• Google+
  • Commenta
5 giugno 2015

Risultati elenco nomi ammessi esame avvocato 2014-2015

Risultati elenco nomi ammessi esame avvocato 2014-2015 in attesa, ecco le indiscrezioni sugli esiti e consigli per come prepararsi all’orale.

Tutte le novità e indiscrezioni sull’esame avvocato 2014-2015: candidati ammessi alla prova orale, percentuali, soluzioni prove scritte, come studiare e come si svolge la prova orale: i consigli dei professionisti.

Gli ammessi alla prova orale dell’esame di avvocato 2014-2015, i cui nomi saranno pubblicati probabilmente l’8 giugno, sono: presso la Corte d’Appello di Roma, il 25% i cui compiti sono stati corretti a Milano, alla corte d’Appello di Ancona, gli ammessi sono il 27% compiti che sono stati corretti dalla commissione di Trieste.

I compiti dell’esame avvocato 2014 svolti presso la Corte d’Appello di Milano sono stati corretti a Napoli e gli ammessi ammontano al 35%. La Corte d’Appello di Roma ha corretto le prove di Napoli e gli ammessi sono il 30%. La Corte d’Appello di Brescia ha corretto le prove dell’esame avvocato 2014 di Lecce e gli ammessi alla prova orale sono il 27%. La Corte d’Appello di Lecce ha corretto le prove scritte dell’esame d’avvocato svolte a Brescia e gli ammessi sono stati il 33%.

I compiti della Corte d’Appello de L’Aquila dell’esame avvocato 2014 / 2015 sono stati corretti a Genova e gli ammessi alla prova orale sono il 30%. La Corte d’Appello di Cagliari ha corretto le prove della Corte d’Appello di Genova, i cui ammessi sono il 35%.

Gli scritti dell’esame di avvocato della Corte d’Appello di Venezia risultano essere il 40% e sono stati corretti a Bologna. I compiti svolti alla Corte d’Appello di Firenze sono stati corretti dalla commissione di Venezia e la percentuale dei candidati ammessi alla prova orale sono il 30%. La Corte d’Appello di Salerno ha corretto le prove scritte dell’esame avvocato 2014 svolte a Palermo e gli ammessi ammontano al 40%.

Per quanto riguarda la Corte d’Appello di Salerno, non è trapelanta nessuna notizia riguardante le percentuali degli ammessi.

Circa i risultati elenco nomi ammessi di Bari che ha corretto le prove della Corte d’Appello di Torino, siamo sul 40%. Gli ammessi alla prova orale dell’esame avvocato 2014 che hanno svolto le prove a Perugia sono il 35% e i loro compiti sono stati corretti a Potenza. La Corte d’Appello di Perugia ha corretto le prove di Messina e i candidati che hanno svolto bene le prove sono il 35%. Gli esami d’avvocato svolti positivamente a Trento, corrette a Caltanissetta, sono il 40%.

Gli ammessi all’orale dell’esame di avvocato che hanno svolto le prove scritte alla Corte d’Appello di Catania sono il 40% e le prove sono state corrette dalla commissione di corte di appello di Reggio Calabria. La Corte d’Appello di Reggio Calabria ha visto l’ammissione del 33% dei candidati, i cui compiti sono stati corretti a Catania.

Le novità che non sono ancora pervenute sono quelle riguardanti gli ammessi all’esame avvocato 2014-2015 alla Corte d’Appello di Bologna, che l’anno scorso ammise il 43% dei candidati, la Corte d’Appello di Cagliari, che ammise 270 candidati all’orale, quella di Salerno, che l’anno scorso ammise 640 all’orale e della corte d’Appello di Potenza, che lo scorso anno ammise all’orale dell’esame di avvocato 621 persone.

*Tutti i dati riportati sono indiscrezioni e anticipazioni sulle percentuali rese note in fase di correzione delle prove scritte dell’esame avvocato 2014-2015. Una volta ultimata la correzione è probabile che i risultati non rispettino le suddette percentuali.

Risultati elenco nomi ammessi esame avvocato 2014-2015: dalle prove scritte alla prova orale

Risultati elenco nomi ammessi saranno resi noti molto probabilmente in data 8 giugno correte mese. La prova orale, invece, dovrebbe svolgersi in una data ancora da definirsi ma che presumibilmente si aggira intorno al 20 giugno 2015.

La prova orale dell’esame di ammissione alla professione forense si svolge in tre parti così organizzate:

  • Nella prima parte si discute di come il candidato ha svolto le prove scritte. Per questo motivo è utile studiarsi le soluzioni delle tracce svolte.
  • Nella seconda parte, il candidato è chiamato a discutere di argomenti riguardanti cinque materie a scelta tra le seguenti, già segnalate il primo giorno delle prove scritte: diritto costituzionale, diritto civile, diritto commerciale, diritto del lavoro, diritto penale, diritto amministrativo, diritto tributario, diritto processuale civile, diritto processuale penale, diritto internazionale privato, diritto ecclesiastico e diritto comunitario.
  • Nella terza e ultima parte, il candidato dovrà rispondere a qualche domanda sulla deontologia della professione d’avvocato.

Risultati elenco nomi ammessi esame avvocato 2014-2015, consigli

L’avvocato Carlo Rombolà ha gentilmente risposto alle nostre domande su come si studia l’esame avvocato e cosa devono aspettarsi gli aspiranti avvocati che si stanno cimentando con l’esame di avvocato quest’anno.  Cosa succede dopo l’esame di avvocato?  “Dopo l’esame di avvocato si consegue un titolo che permette di esercitare una professione che ancora oggi può essere molto varia e stimolante. E’ inutile negare che adesso il numero di professionisti del diritto è maggiore che nel passato, ma è anche vero che il periodo che stiamo vivendo può offrire, a chi le sa cogliere, molte più opportunità di lavoro, anche fuori dal territorio nazionale, rispetto a 10 anni fa.”

“Quello che consiglio ai ragazzi che stanno per diventare avvocati è armarsi di curiosità professionale, esplorando i molteplici rami del diritto in cui ci si può eventualmente specializzare, e di non tralasciare mai l’aspetto della comunicazione, fondamentale per far sapere al mondo chi sei e che cosa fai (quindi aprire un blog, un sito internet, etc.).

Qual è il consiglio che dà ai suoi futuri colleghi su come superare al meglio la prova orale esame avvocato 2014-2015?La prova orale è stata, nel mio caso, quella più stressante: ore ed ore sui libri, migliaia di pagine per prepararsi in materie che, solo pochi anni prima all’università, dovevi studiare per 3-4 mesi prima di sederti a dare l’esame”.  “Alla fine, però, quasi tutte le preoccupazioni si sono rivelate infondate: le domande della commissione non sono quasi mai particolareggiate ed approfondite, a loro basta sapere che conosci il diritto e sai ragionare sulle norme. Abilità che, dopo 4-5 anni di università, dovresti aver sviluppato”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy