• Google+
  • Commenta
6 giugno 2013

Esiti e risultati esame avvocato 2012, ammessi alla prova orale 2013

Avvocato all'Estero
Esiti e risultati esame avvocato 2012

Esiti e risultati esame avvocato 2012

Esiti e risultati esame avvocato 2012.

Convocata la commissione per l’apertura delle buste tra 4 giorni per i risultati dell’esame  di avvocato.

Inevitabilmente torna il paradossalmente tanto atteso momento “ansiogeno” per  numerosi giovani italiani, “avvocati in fieri”, o comunque aspiranti tali. A breve, gli agognati risultati degli scritti esame avvocato che si sono tenuti nel 2012, nei giorni 11-12-13 Dicembre. Già si sente parlare di chi ha superato l’esame di avvocato e come l’ha superato.

Ma i primi rumors informano che siamo ancora ben lontani dall’ottimismo e da una svolta dallo status quo che si replica ogni anno. E’ risaputo ormai che riuscire a superare l’esame di Avvocato in Italia, continua ad essere qualcosa di davvero complesso  e “miracoloso”. Ogni anno tanta la delusione degli esaminati (che hanno sostenuto gli scritti) che si vedono respinti, o ancora una volta respinti, e che non riescono quindi ad accedere alle prove orali e a conseguire lo sperato status di avvocato. Molti sono gli aspiranti avvocati che preferiscono sostenere l’esame forense altrove.

L’unica notizia certa al momento, infatti, è che esiti e risultati esame avvocato si annunciano non “dei migliori”. La commissione d’esame per la sessione dello scorso anno è stata convocata tra quattro giorni, il 10 giugno 2013, per procedere con il “taglio del nastro”, ovvero delle famosissime  buste che contengono gli elaborati e l’abbinamento ai concorrenti di tutti gli aspiranti avvocati che hanno sostenuto la prova scritta.

Altra notizia “quasi” assodata, e anche triste, concerne “i numeri degli esiti e risultati esame avvocato  che anche per questa tornata, si presentano già “diversamente” interessanti! Il toto esame di avvocato anche per questa sessione “non sorprende nessuno”. Per gli scritti del 2012, i risultati si annunciano deludenti, infatti. Ammessi,  solo per fare un esempio geograficamente reiterato, a Salerno, stando alle ultime notizie, solo 366 giovani avvocati. Parliamo, dunque, del solo 32,53%, se si considera che a partecipare all’esame sono stati 1.125 persone. Una professione quella dell’avvocato sempre piùn in crisi.

Esiti e risultati esame avvocato 2012 e percentuale degli ammessi alla prova orale

  • Cagliari corretta da Genova 30-33%
  • Lecce corretta da Catania 35-40%
  • Catania corretta da Palermo 30%
  • Bari corretta da Bologna 25-30%
  • Napoli corretta da Roma 20-25%
  • Roma corretta da Milano 20-22%
  • Milano corretta da Napoli 35-40%
  • Firenze corretta da Catanzaro 30-35%
  • Reggio Calabria corretta da Cagliari 30%
  • L’Aquila corretta da Reggio 27-30%
  • Potenza corretta da Perugia 25%
  • Perugia corretta da Trieste 33%
  • Messina corretta da Campobasso 36%
  • Campobasso corretta da Messina  (?)
  • Trieste corretta da Potenza 40%
  • Caltanissetta corretta da Trento 33%
  • Palermo corretta da Salerno 40%
  • Venezia corretta da Torino 30%
  • Torino corretta da Venezia 32%

Esiti e risultati esame avvocato 2012 e tracce prove scritte

Parere di diritto civile. Tizio propone opposizione a decreto ingiuntivo, presso il Tribunale Alfa in relazione alla pretesa creditizia di Caio, azionata per euro 30.000,00 portata da titoli non onorati alla scadenza e relativi ad una fornitura di merce. A sostegno della opposizione deduce di aver onorato la propria obbligazione con altri assegni consegnati all’opposto ancor prima della presentazione in Banca dei titoli successivamente posti a base del ricorso per Decreto ingiuntivo.

Chiede di provare per testi tale pagamento. Il candidato, assunte le vesti di difensore di Caio, rediga l’atto giudiziario più opportuno alla sua difesa, illustrando gli istituti e le problematiche sottese alla fattispecie in esame, con particolare riferimento ai limiti della prova orale in materia contrattuale ed in materia di adempimento delle obbligazioni pecuniarie.

Traccia parere penale. Tizio, Caio, Sempronio e Mevio decidono di commettere una rapina ai danni di un negozio di generi alimentari preventivamente individuato come obiettivo del  delitto. Si portavano sul posto nella città Gamma a bordo di due ciclomotori: 1)il primo condotto da Tizio con a bordo Caio, 2)il secondo condotto da Sempronio con a bordo Mevio. Caio e Mevio entravano all’interno del negozio mentre Tizio e Sempronio restavano all’esterno sul piazzale con funzione di pali. Mentre Caio intima al cassiere di consegnargli il denaro presente in cassa minacciandolo con una pistola,  Mevio si avvia verso l’uscita intimando ai presenti di non muoversi. Raggiunto il piazzale con il bottino i rapinatori subiscono una improvvisa reazione del proprietario del negozio il quale insegue Caio e Mevio brandendo un bastone, mentre costoro si accingono a salire in sella ai rispettivi motocicli. A questo punto Caio estrae una pistola e, puntata l’arma verso il proprietario del negozio, esplode tre colpi di pistola che colpiscono mortalmente l’uomo. Una testimone presente sul piazzale ode distintamente Tizio che nella concitazione esorta Caio a sparare per guadagnare la fuga. I quattro riescono a fuggire. Le indagini successive anche grazie alle telecamere a circuito chiuso e alle disposizioni dei presenti consentono di pervenire all’individuazione dei quattro soggetti i quali avevano agito a volto scoperto. Sottoposti a processo vengono tutti condannati per reati di rapina e omicidio volontario. Assunte le vesti del legale di Sempronio redigere atto di appello.

Parere di diritto amministrativo. Tizio, Caio, Sempronio e Mevio decidono di commettere una rapina ai danni di un negozio di generi alimentari preventivamente individuato come obiettivo del  delitto. Si portavano sul posto nella città Gamma a bordo di due ciclomotori: 1)il primo condotto da Tizio con a bordo Caio, 2)il secondo condotto da Sempronio con a bordo Mevio. Caio e Mevio entravano all’interno del negozio mentre Tizio e Sempronio restavano all’esterno sul piazzale con funzione di pali. Mentre Caio intima al cassiere di consegnargli il denaro presente in cassa minacciandolo con una pistola,  Mevio si avvia verso l’uscita intimando ai presenti di non muoversi. Raggiunto il piazzale con il bottino i rapinatori subiscono una improvvisa reazione del proprietario del negozio il quale insegue Caio e Mevio brandendo un bastone, mentre costoro si accingono a salire in sella ai rispettivi motocicli. A questo punto Caio estrae una pistola e, puntata l’arma verso il proprietario del negozio, esplode tre colpi di pistola che colpiscono mortalmente l’uomo. Una testimone presente sul piazzale ode distintamente Tizio che nella concitazione esorta Caio a sparare per guadagnare la fuga. I quattro riescono a fuggire. Le indagini successive anche grazie alle telecamere a circuito chiuso e alle disposizioni dei presenti consentono di pervenire all’individuazione dei quattro soggetti i quali avevano agito a volto scoperto. Sottoposti a processo vengono tutti condannati per reati di rapina e omicidio volontario. Assunte le vesti del legale di Sempronio redigere atto di appello.

Google+
© Riproduzione Riservata