Infertilità femminile e maschile

Infertilità femminile e maschile: cause e gravidanza con età avanzata

Infertilità femminile e maschile Cos’è l’infertilità femminile e maschile: cause, esami da fare e cure. Ecco i problemi e le difficoltà legate alla gravidanza in età avanzata. Intervista esclusiva al Professore Raffaele Petta, Ginecologo e specialista in Ostetricia e Ginecologia di fama nazionale. Il mancato concepimento, dopo un anno di rapporti costanti e non protetti, o l’impossibilità di portare avanti una gravidanza possono essere sintomi di infertilità di coppia. Le cause possono dipendere sia dall’uomo che dalla donna. Generalmente, quando una coppia ha problemi di concepimento, i medici consigliano alcuni esami da fare. Solo ...Infertilità femminile e maschile Cos’è l’infertilità femminile e maschile: cause, esami da fare e cure. Ecco i problemi e le difficoltà legate alla gravidanza in età avanzata. ...

 
 
Scienze CC

Scienze CC

Rubrica della WebZine Controcampus Scienze

Rubrica della WebZine Controcampus scienze: qui puoi trovare tutti gli articoli ed approfondimenti sul mondo sulle scienze. Contatta la redazione per approfondire delle tematiche.

Metodo Stamina. Decreto Governo: SI al metodo stamina, Nuove speranze per la piccola Sofia. Intervista a Vannoni

Metodo Stamina: un Decreto riaccende la speranza per la piccola Sofia e per i genitori provati. Sofia, la bambina farfalla descritta con dolcezza ed intenso amore dalla Madre Caterina nel libro “Voa Voa”, potrà, finalmente, ritornare a volare, libera da cavilli burocratici, al fianco dei suoi coraggiosi genitori. A stabilirlo è un Decreto del Consiglio […]

D'agata Giovanni

Canna Elettronica – Dalla sigaretta alla canna elettronica. Il Boom di Cannacig: Arriva lo spinello elettronico in Italia?

Dalla Sigaretta Elettronica alla Canna Elettronica Arriva Cannacig, negli U.S.A. è gia Boom, l’italia si prepara ad accoglierla. La novità è stata lanciata in California, in seguito all’ondata anti-proibizionista che si sta propagando  negli Stati Uniti, dove si sono avuti referendum  in Colorado e Washington che hanno aperto all’uso della cannabis a scopo “ricreativo”, tanto […]

Sicurezza sul Web – Come avere sicurezza sul web e quando proteggersi su Internet

Il World Wide Web è indubbiamente la rete di servizi più imponente della storia. Da quando è nato, quasi 22 anni fa, si è ingrandito a dismisura, entrando nelle nostre vite a poco a poco, integrandosi sempre di più in esse, entrando in simbiosi con le nostre abitudini e le nostre necessità. Col tempo le […]

Meteoriti in Russia trovati frammenti – Meteoriti in Russia Astronomo Brescia ci spiega cosa è accaduto

Pioggia di Meteoriti in Russia: ritorna l’incubo di TunguskaRussia, febbraio 2013: una pioggia di meteoriti causa 23 milioni di euro di danni e 1200 feriti, scuotendo l’intero Pianeta. Alcune correnti di pensiero sostengono si tratti dell’evento più clamoroso del terzo millennio (anche se il nuovo secolo è iniziato da soli 13 anni). Il fenomeno ha causato […]

Bulimia nervosa

Bulimia nervosa e Anoressia – Bulimia nervosa – Sintomi cause danni e cure bulimia nervosa

Bulimia nervosa comunemente detta Bulimia e con l’anoressia un disturbo alimentare. Il cibo è una liana a cui aggrapparsi per fuggire dalle sabbie mobili dello stress. Il rischio riguarda soprattutto le donne perfezioniste e con una vita sociale e sessuale attiva. Il fulcro nevralgico del disturbo alimentare della Bulimia nervosa alberga nell’incapacità di accettare il proprio […]

Medici Impreparati – I giovani medici impreparati non sanno usare i bisturi

Il Presidente dell’Ordine dei medici di Milano, dottore Roberto Carlo Rossi, ha sollevato in questi giorni un problema serio, che a molti forse non sorprende più di tanto ma che sicuramente getta nello sconforto chi magari un giorno si troverà di fronte ad uno dei tanti giovani medici che escono dalle università italiane. Giovani Medici […]

