientro a settembre in presenza. Ma, ovviamente, riconosce che ci siano ancora molte incognite.

“L’obiettivo è tornare tutti insieme in presenza. Ma la pandemia non è finita e ci vuole cautela.”- dice il Ministro. – “C’è un problema di trasporti. Dobbiamo garantire sicurezza a scuola, ma anche fuori. E organizzare le attività didattiche in modo più articolato, con strutture più presenti sul territorio”.

Rientrare a scuola a settembre 2021: importanza vaccini

Parlando di come sarà il rientro a scuola a settembre 2021, le ipotesi non possono che tener conto della galoppante campagna vaccinale. In Italia, infatti, questo aspetto va considerato grandemente. Specialmente perché il personale scolastico è stato tra i primi a ricevere il vaccino anti covid-19.

Proprio Andre Costa si pronuncia in merito: L’immunità di gregge entro la fine di settembre è ancora assolutamente alla portata.” E Bianchi conferma: “Se ci vaccineremo tutti, andremo oltre la mascherina.”

La copertura vaccinale, per settembre, dovrebbe essere alta tra coloro che frequentano l’ambiente scolastico. Sia docenti che personale Ata. Ma, specialmente alle superiori, anche per gli studenti. Purtroppo, però, i numeri non sono ancora quelli auspicati.

Anche il commissario per l’Emergenza, Francesco Paolo Figliuolo è intervenuto per dire la sua sul tema vaccinazioni studenti in vista della rientro a scuola 2021.

“I presidi dovranno rendere sicura la permanenza a scuola dei bambini e dei ragazzi che sceglieranno di non vaccinarsi. Il vaccino è uno dei pilastri della lotta al virus. Ma per me nessuno mai deve essere discriminato.” –Ha detto Figliuolo.- “Finché ci sono le leggi che permettono la non obbligatorietà, chi organizza l’attività scolastica deve mettere in campo tutto quello che è possibile”.

Quando si torna in classe 2021/22: calendario regione per regione

Vediamo inoltre le notizie certe sulle date rientro a scuola 2021/22, quando si inizia, ecco il calendario dell’inizio delle lezioni in varie regioni d’Italia come Veneto, Piemonte e Lombardia. Queste le sole, per ora, ad aver annunciato il giorno in cui si tornerà in classe a settembre:

  • Provincia di Bolzano: 6 settembre
  • Piemonte: 13 settembre
  • Veneto: 13 settembre per elementari e medie; 16 settembre per le superiori.
  • Toscana: 15 settembre
  • Trentino: 13 settembre
  • Abruzzo: 13 settembre
  • Valle d’Aosta: 13 settembre
  • Campania: 15 settembre
  • Puglia: 20 settembre
  • Friuli Venezia Giulia: 16 settembre
  • Lombardia: 13 settembre
  • Lazio: 13 settembre
  • Molise: 15 settembre
  • Calabria: 20 settembre
  • Basilicata: 13 settembre
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Flavia de Durante Studentessa di Lettere Moderne all'Università degli studi di Salerno. Profondamente ecologista e ambientalista, mi occupo di volontariato animalista. Mi interessa esplorare il mondo circostante in tutte le sue sfumature ed in particolare l'animo umano e i rapporti interpersonali. Amo da sempre la lettura e mi diletto a scrivere sin dalla prima adolescenza. I temi che maggiormente mi interessano sono quelli legati alla cultura, alla storia, al costume, all'ambiente, all'attualità. Vedo nel settore del giornalismo non solo la possibilità di trasmettere dati ed informazioni, ma anche una grande opportunità di acquisire nuove e varie conoscenze. La curiosità e la voglia di sapere sono i motori principali che mi hanno spinto a intraprendere questo percorso. Leggi tutto