• Google+
  • Commenta
12 dicembre 2016

Prima prova esame avvocato 2016, parere civile: traccia e svolgimento con schema

Prima prova esame avvocato 2016
Prima prova esame avvocato 2016

Prima prova esame avvocato 2016

Aggiornamenti sulla prima prova esame avvocato 2016, parere civile: traccia d’esame e svolgimento del compito con schema aggiornati in tempo reale!

Al via il primo step della tre giorni di prove scritte volte a conseguire l’abilitazione alla professione forense.

Il 13, 14 e 15 dicembre 2016 ci saranno i tanto temuti scritti.

Migliaia di aspiranti avvocati si cimenteranno nel primo giorno con il parere civile. A seguire il parere penale e l’atto giudiziario.

Martedì 13 dicembre 2016 si inizierà con la redazione del parere motivato di diritto civile. A partire dalle ore 9:00 ci sarà la dettatura della tracce.

Già nel primo pomeriggio si potranno conoscere le tracce e le soluzioni del parere civile dell’esame avvocato.

In queste ore cresce l’ansia e tutti cercano informazioni su cosa studiare per l’esame all’ultimo minuto per la prima prova esame avvocato e quali sono gli argomenti papabili.

Sotto la lente di ingrandimento ci sono le sentenze della Cassazione più recenti. E’ risaputo, infatti, che le tracce d’esame fanno riferimento molto spesso ad un argomento sul quale si è espressa a Sezioni Unite la Cassazione nell’anno in corso.

La prima prova esame avvocato di civile è sempre la più ostica per i praticanti perchè ancora non sanno cosa aspettarsi.

L’esame di abilitazione è una prova molto complessa. Non basta essere preparati, occorre anche saper tradurre in un elaborato scritto le nozioni conosciute. Per questo è molto importante esercitarsi. Coloro che hanno messo in pratica i consigli su come prepararsi all’esame hanno sicuramente una chance in più di superarlo.

Ricordiamo che questo sarà l’ultimo anno in cui potranno essere utilizzati per la redazione degli elaborati i codici annotati con la giurisprudenza. A partire dal prossimo anno la riforma dell’ordinamento forense ha reso più difficoltoso il superamento dell’esame di abilitazione introducendo delle significative novità.

*Aggiorna la pagina per visualizzare gli aggiornamenti tracce esami avvocato 2016

Prima prova esame avvocato 2016: schema parere civile, come svolgerlo – scarica PDF

Tracce e svolgimenti con schema parere civile esami avvocato 2016 << scarica

Primo giorno delle prove scritte martedì 13 dicembre. Vediamo come scrivere il parere di diritto civile e lo schema da seguire.

  • Una volta scelta la traccia da svolgere, elaborare una breve introduzione all’argomento. E’ importante non ripetere la traccia d’esame. Potrebbe essere interpretato negativamente dai commissari in sede di correzione. Cercate, invece, con parole semplici e chiare di introdurre l’argomento che andrete a trattare.
  • Individuate la sentenza di riferimento in questo modo arriverete all’istituto giuridico con le relative norme da trattare. Questo è il passo più difficoltoso, perchè dovrete ricordare le nozioni apprese e ripetute. Potrete aiutarvi con le annotazioni presenti nel Codice. In corrispondenza della norma di riferimento troverete sicuramente il riferimento ad alcuni stralci di sentenze che riportano anche un po’ di dottrina. Cercate di rielaborare i concetti a parole vostre e attingete dalla vostra memoria. Non scopiazzate nè riportate integralmente quanto troverete sul Codice. Il rischio di vedersi annullato la prima prova esame avvocato è dietro l’angolo.
  • Una volta spiegato l‘istituto giuridico a cui la prima prova esame avvocato si riferisce, fate un breve cenno alle figure affini. Mettete in luce brevemente analogie e differenze.
  • Il passo successivo è quello di richiamare la sentenza che risolve il caso che in qualità di legale di una delle parti dovete risolvere. Date conto anche dell’iter che ha condotto la Cassazione a giungere a quella soluzione. Ci saranno, infatti, nelle annotazioni del codice i riferimenti a sentenze precedenti di senso contrario.
  • E’ il momento delle conclusioni. La chiusa dell’elaborato dovrà contenere un breve excursus di quanto scritto. In pratica dovrete risolvere la controversia a favore del vostro assistito utilizzando le argomentazioni giuridiche nate dall’analisi della sentenza e delle norme.

Tracce e svolgimento prima prova esame avvocato: consigli dell’avvocato

Il concorso per l’abilitazione all’esame di avvocato è una prova ardua per le aspiranti toghe. E’ un concorso molto particolare. Non è certo come gli esami universitari nè è vicino a quello che insegna la pratica forense. Per questo motivo risulta a volte insidioso. E’ importante per essere certi di superarlo avere una buona conoscenze della teoria ed esercitarsi ad applicarla ai casi concreti. Quello che si è appreso nei 18 mesi di pratica risulta, invece, indispensabile per la elaborazione dell’atto giudiziario della terza prova.

Ma vediamo i consigli utili per affrontare la prima prova esame avvocato.

  • Non fatevi influenzare dai vostri colleghi presenti in aula nella scelta della traccia. Ci sarà sempre qualcuno che sosterrà che la prima sia più facile della seconda o viceversa. Ricordate che un argomento facile per qualcuno non sia nelle vostre corde o viceversa. Prendetevi del tempo per decidere. Consultate le sentenze di riferimento e dopo un’attenta analisi prendete la vostra decisione.
  • Prima di procedere fate una scaletta dei punti da trattare. Potete utilizzare quella che vi abbiamo suggerito.
  • Come già suggerito in precedenza evitate ripetizioni e non riportate nel compito la traccia d’esame.
  • Evitate un linguaggio troppo lezioso, ma usate una terminologia adeguata.
  • Non scopiazzate da eventuali testi o dal vicino di banco. Il vostro compito potrebbe essere annullato per plagio in sede di correzione.
  • Siate brevi e diretti. Scrivere un elaborato di 10 o più facciate non garantisce il superamento dell’esame. Correte il rischio di infarcire il compito di ripetizioni inutili o di argomentazioni non attinenti alla traccia d’esame. In più rischiereste di annoiare il commissario che provvederà alla correzione.
  • Rileggete il compito una volta terminato anche più volte. In questo modo avrete la possibilità di individuare qualche errore grammaticale che vi è sfuggito.

© Riproduzione Riservata