• Google+
  • Commenta
7 maggio 2015

Indiscrezioni data prova orale esame avvocato 2014-2015

Ultime notizie sull’esame avvocato: risultati e percentuali degli ammessi a sostenere le prove orali e le prime indiscrezioni data prova orale esame avvocato 2014-2015.

Alla Corte d’Appello di Ancona sono stati ammessi il 21% dei candidati; a Bari il 23%, a Bologna il 43%, a Brescia il 37%, a Catania il 35%, a Catanzaro il 40%, a Genova il 41%, a Messina 40%, Milano 44%, alla Corte d’Appello di Palermo il 55%. La Corte d’Appello di Roma ha ammesso il 25% dei candidati, quella di Torino il 33%. La Corte d’Appello di Trento il 39% e quella di Trieste il 50%.

La Corte d’Appello di Venezia il 27% e quella di Campobasso il 43%. La Corte d’Appello di Napoli ha ammesso 1740 candidati, quella di Salerno 640. I candidati ammessi a Potenza sono stati 621 e a Cagliari 270.

Ricordiamo che l’esame avvocato costituisce il coronamento del corso di studi e del praticantato che ogni aspirante avvocato deve seguire. Dal momento che si tratta di una serie di prove molto difficili, ogni candidato si informa su dove è meglio fare l’esame, come si svolge.

Dopo aver sostenuto le prove scritte, iniziano le ricerche sulle soluzioni delle tracce svolte, sui risultati e indiscrezioni data prova orale.

Le indiscrezioni data prova orale dell’esame avvocato 2014-2015 parlano di un giorno fissato intorno al 20 giugno, in quanto anche l’anno scorso è stata seguita questa prassi.

Indiscrezioni data prova orale esame avvocato 2014-2015 e come prepararsi al meglio

  • Discussione sulle prove scritte;
  • Prova su cinque materie a scelta tra diritto costituzionale, diritto civile, diritto commerciale, diritto del lavoro, diritto penale, diritto amministrativo, diritto tributario, diritto processuale civile, diritto processuale penale, diritto internazionale privato, diritto ecclesiastico, diritto comunitario.
  • Prova sulla deontologia professionale;

Oltre alle ricerche su come prepararsi all’esame avvocato 2014-2015, non sono poche le ricerche sulle percentuali degli ammessi alla suddetta prova per ogni corte d’appello. Già dalle percentuali dello scorso anno è possibile provare a immaginare quali saranno quelle dei candidati ammessi dell’esame avvocato 2014-2015.

Ma al di là dei numeri, una volta saputi gli esiti, quali sono le dritte da seguire per superare brillantemente anche la prova orale dell’esame avvocato 2014-2015?

Consigli Avv. Ferrazzano sulla prova orale esame avvocato 2014-2015

Come si svolge generalmente la parte orale dell’esame di avvocato?

Il candidato che abbia superato la prova scritta ed acceda alla successiva e conclusiva prova orale dovrà scegliere le cinque materie che saranno oggetto di discussione. Le predette cinque materie dovranno essere scelte tra le seguenti: diritto costituzionale, diritto civile, diritto commerciale, diritto del lavoro, diritto penale, diritto amministrativo, diritto tributario, diritto processuale civile, diritto processuale penale, diritto internazionale privato, diritto ecclesiastico, diritto comunitario.” – Dice l’avvocato Ferrazzano –

“Dovrà essere necessariamente scelta una delle due procedure. Il candidato sarà chiamato ad affrontare, solitamente, una breve discussione sugli argomenti oggetto della prova scritta; seguirà, chiaramente, il vero e proprio esame e, quindi, i commissari procederanno ad effettuare le varie domande inerenti le materie scelte dal candidato. La Commissione ha ampia discrezionalità in ordine alla modalità di svolgimento delle prove. Il candidato, infine, dovrà dare prova della conoscenza di altra fondamentale materia: la deontologia professionale”

C’è molta tensione durante lo svolgimento, o il fatto di aver passato almeno le prove scritte rende l’atmosfera meno pesante?

“Non vi è dubbio che la prova orale sottoponga il candidato ad un grosso stress. Chiaramente la reazione emotiva varia a seconda del soggetto; ciononostante è innegabile che si tratti di un momento unico. Bisogna, comunque, sfatare un mito: l’aver superato la prova scritta non è una garanzia e non costituisce certamente un’assicurazione sul buon esito della prova orale.”

Quali sono i possibili ostacoli che si possono incontrare durante la parte orale?

Durante lo svolgimento della prova orale è fondamentale dimostrare sicurezza; mai ostentare; rimanere calmi anche allorquando non si dovesse conoscere la risposta. La Commissione saprà, senz’altro, stemperare i toni, sicché il candidato potrà affrontare la prova con la giusta tensione ma senza timore”.

Secondo lei l’esame di avvocato è una reale scrematura di chi si vuole affacciare alla professione?

Si tratta di un discorso che va ben oltre lo svolgimento delle prove. Lo studente ha affrontato l’intero percorso universitario e deve confrontarsi con il ben diverso “mondo del lavoro”. L’esame di avvocato è solo una ulteriore prova. Potrebbe sembrare, effettivamente, una scrematura (anche se, forse, la scrematura andrebbe effettuata già prima). Ciononostante, la vera selezione avviene sul campo. Il discorso, chiaramente, è molto complesso. L’unica certezza è che con la volontà, la tenacia, l’impegno e l’onestà si può affrontare (e superare) qualsiasi prova”. – Conclude l’avv Ferrazzano –


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy