• Google+
  • Commenta
13 dicembre 2016

Seconda prova esame avvocato 2016 parere penale: traccia e svolgimento con schema

Seconda prova esame avvocato 2016
Seconda prova esame avvocato 2016

Seconda prova esame avvocato 2016

Novità seconda prova esame avvocato 2016, parere penale: traccia e svolgimento con schema del parere di diritto penale e soluzioni. Da qui aggiornamenti in tempo reale.

Si è conclusa la prima giornata degli scritti del concorso per l’abilitazione alla professione forense. Come ogni anno, il mese di dicembre vede impegnati migliaia di aspiranti avvocati con le prove scritte dell’esame. Quest’anno sono state previste per il 13, 14 e 15 dicembre.

Il primo passo è stato fatto con la redazione del parere di civile prevista per martedì 13 dicembre. Oggi il parere di penale attende le aspiranti toghe che arriveranno in aula con un po’ più di tranquillità. Ormai hanno capito come funziona, come ci si sistema in aula ed il clima che vige. Le tracce di civile sono sembrate abbastanza elaborate e i candidati si chiedono se anche quelle di penale saranno così complesse.

La seconda prova esame avvocato consiste, infatti, in un elaborato su una fattispecie di diritto penale. I candidati dovranno esprimere un parer legale su un caso specifico approntando la linea difensiva migliore per il loro assistito.

Ovviamente ci si potrà avvalere dell’ausilio di codici annotati con la giurisprudenza. Ricordiamo che questa possibilità non ci sarà più a partire dal prossimo anno. La riforma dell’ordinamento giudiziario del febbraio 2016 ha modificato le modalità dell’esame per l’accesso alla professione legale.

Consigliamo a coloro che volessero fare una ripetizione dell’ultimo minuto di concentrarsi sulle ultime sentenze della Cassazione. Di certo gli argomenti scelti dal Ministero della Giustizia faranno riferimento ad una sentenza della Corte di Cassazione relativamente recente che si è espressa in merito.

Oggi 14 dicembre a partire si accederà alle aule d’esame fino alle ore 9.00. Già nel primo pomeriggio si potranno conoscere le tracce e le soluzioni della seconda prova esame avvocato, parere p.

*Aggiorna questa pagina per avere gli aggiornamenti delle tracce esami avvocato 2016

Seconda prova esame avvocato 2016: schema parere penale, come svolgerlo – scarica PDF

Tracce svolte con soluzioni e schema pareri diritto penale esami avvocato 2016 << scarica

Per migliaia di aspiranti avvocati oggi mercoledì 14 dicembre sarà il secondo giorno di prove scritte dell’ esame avvocato. Vediamo come scrivere il parere penale e quale lo schema da seguire.

  • Procedete, innanzitutto, con una breve introduzione all’elaborato che vi accingete a scrivere. Introducete gli argomenti che andrete a toccare, spiegando che la trattazione del caso di specie presuppone brevi cenni a determinati istituti giuridici e norme che elencherete. Non riportate nel compito il testo della traccia. Le ripetizioni inutili vengono mal viste in sede di correzione.
  • Procedete, poi, ad una breve ma esaustiva analisi del reato e delle norme del codice di riferimento. Scomponete il reato in tutti i suoi elementi: soggettivi ( passivi e attivi), oggettivi, bene giuridico protetto e nesso causale. Fate riferimento alle cause di esclusione dell’antigiuridicità o a tutti gli altri aspetti legati all’argomento interessato, nonchè alle cause di giustificazione. La seconda prova esame avvocato necessità di grande concentrazione perchè il rischio di sbagliare la qualificazione di un reato è davvero alto.
  • Individuate le sentenze della Cassazione che si riferiscono al caso da voi trattato. Se ci sono stati contrasti giurisprudenziali su cui è intervenuta una sentenza a Sezioni riunite, inserite nell’elaborato anche l’iter logico-giuridico che ha portato alla pronuncia. Fate riferimento anche alle sentenze con i diversi orientamenti. Le annotazioni del codice vi saranno di grande aiuto, permettendovi di individuare anche elementi dottrinari che vengono riportati insieme agli stralci di sentenza.
  • Infine, dovrete trarre le conclusioni. Sula base degli argomenti trattati e delle norme di riferimento, andrete a spiegare come nel caso di specie si configuri o meno quel particolare reato, anche alla luce della giurisprudenza dominante. Potrete concludere laddove possibile con l’indicazione della pena.

Tracce e svolgimento seconda prova esame avvocato 2016: consigli Avv

Il concorso per l’abilitazione alla professione forense si accompagna sempre a grandi polemiche. La discrezionalità nelle valutazioni degli elaborati e il grande numero di bocciati rendono questo esame uno scoglio molto temuto per l’accesso alla carriera nell’avvocatura. Per questo i candidati arrivano al concorso carichi di tensione, anche perchè sono consapevoli che in caso di non superamento dovrà trascorrere un anno per provarci di nuovo.

Ma vediamo i consigli utili per affrontare al meglio questa seconda prova esame avvocato.

  • Arrivate all’esame concentrati e rilassati. Non date ascolto al chiacchiericcio inevitabile che vi circonda. Per coloro che hanno difficoltà a concentrarsi in mezzo a tante persone potrebbe essere utile usare i tappetti per le orecchie.
  • Dopo la dettatura delle tracce prendetevi del tempo per valutarle. Non fatevi influenzare dai vostri colleghi in aula. C’è sempre quello che dirà che la prima traccia è più facile della prima o viceversa. Scegliete quella in cui vi sentite più ferrati e non avrete problemi a superare la seconda prova esame avvocato.
  • Una volta scelta la traccia, elaborate una scaletta dei punti da trattare. Potete utilizzare quella che abbiamo descritto nel precedente paragrafo.
  • Siate diretti, non girate intorno all’argomento. Non vi dilungate ed evitate ripetizioni. Usate dei sinonimi evitando di usare sempre gli stessi termini. Date un taglio scorrevole al vostro elaborato. Siate concisi ed evitate di scrivere troppe facciate.
  • Non copiate dal vostro vicino, nè da eventuali testi. In sede di correzione l’assenza di originalità del vostro compito verrà subito individuate e rischiate l’annullamento dell’elaborato.
  • Una volta terminato rileggete il compito più volte, per individuare eventuali errori di ortografia o grammatica.
Google+
© Riproduzione Riservata