Anoressia e Giovani

Anoressia e Giovani – Sintomi Anoressia Riconosce e Curare

Anoressia e Giovani: sentirsi in colpa dopo aver mangiato è come sentirsi in colpa di essere al mondo. I giovani del terzo millennio sono sempre più fragili. Desiderano un corpo perfetto. I giovani desiderano essere rispettati, amati, coccolati e pur di riuscirci sono disposti a tutto, persino ad adeguarsi ai modelli esistenziali proposti dai mass […]

Iscrizione Albo Odontoiatri: come ed entro quando Iscriversi all’Albo Odontoiatri

Al fine di rendervi il percorso più semplice, vi forniremo indicazioni su tutta la prassi amministrativa da seguire per l’ Iscrizione Albo Odontoiatri. Per i giovani laureati in Odontoiatria, conseguito il titolo professionale mediante superamento di esame di Stato, una delle priorità necessarie da compiera ai fini dell’esercizio della professione è l’ Iscrizione Albo Odontoiatri […]

amore per la prima volta

Contraccettivo e Sensibilità: il contraccettivo salvalavita pischelli riduce il piacere?

Contraccettivo e Sensibilità: protegge da molte malattie e non riduce il piacere. Checché se ne dica, salva la vita. Certo, bisogna saperlo usare. Bisogna capirne l’importanza. Un’importanza assoluta, specialmente per i giovani. Il “salvalavita pischelli”, così ribattezzato dal simpaticissimo Fiorello, infatti, svolge una funzione fondamentale soprattutto per la categoria più a rischio, la più immacolata e […]

Vaccino anti papilloma virus: Stupro Sanitario o Equivoco Mediatico?

Vaccino anti papilloma virus: “Stupro Sanitario, Truffa Criminale e Piano Diabolico”. Sono questi i cruenti epiteti usati da alcune correnti di pensiero per etichettare il vaccino anti papilloma virus. I fautori della teoria del Complotto, gli esegeti della ragion pura della medicina tradizionale ed ufficiale, i persecutori dell’imperialismo delle multinazionali farmaceutiche, non hanno perso un […]

Sigaretta Elettronica

Perché non fa male la sigaretta elettronica secondo Polosa

La sigaretta elettronica simboleggia l’abiura al fumo tradizionale. E’ la moda del momento. Una mania del presente destinata a diventare una tendenza per l’avvenire ed, al contempo, a limitare i deleteri ed infausti danni prodotti dalle bionde convenzionali.

La prima sigaretta del mattino è la più desiderata, ricercata, vezzeggiata con i polpastrelli delle dita, baciata, candidamente, con labbra ruvide, ed amata con cuore tiepido, come se fosse una ragazza, o una dolce quarantenne, magari bionda, sensuale, rovente, con le autoreggenti rosse, oppure blu, ed un revolver nascosto nella borsetta. Un revolver, sì. Perché al di là dei suoi afflati sublimi, la sigaretta è una killer spietata che seduce ed uccide milioni di persone, unite da un unico macabro file rouge: il desiderio di colmare un vuoto esistenziale rifugiandosi nel famelico e deleterio culto del fumo.

Questo culto, oggi, sembra destinato a mutare per sempre le proprie sembianze, assumendo un’impronta total hi-tech.

Anticoncezionali Femminili: rischi per la salute

Anticoncezionali Femminili e Rischi per la Salute

La Pillola Anticoncezionale è uno dei farmaci più discussi al mondo. Brevettata nel 1956 dal medico statunitense Gregory Pincus, la Pillola fu introdotta in Italia soltanto nel 1972, dopo la rivoluzione sessantottina. Fin dalle prime luci dell’alba, la creatura di Pincus è stata aborrita dall’intellighenzia Pontificia. Negli ultimi tempi, però, anche la comunità scientifica internazionale ha iniziato a paventare un costante scetticismo.

Virtual telescope da Gianluca Masi

Virtual telescope da Gianluca Masi a Bellatrix del Planetario di Roma

Gianluca Masi è un astronomo di fama internazionale. Un astronomo che ha iniziato ad osservare la volta celeste quando aveva appena otto anni. Astrofisico, divulgatore, astrofilo, curatore scientifico del Planetario di Roma e direttore dell’Osservatorio Astronomico Bellatrix, Masi è autore di numerose scoperte ed attività, animate ed edulcorate da un unico comune denominatore: un talento innato. Affascinati ed incuriositi dalla sua verve scientifica, abbiamo deciso di intervistarlo.

Rita Levi Montalcini è morta, premio nobel e senatore a vita, aveva 103 anni

In un paese in cui da tempo ormai sono sfiorite le illusioni rivoluzionarie, rimane oggi il ricordo di quei fasci di luce che hanno illuminato l’Italia, come diamanti in un campo di grano inaridito. Rita Levi Montalcini è morta, premio nobel e senatore a vita, aveva 103 anni, nella sua abitazione a Roma, nei pressi […]

Otto grandi misteri dell'astronomia

Scoperto Pianeta simile alla Terra, HD 10700e Tau Ceti

Scoperta una Nuova Terra intorno a Tau Ceti

Di recente, un team di astronomi dell’Università dell’Hertfordshire ha effettuato una scoperta davvero molto interessante. Grazie all’ausilio tecnologico di tre spettrografi, infatti, gli scienziati britannici, studiando la stella Tau Ceti, hanno scoperto l’esistenza di cinque pianeti orbitanti, uno dei quali situato nella zona abitabile. Il Pianeta HD 10700e, ubicato a soli 12 anni luce dalla Terra, infatti, potrebbe contenere acqua allo stato liquido sulla superficie e, quindi, potrebbe essere idoneo ad ospitare la vita.

Per i ricercatori, questa scoperta ha il merito di avvalorare la teoria secondo la quale “quasi ogni stella ha dei pianeti e che le galassie devono averne molti potenzialmente abitabili e delle dimensioni della Terra”. Ad ogni modo, i 5 pianeti sono caratterizzati da una massa relativamente minima.

Qualità Ospedali Italiani

Qualità Ospedali Italiani secondo Istat e Agenas. Intervista al Prof. Carlo La Vecchia

L’Annuario Statistico 2011 dell’Istat dell’Istat ha avuto il merito di constatare due importantissimi fattori: la diminuzione delle strutture sanitarie e la percezione positiva dello stato di salute degli italiani. Secondo la relazione, nel 2011, il 71,1% degli italiani ha valutato positivamente il proprio stato di salute. Si tratta di una valutazione a dir poco sintomatica, che ha il pregio di porre in risalto, in maniera lampante, l’efficienza qualitativa del Sistema Sanitario italiano.

Ad incrementare il ritmo evolutivo della salute degli italiani, quindi, è la qualità dell’offerta sanitaria e non l’abbondanza degli ospedali. Si tratta di un’offerta edulcorata e caldeggiata dall’esistenza di ottimi professionisti e di strutture tecnologicamente avanzate, operanti nel territorio italiano. Si pensi all’Istituto Mario Negri, ad esempio.

L’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” è la prima fondazione italiana interamente dedicata alla ricerca biomedica. Nel 1960, anno della sua nascita, l’Istituto era caratterizzato dalla presenza di un gruppo di soli ventidue ricercatori. Oggi, invece, risulta edulcorato da ben quattro sedi e da 900 ricercatori al servizio degli ammalati. Al fin di comprenderne al meglio gli obiettivi e le attività, abbiamo deciso d’intervistare il Prof. Carlo La Vecchia, docente di Epidemiologia all’Università di Milano e Capo del Dipartimento di Epidemiologia dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”.

Prof. Carlo La Vecchia

La Vecchia: buona salute e ospedali in calo: intervista al prof.

La relazione annuale sullo stato di salute della popolazione italiana ha fornito dati statistici tutt’altro che nefasti. Dal 2009, infatti, l’Istat ha avuto modo di constatare una lieve, seppur palpabile, evoluzione. Secondo gli esperti, i cittadini in buona salute sarebbero in aumento. Nel 2011, ad esempio, almeno il 71,1% degli abitanti italiani è risultato in buona salute, a dispetto del 70,6% relativo al 2010 ed al 69,3% del 2009. Si tratta, senza ombra di dubbio, di statistiche piuttosto confortanti, che hanno il pregio di evidenziare l’efficienza e la funzionalità del sistema sanitario italiano.

Ad ogni modo, l’Annuario Statistico 2011 dell’Istat ha anche il merito di constatare un altro importantissimo fattore: la riduzione numerica delle strutture sanitarie italiane. Nel 2008, infatti, l’assistenza sanitaria distrettuale era caratterizzata dalla presenza di 46.510 medici di base, 8 ogni 10.000 abitanti, in lieve calo rispetto ai 47.061 del 2004. Lo stesso discorso vale per le Asl, gli ambulatori e i laboratori pubblici e privati convenzionati.

Al di là di questi valori, però, gli esperti appaiono concordi nell’evidenziare un aumento dell’assistenza domiciliare. I pazienti assistiti presso la propria abitazione, infatti, sono aumentati: si va dai 414.000 del 2006, ai 494.000 del 2008, l’81% dei quali ha più di 65 anni. Questi dati dimostrano che il lieve calo delle strutture sanitarie non sia del tutto infausto per la popolazione italiana.

Alimentazione, ricerca e sicurezza: i consigli del Dott. Marrone

Cibi o veleni? Arrivano quotidianamente alla nostra attenzione informazioni, spesso anche contrastanti tra loro, su quali alimenti sono sani e quali sono dannosi. A ciò si aggiunge il pericolo di incorrere in cibi che possono contenere sostanze tossiche o che, se conservati male, possono causare gravi danni al nostro organismo. Sono poi tantissimi gli studenti […]

L’Aspartame non è nocivo: l’opinione del Prof. La Vecchia

Negli ultimi tempi, sembra che l’aspartame sia tornato agli onori della cronaca giornalistica. La trasmissione Report, ad esempio, ha dedicato all’edulcorante artificiale un intenso servizio, caratterizzato da un’indagine minuziosa condotta sui suoi ascosi e reconditi effetti nocivi. Il fulcro nevralgico dell’inchiesta di Sabrina Giannini, infatti, giace nella necessità di porre in risalto i reali rischi correlati all’assunzione dell’acido aspartico. Secondo recenti studi, nel mondo circa 6.500 prodotti di varia natura sono caratterizzati dalla presenza di aspartame. 200 milioni, invece, sono le persone che ne fanno un consumo abituale. Questo edulcorante è presente in medicinali, bevande ed alimenti: si trova nelle caramelle, nello yogurt e nelle bevande dietetiche. Ad ogni modo, va detto che i dubbi sulla sua nocività sono sorti nel lontano 1970. Ufficialmente, l’aspartame fu scoperto e brevettato dalla multinazionale americana Monsanto nel 1965, durante alcuni studi sull’ulcera. Dopo circa 9 anni, nel 1974, la Searle, azienda detentrice del brevetto, chiese l’autorizzazione per l’immissione sul mercato all’EFSA. Autorizzazione che fu concessa soltanto nel 1980, dopo anni d’indagini scientifiche. Fu così che l’aspartame divenne uno dei più grandi successi commerciali di sempre, un’icona del consumismo americano; una silente spina nel fianco per i più obesi. Sì, perché l’aspartame, in realtà, è una sostanza a basso contenuto calorico, impiegata soprattutto per le diete. Al di là di questo, però, negli ultimi anni sono stati compiuti diversi studi finalizzati ad accertare gli effetti concitati dall’aspartame. Studi che traggono origine dalle perduranti lamentele manifestate dai consumatori di diversi paesi del mondo, guidate dall’associazione americana Food Democracy ( prima contestatrice delle attività della Monsanto). Ad ogni modo, i dubbi connessi all’ipotetica nocività dell’aspartame restano ancora irrisolti. Esistono diverse correnti di pensiero. Da un lato vi sono coloro i quali sostengono che il dolcificante possa provocare il cancro e, dall’altro, chi invece non lo considera per niente deleterio. Al fin di scalfire ogni dubbio e di comprendere al meglio la questione, abbiamo contattato il Prof. Carlo La Vecchia, docente di Epidemiologia presso l’Università di Milano e Direttore del Dipartimento di Epidemiologia dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”. Il Prof. La Vecchia è autore o coautore di oltre 1.750 pubblicazioni inerenti a tematiche scientifiche di grande interesse ed attualità. E’ inoltre Professore Straordinario di Epidemiologia presso l’Università di Losanna e Professore aggiunto di Medicina presso l’Università di Nashville.

INAF

INAF e Mondo Universitario: Intervista all’Astronomo Antonuccio

In Italia esistono ben diciannove Osservatori Astronomici ed Astrofisici. Questi Enti Pubblici di Ricerca rappresentano le più antiche istituzioni scientifiche italiane, istituite per la maggior parte nel lontano ‘700. Edulcorate da un retaggio storico e patrimoniale a dir poco emblematico, queste strutture alternano al grande valore artistico, un’intensa vivacità culturale. Al loro interno, infatti, vi sono biblioteche, archivi, documenti e strumentazioni scientifiche altamente pregiate. Gli Osservatori Astronomici ed Astrofisici, dunque, sono un patrimonio d’inestimabile valore. L’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) è il principale Ente Pubblico di Ricerca italiano per l’astronomia e l’astrofisica. Le biblioteche storiche INAF contengono circa 125.000 volumi antichi di fisica e astronomia, inclusi una ventina di testi risalenti al XV secolo, tra i primi stampati col metodo Gutenberg. Ogni anno, i suoi ricercatori firmano più di 3.000 pubblicazioni scientifiche. L’obiettivo nevralgico dell’Istituto è la promozione e realizzazione di attività di ricerca scientifica nei campi dell’Astronomia e dell’Astrofisica. L’INAF collabora in maniera catartica con le Università italiane. Al fin di comprendere al meglio le funzioni dell’Istituto Nazionale di Astrofisica ed al contempo di evidenziarne i rapporti con il mondo universitario abbiamo deciso di intervistare il Dott. Vincenzo Antonuccio, astronomo INAF e ricercatore dell’Osservatorio Astrofisico di Catania.

Cancro e Aspartame: l’Opinione dell’EFSA

Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica internazionale Nature ha messo in risalto i lati oscuri e deleteri di una delle sostanze più dolci e piacevoli da ingerire: lo zucchero. Secondo i ricercatori, il fruttosio provocherebbe danni a dir poco irreparabili: malattie cardiache, obesità, diabete, cancro ed insufficienza epatica acuta. Ad obnubilare ed annichilire le difese immunitarie, in particolare, sarebbero delle tossine. Il fruttosio, del resto, è in grado di concitare le medesime conseguenze scaturenti dall’uso di sostanze alcoliche. Molte sostanze ad alto contenuto calorico, infatti, non appaiono del tutto inclini ad essere utilizzate direttamente dai tessuti del corpo e, pertanto, al fin di essere metabolizzate, coinvolgono il fegato, generando tossine profondamente nefaste. Queste tossine, per i ricercatori, sarebbero le principali responsabili dell’annichilimento del nostro organismo. L’impiego costante ed eccessivo di tali sostanze caloriche, a lungo andare, può danneggiare irreversibilmente l’organismo delle persone affette da obesità, ed al contempo, mettere a repentaglio il benessere fisico delle persone sane. L’abuso di sostanze caloriche, infatti, può produrre effetti altamente deleteri anche in soggetti apparentemente in buona salute. Ad ogni modo, lo studio pubblicato sulla rivista anglosassone ha il merito di evidenziare da un lato i rischi correlati all’abuso di sostanze contenenti fruttosio, dall’altro, le conseguenze deleterie scaturenti dall’utilizzo costante di alcune sostanze a basso contenuto calorico, come l’aspartame. Al di là del saccarosio, il più comune dolcificante presente sul mercato, e dello zucchero di canna, nel corso degli anni la scienza e la tecnologia hanno offerto un prezioso contributo nella produzione di alcune sostanze chimiche ad alto o basso contenuto calorico. Si pensi alla saccarina (500 volte più dolce dello zucchero), ed all’aspartame, entrambi inseriti nell’escatologia concettuale degli edulcoranti artificiali. L’aspartame è presente in molti alimenti light e risulta caratterizzato da una bassa composizione calorica. Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che tale edulcorante sia 200 volte più dolce dello zucchero tradizionale. Composto di acido aspartico e fenilalanina, nel corso degli anni l’aspartame è stato oggetto di diversi studi scientifici, animati da un unitario file rouge: Dimostrare che l’aspartame non fosse nocivo. Al fin di comprendere al meglio quale sia la reale natura di questo edulcorante artificiale ed, al contempo, di rassicurare i consumatori, abbiamo deciso di contattare l’Ufficio Stampa dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA).

Le Nanotecnologie secondo l’EFSA

Di recente, ci siamo occupati di un argomento di grande attualità scientifica: le nanotecnologie. In particolare, abbiamo detto che esse rappresentano un’occasione per rivoluzionare e migliorare la vita delle persone, offrendo grandi opportunità di sviluppo economico e sociale. Secondo la comunità scientifica internazionale, infatti, l’anamnesi, la progettazione e l’utilizzo delle nanotecnologie, e più in generale dell’infinitamente piccolo, fanno da cartina al tornasole per la comprensione dell’infinitamente grande.

In questo articolo, invece, ci occuperemo esclusivamente della gestione dei rischi relativi alle nanotecnologie. Al di là dei pregi e delle virtù scientifiche, gli scienziati manifestano notevole interesse anche per un altro sintomatico aspetto. Da diversi anni, infatti, molti ricercatori internazionali sono impegnati in un’attenta attività di analisi ed elaborazione dei potenziali rischi per la salute, scaturenti dall’impiego di nanotecnologie. Di particolare rilievo risultano le indagini condotte dai ricercatori dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA).