• Google+
  • Commenta
14 dicembre 2016

Terza prova esame avvocato 2016, atto giudiziario: traccia e svolgimento con schema

Terza prova esame avvocato 2016
Terza prova esame avvocato 2016

Terza prova esame avvocato 2016

Aggiornamenti terza prova esame avvocato 2016, atto giudiziario: traccia e svolgimento con schema atto giudiziario civile, penale e di diritto amministrativo con soluzione.

Segui da qui la diretta con aggiornamento in tempo reale: riferimenti normativi, leggi, schema, tracce e soluzioni atto in PDF.

Ultimo giorno del concorso per l’abilitazione alla professione forense. La tre giorni di scritti fissata il 13, 14 e 15 dicembre 2016 sta per volgere al termine. Stamane i candidati affronteranno l’ultimo step delle tanto temute prove. Coloro i quali non hanno avuto grosse difficoltà nella redazione del parere civile e parere penale, saranno indubbiamente tranquilli. Per i candidati, invece, che non si sentono soddisfatti degli elaborati fin qui svolti, la redazione dell’atto, terza prova esame avvocato, è l’ultima chance per acciuffare la promozione.

Ricordiamo che, come indicato nella Gazzetta Ufficiale,  supereranno le prove scritte i candidati che abbiano raggiunto un punteggio complessivo di 90 punti, purchè almeno in due scritti abbiano raggiunto 30 punti.

Quindi, la terza prova esame avvocato potrebbe essere fondamentale per il raggiungimento della sufficienza. Inoltre, rappresenta la prova in cui gli aspiranti avvocato potranno far emergere quanto acquisito nei 18 mesi di pratica. Saranno, quindi, favoriti coloro che hanno svolto una pratica costante e continuativa.

Alle 9.00 di giovedì 15 dicembre allora di nuovo tutti in aula in attesa della dettatura delle tracce. Anche in questo caso non sono ammessi testi al di fuori dei codici annotati. Non potranno essere, dunque, utilizzati formulari, appunti o manuali di alcun genere. I controlli sono rigorosi all’entrata e si rischia di essere espulsi se trovati in possesso di materiale non ammesso.

Consigliamo a coloro che volessero ripassare le ultime nozioni, di concentrarsi sugli atti elaborati durante la pratica. Cercate, inoltre, di memorizzare le formule concernenti le relate di notifica o il mandato. Vi potranno essere utili e rischiate di scrivere inesattezze se non le ricordate bene.

Le tracce come sempre saranno dettate dopo la chiusura delle operazioni preliminari di identificazione, presumibilmente intorno alle 10.30 circa. Già dal pomeriggio si potranno conoscere le prime riflessioni sulle tracce somministrate.

*Aggiorna per la diretta e scarica da qui il PDF con tracce degli atti esame avvocato 

Terza prova esame avvocato 2016: schema atto giudiziario, come svolgerlo – scarica PDF

Tracce, norme, schema e soluzione atto civile, penale e amministrativo << scarica

Giovedì 15 dicembre sarà il giorno della terza prova esame avvocato per i tanti candidati che si stanno cimentando con il concorso di abilitazione. Vediamo come procedere per la redazione dell’atto giudiziario e lo schema da seguire, anche se per quanto riguarda la terza prova creare uno schema generale è un’impresa ardua. Innanzitutto, i candidati potranno scegliere se elaborare l’atto di civile, di penale o amministrativo e questo condiziona tutto lo svolgimento dell’elaborato.

  • Per prima cosa scegliete quale atto realizzare. Nella maggioranza dei casi sarete influenzati dal percorso di pratica svolto. Coloro che hanno fatto prevalentemente pratica in uno studio che si occupa di diritto civile tendenzialmente sceglieranno un atto di civile, etc. C’è, poi, qualcuno più eclettico che si sentirà ferrato in più di un settore. In tal caso avrà maggior margine di scelta.
  • Una volta scelto, chiarite subito se dovete redigere l’atto in qualità di attore, convenuto, resistente, etc.
  • Con l’aiuto del codice individuate quale azione dovrete intraprendere per elaborare una soluzione adeguata per la terza prova esame avvocato.
  • A questo punto, attingete dalla vostra memoria e dalla pratica che avete svolto giornalmente. Non dimenticate l’indicazione del giudice competente e dell’atto che state approntando.
  • Svolgete una premessa con la descrizione sommaria dei fatti e poi passate alle ragioni di diritto poste alla base della pretesa azionata.
  • Aggiungete le conclusioni dove andrete a tirare le somme di quello che chiedete al giudice adito.
  • Non dimenticate di inserire, dove occorrono, la relata di notifica e il mandato.

Tracce e svolgimento terza prova esame avvocato 2016: consigli Avv

Alla fine della giornata tutti i candidati potranno fare un sospiro di sollievo. Ci sarà senza dubbio chi sarà più o meno soddisfatto, ma tutti potranno lasciarsi la tensione alle spalle. La tensione di questi giorni ricomparirà tra qualche mese quando si avvicinerà la data di pubblicazione degli esiti degli scritti, prevista per il mese di giugno.

Ma vediamo quali sono i consigli per affrontare con la dovuta determinazione anche la terza prova esame avvocato 2016.

  • Per l’atto giudiziario ci sarà una sola traccia per ogni settore: civile, penale e amministrativo. La vostra scelta sarà, dunque, più facile a meno che non abbiate svolto la pratica in più di un settore. Di certo impiegherete meno tempo nella scelta e potrete dedicare più tempo alla stesura dell’atto.
  • Concentratevi ed evitate di ascoltare i commenti dei vostri colleghi. Ci sarà sempre colui che esprimerà il suo parere con tanta convinzione da convincervi che sta dicendo il giusto. In sede d’esame affioreranno le vostre insicurezze, ma non lasciatevi sopraffare dai convincimenti altrui.
  • Preparate sempre uno schema da seguire nella stesura del vostro atto. Vi aiuterà ad essere più lineari e a non omettere alcun passaggio significativo.
  • Usate un linguaggio chiaro e diretto. Evitate giri di parole, ma ricorrete a sinonimi per non cadere in inutili ripetizioni.
  • Non attingete dal compito del vostro vicino. L’originalità dell’elaborato viene valutata di commissari ed in caso venissero riscontrati stralci di compiti uguali correte il rischio di un annullamento del compito.
  • Una volta terminato, prendetevi del tempo per rileggere quanto avete scritto, per individuare eventuali errori di grammatica o ortografia.

© Riproduzione Riservata