Soluzioni parere civile esame avvocato 2019: svolgimento tracce

Mario Di Stasi 10 Dicembre 2019

Risposte e soluzioni parere civile esame avvocato 2019: ecco quali sono le tracce svolte quest'anno e quali gli svolgimenti della prima prova scritta dell'11 dicembre.

Le soluzioni parere civile 2019 e la prima traccia svolta dell’esame per avvocati consentiranno agli interessati di verificare le difficoltà di questo primo compito. Ai candidati del concorso questo confronto consente di individuare eventuali errori. Per poter essere ammessi all’orale, è necessario ottenere un punteggio minimo di 30 solamente per due prove su tre. Come prevede il bando, è necessario ottenere un punteggio minimo totale di 90 punti per essere ammessi alla fase orale.

Secondo i critici del concorso, non sempre i candidati sono valutati nel modo corretto. Oltre allo studio, probabilmente bisognerebbe tener presenti molteplici qualità e competenze. L’avvocato è una persona che ha naturalmente un senso di giustizia.

Come rappresentante della giustizia, deve anche essere affidabile per essere obiettivo. Deve rispettare l’etica professionale che implica il segreto professionale. Deve avere un grande rigore, e soprattutto conoscere i testi e saperli interpretare nel modo corretto.

È anche necessario avere fiducia in se stessi ed essere un buon oratore, specialmente durante i processi. Un professionista deve mostrare una certa forza di carattere per riuscire a convincere il giudice e le altre parti coinvolte nel processo. Il senso di persuasione e un’ottima retorica sono però subordinate ad alla conoscenza della Legge e della Giurisprudenza. Oltre che alla capacità di redigere atti e documenti attraverso cui questo professionista esplica la sua professione.

Soluzioni parere civile esame avvocato 2019: tracce svolte prova scritta – scarica PDF

Tracce svolgimenti e soluzioni parere civile prima prova esame avvocato 2019 < scarica

La soluzione del parere civile esame avvocato 2019 è online. Scarica gratis l’allegato in formato PDF. Poche ore dopo che le tracce di civile sono state distribuite nelle aule ai candidati, lo svolgimento della traccia 1 e della traccia 2 potrà essere consultato anche online.Anche quest’anno i candidati hanno avuto modo di poter scegliere tra due tracce. La prima traccia svolta del parere di diritto civile e la relativa soluzione sono on-line. Come pure la traccia 2 del parere di civile 2019. Le indiscrezioni come sempre consentono di seguire gli aggiornamenti relativi ad uno dei concorsi pubblici più contestati fi ogni anno.

La prima parte del parere contiene la sintesi del fatto. Nell’introduzione si ha l’occasione di dimostrare di aver compreso qual è la questione giuridica che sottende la fattispecie concreta.

Bisogna quindi cercare di sintetizzare tutti gli elementi di fatto, essere chiari, concisi e puntuali. Le digressioni sono inutili e fuorvianti per i commissari. Il candidato dovrà poi indicare la natura giuridica dell’istituto. Dovrà poi esaminare la ratio ed eventuali figure giuridiche presenti. È utile sapere che conviene sempre non citare gli autori della dottrina.

Esame avvocato 2019: soluzione prima prova scritta: I e II traccia

Nella prima facciata e mezza di foglio protocollo, il candidato tratta la parte teorica. Poi dovrà soffermarsi sulla motivazione. Essere sintetici e chiari è fondamentale, evitando in ogni modo inutili digressioni.

Terminata la parte teorica, il candidato deve affrontare la parte relativa alla motivazione vera e propria. E’ in questa fase che il candidato si accinge a dare una soluzione a favore o sfavore del proprio assistito. Grazie a quelle che sono le tesi giurisprudenziali emergenti. Il candidato quindi deve illustrare l’iter storico delle sentenze che hanno portato poi all’emanazione di una sentenza alla quale il candidato aderisce in maniera risolutiva.

© Riproduzione Riservata
avatar Mario Di Stasi Editore, opera da più di 15 anni nel mondo dell’informazione e della comunicazione. Avvocato e Giornalista, non ha mai lasciato il mondo universitario che ha ben conosciuto quando da studente, ha ricoperto per due anni la carica di Consigliere, e che continua a scoprire quotidianamente da interno all'Università. E’ proprio il connubio tra informazione e Università che lo ha portato a fondare Controcampus, offrendo agli studenti e a tutti coloro che vivono l'università, la scuola, la formazione e il mondo del lavoro, un giornale per essere informati, e un foglio per dar voce a chiunque abbia voglia di confrontarsi. Una carta che riconosce o che permette di far conoscere riconoscere i diritti essenziali di una classe spesso messa da parte, relegata, "I GIOVANI" La sua Vision? Il lettore prima di ogni cosa. La sua Mission? Ascoltare, Pensare, Scrivere e Comunicare per fare Impresa. Leggi tutto