• Google+
  • Commenta
20 agosto 2013

Immissioni in Ruolo. Assegnazioni per le immissioni in ruolo docenti e ata 2013/2014: 11.268 unità

Il Ministro Carrozza su Radiouno Rai ha riconfermato la sua fiducia verso l’anno scolastico 2013/14 che si prospetta sereno. Inoltre ha reso noto i numeri per le immissioni in ruolo docenti e personale scolastico, ancora da sciogliere il nodo Ata, e ha concluso il discorso soffermandosi sui ricorsi che hanno accompagnato le procedura dei concorsi.

Il Ministro ha dichiarato: “Oggi comunicheremo l‘assunzione di 11.268 docenti, ieri abbiamo comunicato le immissioni in ruolo dei dirigenti scolastici. Stiamo lavorando e preparando anche le informative per tutti i direttori scolastici regionali che quindi provvederanno a fare le immissioni in ruolo”.

Immissioni in ruolo docenti e i ricorsi. Per quanto riguarda i ricorsi nei confronti della procedura concorsuale il Ministro ha chiarito: “La situazione è sotto controllo. Il punto fondamentale è semplificare le regole e renderle meno attaccabili, fare procedimenti più equi e meno attaccabili da un punto di vista della legge. Il secondo è che bisogna anche accettare gli esiti dei concorsi, imparare questo. Bisogna fare un salto di qualità. Purtroppo noi siamo abituati al ministero dell’Istruzione a ogni provvedimento ad avere sempre dei ricorsi e questa è la cosa che vorrei cambiare di più. Parlando proprio di rapporto tra politica e pubblica amministrazione e cittadini c’è qualcosa che non va, che si interrompe”.

Il Ministro Carrozza termina il suo discorso dicendo: “Qualunque provvedimento è soggetto a ricorso, ci sono poi gli allungamenti dei tempi e poi hai l’accusa che non hai rispettato i tempi perché magari ci sono stati i ricorsi, gli annullamenti e le sospensive”,

“Il mio tentativo è quello di fare un miglior dimensionamento dell’organico, che poi serve realmente alla scuola. Il problema vero è di quanti insegnanti abbiamo bisogno, come li distribuiamo sul territorio nazionale. Ci sono regioni che hanno avuto un incremento demografico: faccio un esempio in Emilia Romagna, che ha avuto un aumento della popolazione giovanile dovuto all’immigrazione, ci sono regioni che invece hanno avuto un decremento. Bisogna riuscire ad avere un sistema più equo e anche più basato sui dati per distribuire gli insegnanti. Dovremmo arrivare a regime a una riforma complessiva di questo sistema”.

Immissioni in ruolo 2013, sindacati convocati oggi. Prevista per oggi 20 agosto la convocazione delle Organizzazioni sindacali per l’informativa su nomine in ruolo del personale docente per l’anno scolastico 2013/2014.

Gli argomenti che verranno affrontati in riunione dovranno sciogliere i dubbi circa il numero esatto delle immissioni in ruolo docenti autorizzate per l’a.s. 2013/14. Per ora gli unici dati certi riguardano il personale docente. Solo in questo modo gli Uffici Scolastici regionali e provinciali potrebbero predisporre una parte delle operazioni entro il 31 agosto 2013.

Al MEF la richiesta del Ministero è stata di 11.500 docenti e 3.500 Ata.

Per le immissioni in ruolo docenti, com’è ben noto, verranno prese in considerazione il 50% dalle Graduatorie ad esaurimento provinciali e il 50% dalle graduatorie del concorso.

Il concorsone resta ancora un nodo da sciogliere. Le diverse soluzioni che potrebbero essere adottate per le immissioni in ruolo docenti vengono sinteticamente riassunte da Teresa Olivieri, della Cisl Scuola di Torino: “Fino a quando le graduatorie non saranno definitive non si potrà attingervi per le assunzioni. Le ipotesi sono tre: vengono utilizzati gli elenchi del vecchio concorso; vengono accantonati i posti in attesa della pubblicazione di quelli nuovi; oppure quest’anno si pesca solo dalle graduatorie a esaurimento e nel 2014 solo da quelle del concorsone. In ogni caso, però, ci saranno ricorsi”.

Immissioni in ruolo docenti il Miur è ottimista. Manca davvero poco all’inizio dell’anno scolastico e il Miur sembra essere ottimista per quanto riguarda le immissioni in ruolo docenti, infatti, ha affermato il Capo Dipartimento dell’Istruzione Luciano Chiappetta “Se tutto funzionerà come abbiamo previsto, quest’anno, faremo addirittura meglio dello scorso anno. Tra il 20 e il 22 agosto dovremmo comunicare i contingenti provinciali ai sindacati e abbiamo anche reso più efficiente la macchina organizzativa per l’avvio dell’anno scolastico. Inoltre, abbiamo sollecitato i grossi ambiti territoriali (Milano, Roma, Napoli, Palermo) a organizzarsi al meglio per assegnare tutte le supplenze prima dell’inizio delle lezioni”.

La situazione reale per le immissioni in ruolo docenti e l’aggiornamento in tempo reale delle graduatorie. Mancano solo 10 giorni 31 agosto, termine ultimo previsto dalla normativa per l’assegnazione delle immissioni in ruolo. Da sottolineare la problematica che riguarda le graduatorie da cui attingere per le nomine. In alcune regioni le graduatorie di merito sono ancora in fase di aggiornamento, qui l’aggiornamento in tempo reale.

I sindacati non condividono l’ottimismo del Ministero per quanto riguarda le immissioni in ruolo docenti.

La FLC CGIL “La norma impone ai provveditorati di effettuare tutte le nomine del personale entro il 31 agosto e quindi anche le immissioni in ruolo docenti. Ma non abbiamo ancora avuto notizia di immissioni in ruolo docenti. E la situazione rischia di essere ancora più grave per i supplenti, che mancheranno a migliaia”.

La UIL “In alcune classi potrà addirittura capitare che manchino contemporaneamente anche più insegnanti”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy