• Google+
  • Commenta
11 dicembre 2015

Prove scritte esame avvocato: tracce anni passati, atti e pareri

Tracce e svolgimenti esami avvocato 2016
Prove scritte esame avvocato

Prove scritte esame avvocato

Riepilogo e consigli su come redigere le prove scritte esame avvocato 2015-2016: ecco le tracce degli anni passati, atti e pareri civili e penali, cosa ricordare e quali errori evitare.

Le prove scritte dell’esame d’avvocato sono il primo, e forse più grande ostacolo per ottenere l’abilitazione alla professione forense.

Molto spesso, però, durante la redazione dei pareri civile e penale e dell’atto giudiziario si commettono degli errori abbastanza comuni. Vediamo quali sono e come evitarli.

Il conto alla rovescia per le prove scritte dell’esame avvocato 2015/2016 è iniziato: come stabilito dal Ministero della Giustizia, si inizia martedì 15 dicembre con la prima prova. Dopo che gli aspiranti avvocati avranno superato il controllo all’ingresso, e dopo aver occupato ciascuno il proprio posto nella sede stabilita per ciascuna Corte d’Appello, le tracce della prima prova scritta saranno dettate. Come sempre la scelta ricadrà solo su una delle due possibili tracce, e nelle 7 ore a disposizione gli aspiranti avvocati saranno impegnati nella redazione del parer civile.

Poi, il giorno 16 dicembre, è la volta della seconda prova scritta, che prevede la redazione del parere penale, per poi concludere il giorno 17 dicembre con l’atto giudiziario. Ricordiamo che Controcampus, come già successo per le tracce esame avvocato anni precedenti, seguirà lo svolgimento delle prove e provvederà alla pubblicazione delle soluzioni per chi è in attesa di conoscere il contenuto degli scritti di quest’anno.

Saranno tre giorni intensi, carichi di stress e di ansia, e commettere errori in preda all’agitazione diventa piuttosto semplice. Vediamo quali sono i consigli di chi ha superato l’esame di avvocato, e di chi ha fatto parte della commissione esaminatrice. Inoltre i consigli sui testi per preparasi all’Esame avvocato 2015. Pareri e atti svolti. Guide alla redazione. Tecniche argomentativi.

Prove scritte esame avvocato: i consigli della commissione per la redazione del parere civile

tracce e svolgimenti parere civile esame avvocato anni passati << clicca e scarica

Come sempre ogni anno si prova ad indovinare con il tototracce esame avvocato quali potrebbero essere gli argomenti possibili della prima prova. L’Avvocato Luigi Pansini, membro dell’Associazione Nazionale Forense nonché ex membro di commissione per l’esame di Stato per l’abilitazione alla professione forense, tempo fa che quasi sempre vengono proposte cause risolte nell’ultimo mese, alcune addirittura nei giorni precedenti alla prova. A tal proposito abbiamo fatto una selezione delle sentenze più recenti, utili da ripassare in vista delle prove scritte esame avvocato 2015. “Spesso gli argomenti proposti non entrano nello specifico ma restano sul generico; può sembrare una facilitazione, in realtà può essere un’arma a doppio taglio in quanto, chi vuole strafare, rischia di scivolare.”

Altri consigli per la redazione del parere civile ci provengono dall’Avvocato Renato Damiano. Per scrivere un buon parere civile, a detta dell’avvocato, bisogna seguire la regola delle tre S “Un parere motivato vincente ha tre “S”: e’ Succinto, perché gli esaminatori , in genere, non amano leggere testi lunghi, per cui quattro facciate sono più che sufficienti; e’ Schematico, con voli pindarici e ripetizioni degli stessi concetti assolutamente da evitare; e’ Sostanzioso, nel senso di ricco di concetti, da esporre in modo chiaro e lineare; poi, alla calligrafia: e’ importantissimo che sia chiara e ben leggibile”.

Prove scritte esame avvocato 2015: come redigere un parere penale

traccia e svolgimento parere penale esame avvocato anni passati << clicca e scarica

Anche per il parere penale è fondamentale mantenere alta la concentrazione. Dopo le difficoltà del primo giorno, la competizione tra gli aspiranti avvocati prosegue con la seconda prova scritta. L’Avvocato Giulio Forleo ha spiegato che per la redazione corretta del parere penale, il lavoro fondamentale è quello di individuare le questioni giuridiche poste dalla traccia, le relative norme applicabili al caso concreto e la giurisprudenza formatasi sul punto. In particolare “Il successo del parere sta proprio nella capacità di fondere l’analisi fattuale del caso concreto con le appropriate e ben argomentate motivazioni giuridiche. Vengono valutati negativamente tanto gli elaborati che si dilungano in inutili dissertazioni dottrinali e giurisprudenziali tanto quelli che si limitano al “copia e incolla” delle massime giurisprudenziali che si trovano sui codici commentati”. Infatti, a tal proposito, ricordiamo che tutti avranno trovato le stesse sentenze e tutti avranno dato la stessa soluzione al parere, quindi non sono questi gli elementi che vi permetteranno di superare le prove scritte esame avvocato 2015.

Per redigere correttamente i pareri cvili e penali, occorre seguire un ordine ben preciso, una scaletta, nonché utilizzare un linguaggio scorrevole e fruibile, ma al tempo stesso con un registro attinente a quanto si sta svolgendo.

Redazione atto giudiziario, amministrativo, civile e penale prove scritte esame avvocato 2015

traccia e svolgimento completo di un atto giudiziario amministrativo << clicca e scarica

L’ultima prova, e forse quella ritenuta più semplice dalla maggior parte dei candidati, è la redazione dell’atto giudiziario. La terza prova scritta si terrà la mattina del 17 dicembre, e con la terza traccia si conclude la rima fase dell’esame per ottenere l’abilitazione alla professione forense.

Per una buona redazione dell’atto giudiziario è necessario che sia stata fatta una buona pratica prima delle prove scritte d’esame forense.

Consigli sulle prove scritte

Consigli sulle prove scritte

Infatti, nei due anni di praticantato, capita di doversi confrontare con citazioni, comparse di costituzione, ricorsi per decreto ingiuntivo o per sequestro, ecc. Quindi chi ha avuto modo nella pratica di esercitarsi, avrà minore difficoltà di chi ha puntato solo sulla teoria. Come per le altre prove scritte dell’esame d’avvocato, molto spesso l’esercitazione diventa un elemento fondamentale per la redazione delle soluzioni delle tracce proposte in sede d’esame.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy